Ashram Joytinat - Home Ashram Joytinat - Home
 

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 28/11/2021

I fallimenti, motivo di crescita

Capita, a volte, che certe situazioni siano più irritanti di altre . Generalmente la via della pace è la migliore. Tuttavia se le persone con le quali ci confrontiamo non prestano sufficiente attenzione, collaborazione e coinvolgimento è possibile che sia necessaria una presa di attitudine più forte, come per esempio alzare il tono della voce.

La cosa importante è che l’evento sia occasionale e che duri poco tempo. Una volta accaduto è importante non sentire sensi di colpa perché sappiamo bene che il passato non esiste più, quindi un eventuale attaccamento ad esso sarebbe del tutto inutile. Una simile occasione è tuttavia un’opportunità di analizzare se stessi chiedendosi: “Chi è colui che si è arrabbiato?”, “Quali sono i fattori scattenanti e gli schemi mentali che hanno portato a questa reazione?",

Quasi sempre un fallimento è un'occasione di crescita. È concesso arrabbiarsi ma non essere rabbia. La percezione della realtà e la sua l’analisi sono fondamentale per capire la più importante delle realtà:”IL SÈ”

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

https://youtu.be/s4hOEtr9MRU

Aom Shanti Shanti Shanti

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 27/11/2021

Fai le cose seguendo il tuo Dharma, vedi in ogni cosa il dovere sacro

Karma Yoga è uno strumento per allenare le qualità della mente elevata. In un Ashram il servizio ha lo scopo di sviluppare le qualità della mente elevata. Infatti, un requisito fondamentale per potere fare karma yoga con purezza è avere raggiunto già una qualità della mente elevata. Quindi all'interno di un Ashram c’è la possibilità di lavorare ma trasformando tutto come una servizio, dando la possibilità alla mente di maturare. 

Quando la mente è matura ha la capacità di entrare in meditazione oppure percepire la pratica spirituale in ogni attività della quotidianità. 

Quando si ha questo allenamento allora una persona può mantenere lo stato mentale equilibrato e di meditazione anche al di fuori dell’Ashram. Mentre se ci manca questo allenamento allora la persona si farà coinvolgere nelle attività ed energie della vita mondana perdendo la giusta via. 

In un Ashram ci sono tante attività da organizzare. Questa organizzazione è uno strumento per sviluppare le qualità della mente elevata. Non si deve cercare il piacere, il desiderio ma bisogna svolgere ogni azione come un rito sacro.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

https://youtu.be/l0ULDyHQ1BI

Aom Shanti Shanti Shanti

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 26/11/2021

Le cose non sono come sembrano

Esistono alcune persone che all’apparenza esprimono durezza, pesantezza, rigidità. Anche nel contesto dell’ Ashram esiste questa tipologia di persone. Tuttavia, a volte, queste persone possono sorprenderci con la loro disponibilità e attenzione. 

Il carattere di una persona è segnata dalla famiglia, dalla società, dal ruolo lavorativo che ricoprono. A causa delle loro responsabilità sembrano rigidi. Ma in momenti di difficoltà sono capaci di grande affetto e attenzione, aiutano di buon grado gli altri e sono pronti a servire con devozione.

Per questo motivo non bisogna mai giudicare secondo le apparenze ma mantenere sempre un atteggiamento distaccato da osservatore e accettare gli altri così come sono. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 25/11/2021

La purezza delle intenzioni

Un Maestro sa sempre quando gli allievi hanno pure intenzioni oppure no. Quando un allievo propone un’iniziativa con una conseguente successione di azioni, quello che più interessa al Maestro non è l’azione in se stessa ma la motivazione e l’attitudine durante il suo svolgimento. Un Guru sa sempre riconoscere uno schema mentale e quando esso si manifesta, il Maestro fa di tutto per sgretolarlo attraverso la profonda comprensione nell’anima. 

Il Guru riesce a percepire in anticipo la motivazione del ricercatore spirituale, addirittura prima ancora che esso gliene parli e attraverso certi atteggiamenti lo incoraggia oppure gli impedisce persino di parlare. 

Quello che per uno studente spirituale può sembrare una buona idea non necessariamente lo è per il Maestro in quanto la capacità di comprensione nella profondità è diversa. La visione ristretta dell’allievo spesso non coincide con la visone ampia del Maestro.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/4opVQM9BD4Q

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 24/11/2021

Sura Tapas e Asura Tapas

Quando valuti un'azione etichettandola come  “giusta” o “sbagliata” stai usando il tuo ego.. La cosa che veramente conta è la motivazione che sta alla base della tua azione e l’atteggiamento che hai durante il suo svolgimento. Lo scopo di un’azione non è il suo risultato. 

Per questo è necessario capire che cos’è un’azione. L’azione è la vita stessa. Esistono due tipi di azioni: con movimento e senza movimento(non-dualità). L’azione nella vita ha un movimento mentre l’azione nella non-dualità rappresenta l’illuminazione, lo stato di samadhi. 

La migliore azione è quella fatta come sadhana(pratica spirituale). Perché?

Per potere entrare in uno stato di non-azione nell’azione.

Esistono due tipologie di tapas: Sura Tapas e Asura Tapas. Sura tapas vuol dire fare azioni in armonia indipendentemente dal flusso della vita, trasformando positivamente anche gli eventi negativi per evitare di sentire la pesantezza. Se pratichi sura tapas vivi la vita in armonia e percepisci la pace e l’unità ovunque. Per sviluppare questo atteggiamento è necessario svolgere delle azioni senza motivazione come servizio(karma yoga).

Asura tapas significa fare un’azione con ego per raggiungere una propria realizzazione egoistica, con aspettativa. 

E’ meglio pensare di avere piuttosto che dare. Quando hai amore automaticamente dai amore, quando hai la pace in modo naturale la doni e così via. Non si può pensare di donare al mondo una cosa che non si ha. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/NX6oRHGmu-8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 23/11/2021

Ogni lavoro deve essere fatto come sadhana(pratica spirituale)

Quando non abbiamo la coscienza di svolgere un’attività come una sadhana allora ogni lavoro diventa pesante. Sadhanare significa affrontare le difficoltà della vita con decisione e leggerezza. Se viviamo senza difficoltà. quindi nella comodità, smettiamo di vivere ogni azione come una sadhana. 

Il Maestro dà l'opportunità di crescita quindi cerca di  sensibilizzare gli aspiranti spirituali. Chi è sensibile raccoglie questa opportunità. Chi invece non è sensibile e ricettivo blocca se stesso. 

Importante iniziare a costruire con pazienza mattone dopo mattone. Questo percorso si chiama crescita quindi Sadhana. 

Quando piantiamo un seme questo continuamente cresce. Quando non c’è acqua magari il seme soffre ma poi quando piove cresce comunque. Chi ha la sensibilità quindi la coscienza ogni tanto mette dell’acqua.

La spiritualità vuol dire affrontare le difficoltà che richiede un impegno costante. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/hhEH_IDCLAU

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 22/11/2021

Non impedire al tuo corpo di funzionare in nome della comodità

A volte facciamo di tutto per impedire il normale funzionamento del nostro organismo, sistemi e organi. Nell’ignoranza seguiamo la mondanità e facciamo del male al nostro corpo e mente. 

Lavorare duramente, sudare, faticare sono azioni che ci aiutano a restare in salute, mantenere una buona flessibilità delle ossa, elasticità dei muscoli, una buona digestione, una mente pacifica. Ogni tipo di lavoro ci dà dei benefici fisici o mentali. Lavorare all'aria aperta rinforza i muscoli e le ossa. Inoltre migliora la digestione e l'eliminazione delle scorie. 

Il lavoro mentale invece migliora la memoria,  la capacità di capire, analizzare etc.

Per esempio, lavorando il corpo produce sudore. Se permettiamo al corpo di secernere questa sostanza allora il corpo rimarrà in salute.  Sudare liberamente è benefico per il corpo. Non dobbiamo cercare di impedire al nostro corpo di mantenere il suo normale funzionamento. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/YfE-R-ghYto

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 20/11/2021

L’esperienza insegna perché l’esperienza è la verità!

Quando svolgiamo un’attività spirituale(karma Yoga) oppure decidiamo di fare un'azione spirituale dobbiamo sviluppare la consapevolezza  che non lo stiamo facendo per fare un piacere ad altri ma lo stiamo facendo per bruciare il nostro karma. 

In questo i Maestri sono sempre da esempio per i discepoli ed aspiranti spirituali. Infatti loro per primi svolgono i lavori più umili come pulire, lavare, lavorare la terra, cucinare. Queste azioni vengono considerate azioni sacre molto utili per la purificazione. 

La santità è collegata con un’anima che vive senza disturbi e in pace, invece il corpo è uguale per tutti. Per questo i Maestri lavorano fianco a fianco degli aspiranti spirituali. Infatti per loro il principio è molto semplice: faccio tutto ciò che trovo da fare dove sto.

Per questo prendere la decisione di impegnarsi in qualsiasi cosa il cammino spirituale ti proponga è molto importante. Se seguiamo la via della Virtù allora troviamo la forza di impegnarsi. Se invece seguiamo la via dei vizi sicuramente troveremo tante scuse per non svolgere i nostri doveri.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/IFRncE1z1oo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 19/11/2021

Il giudizio, impedimento per un aspirante spirituale

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che spesso le persone esprimono opinioni su argomenti che non conoscono. Queste opinioni sono quasi sempre sbagliate. 

Inoltre,  quasi sempre, le situazioni non sono come le percepiamo dall’esterno e solo chi vive in prima persona una situazione può sapere realmente come stanno le cose. Ci sfugge la reale causa delle azioni altrui. 

Per questo, per un aspirante spirituale, la discrezione e non esprimere giudizi è di fondamentale importanza. I nostri schemi mentali ci fanno vedere cose che non ci sono, senza renderci conto che dietro ogni persona esiste uno schema mentale differente che va rispettato.

Il rispetto per noi stessi e per gli altri ci impediscono di esprimere giudizi e arrivare a conclusioni affrettate. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/11/2021

Il lavoro ci rafforza 

Ogni tipo di lavoro ci dà dei benefici fisici o mentali. Lavorare all'aria aperta rinforza i muscoli e le ossa. Inoltre migliora la digestione e l'eliminazione delle scorie. 

Il lavoro mentale invece migliora la memoria,  la capacità di capire, analizzare etc.

Anche in un Ashram si svolgono tutte queste attività alle quali si aggiungono anche le attività spirituali che migliorano la pazienza, ci aiutano ad avere una visione più ampia ed essere felici. 

I veri Maestri sono un esempio anche in questo in quanto sono i primi a lavorare per dare il loro contributo al funzionamento dell'Ashram. Attraverso il loro comportamento ci insegnano l'umiltà, la forza di volontà e la gioia della partecipazione.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/TECm3DflDSc

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 17/11/2021

Quando il desiderio si trasforma in devozione 

Pensare e sentire fa parte della natura della mente. Attraverso i sensi percepiamo ed apprezziamo il mondo esterno. Questo crea desiderio, attaccamento e quindi sofferenza. 

A volte ci viene spontaneo chiederci: “Se posso apprezzare una montagna perché non posso apprezzare, nel senso di desiderare, un altro essere umano?”

Dietro la sessualità c’è l’amore ma dietro l’amore c’è sempre il dolore. Per esempio quando una persona muore noi esprimiamo il dolore attraverso l’amore e viceversa. 

Esiste invece l’amore devozionale che trasforma il dolore e infine lo elimina. Se non c’è più dolore allora anche il desiderio viene cancellato. 

Per questo, un aspirante spirituale deve trascendere il legame sensoriale. Quando riusciamo a trascendere i nostri desideri allora ogni volta che vediamo una donna oppure un uomo nasce in noi un sentimento di devozione. 

Quando avviene questa trasformazione, ogni volta che guardiamo una donna vediamo nostra madre e ogni volta che guardiamo un uomo vediamo nostro padre. Questa trasformazione ci porterà lontano dal desiderio, dall'attaccamento e dalla sofferenza. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/ZlqQKi8ecMU

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 16/11/2021

Tutte le grandi anime, Mahatma, si forzano per controllare il desiderio

La maggior parte degli aspiranti spirituali hanno un importante obiettivo: controllare ogni forma di desiderio specialmente gli impulsi sessuali. 

Qualcuno potrebbe pensare che semplicemente evitando la presenza di persone di sesso opposto il problema sia risolto. Invece la situazione non può essere risolta definitivamente in questo modo. 

La soluzione è da cercare all’interno di se stessi e mai all’esterno. Attraverso la Sadhana quotidiana, la purificazione, la guida del Maestro un aspirante spirituale può sviluppare un controllo quasi completo e in alcuni casi cancellare del tutto ogni desiderio. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/I1CsqTAaHGo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/11/2021

A volte qualche bugia è necessaria

Generalmente la sincerità è una cosa auspicabile e preferibile. Tuttavia ci sono delle situazioni quando l’omissione della verità è accettabile: quando non si vuole offendere qualcuno, quando ci si trova in pericolo di vita oppure è necessario per potere proseguire il proprio cammino spirituale. 

Certamente dire la verità è una qualità che dovremmo coltivare tutti. Dona chiarezza e soprattutto purezza mentale e di cuore. Comunque nel nostro percorso non dobbiamo essere troppo rigidi ma dobbiamo sviluppare anche l’adattabilità, valutare il comportamento in base alle situazioni cercando di creare meno disturbo e tensioni possibili. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/reLzCUgN6oM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/11/2021

Non avere paura di perdere la tua reputazione

A volte il Maestro chiede ai suoi discepoli di non rivelare agli altri il fatto che stanno svolgendo compiti che lui stesso ha assegnato. Questo per mantenersi umili e anche perché in questo modo le difficoltà aumentano. Infatti, il nome “Ashram” significa luogo per superare le difficoltà. 

Come conseguenza, può capitare che per alcuni membri dell’ashram, le scelte dei discepoli possano sembrare strane o inappropriate, senza capire che dietro il comportamento del discepolo ci sia il Maestro.

Questa mal comprensione porta, a volte, a discussioni o accuse. che il discepolo dovrebbe evitare il più possibile, aumentando la pazienza e resistenza. Il discepolo non deve avere paura di perdere la propria reputazione e non deve temere il giudizio degli altri. Deve sviluppare l'ubbidienza, la costanza. la stabilità, la devozione.  

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/mRHNkTtDdWg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/11/2021

“I cattivi spiriti se ne vanno quando vedono il sacerdote”

Alcuni Guru non desiderano speciali attenzioni e segni particolari di rispetto o sottomissione. Pensano che la devozione non si esprime necessariamente in modo formale. Inoltre sanno che l'accettazione di queste manifestazioni fa crescere ulteriormente l’ego dei discepoli e non incoraggiano questi comportamenti.

Solo quando l’umiltà si fa posto nel cuore del discepolo solo allora sarà possibile una vera trasformazione.

Un vecchio proverbio tamil dice:“I cattivi spiriti se ne vanno quando vedono il sacerdote” 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/njEqQdJIjW8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/11/2021

L’autonomia dona stabilità 

Quando un allievo è al servizio del suo Guru, costui all’inizio lo guida in ogni cosa e gli indica con precisione la strada da seguire e le attività spirituali da svolgere per purificare se stesso e fare progresso spirituale. 

Quando invece l’allievo ha raggiunto la giusta autonomia, il Maestro lo rende libero e lo lascia svolgere le attività senza la sua supervisione. Quando il Guru assegna un compito e lascia che l’allievo svolga in autonomia il lavoro, questa è una grande dimostrazione di fiducia e fede. In seguito ad una simile dimostrazione di fiducia nell’allievo nasce la gioia della riconoscenza e la gratitudine. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/EqBJ0RewHx0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/11/2021

Servire con umiltà

Una mente normale non riesce “digerire” certi avvenimenti della vita quindi crea manifestazioni egoiche che portano alla distruzione. 

A volte capita che devoti, che servono per anni, possano avere un cambio comportamentale inspiegabile. Questo è dovuto, da una parte, al proprio Karma ma anche alla incapacità attuale di trovare la forza di volontà per lottare contro il Karma. Di solito le persone seguono il proprio karma e difficilmente trovano la forza di volontà per lottare contro di esso.

Una visione egoistica ci impedisce di servire gli altri nel modo appropriato. È sempre meglio che siano gli altri a chiederti di fare una cosa e tu la fai, piuttosto che scegliere, secondo i propri desideri e preferenze, come e chi servire. 

Molte persone vengono in un Ashram pensando che attraverso il servizio possano ottenere l’illuminazione. La verità è che la via dell’illuminazione è molto difficile, con tanti ostacoli. Dobbiamo essere consapevoli e disposti ad attraversare molte difficoltà per crescere spiritualmente.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/4Yqn9YOYBMM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/11/2021

La nostra vera natura è un’impronta su tutto quello che facciamo

Durante la nostra intera vita portiamo avanti lotte contro noi stessi e gli altri. Finché siamo giovani abbiamo le energie per farlo. Ma nel momento della vecchiaia, malattia e infine la morte, questi eventi lasciano l’impronta nella nostra anima e i semi portano inevitabilmente i loro frutti. I debiti karmici non ci perdonano in questa vita ed oltre. Il nostro ego ci impedisce di accettare la realtà e ci spinge a fare scelte sbagliate. A volte si paga subito, altre volte si paga nel momento che meno ci si aspetta. 

Questa disarmonia si riflette anche nel momento della morte, un passaggio che può essere segnato dalla pace oppure dalla rabbia, attaccamento ed agitazione.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/NvhS6Xdggrs

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 09/11/2021

Tutto fa parte della vitaOgni singolo evento della vita, positivo o negativo, fa parte di un flusso naturale che noi non possiamo o non dobbiamo controllare. Quello che invece dobbiamo fare è diventare “allenati” osservatori di questa realtà, partecipare e affrontare attivamente ogni difficoltà con la pace e la gioia. 

Sviluppare l’abilità di affrontare le difficoltà con responsabilità è un dovere e la sua mancanza è segno di non-maturazione.

A volte chi intraprende un cammino spirituale ha l’aspettativa di una vita senza problemi. Ma questa è una mal comprensione ed interpretazione della realtà. Chi vive con saggezza sa che la vita è fatta di bene e male ed è consapevole che le difficoltà fanno crescere. Per  questo anche i grandi saggi non evitano le difficoltà, anzi se non ci sono le creano. La differenza la fa l’atteggiamento di fronte alle difficoltà e la scelta delle modalità per affrontare ogni situazione, con la pace oppure con agitazione e rabbia. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/jnI3gTFTa4M

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/11/2021

Il silenzio, il miglior modo di vivere una vita pacifica

Gli eventi positivi oppure negativi fanno tutti parte del flusso naturale della vita. Non esiste la luce senza il buio e viceversa. 

La cosa importante è come noi affrontiamo questi problemi e difficoltà. Abbiamo tre possibilità:

  • affrontare con sattva guna quindi con saggezza e pace
  • affrontare con rajasa guna quindi con agitazione e rabbia
  • affrontare con tamasa guna quindi con ignoranza, passività

Il miglior modo per affrontare un problema è IL SILENZIO, toglie potenza al problema e alla difficoltà. 

Chi vive con consapevolezza nella pienezza non può pretendere di vivere una vita senza difficoltà. 

Il nostro ruolo in questa vita non è quello di controllare gli eventi, per vivere solo situazioni ed eventi positivi. Il nostro ruolo è quello di testimoniare tutti gli accadimenti della vita e affrontare tutto con la pace e la saggezza. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/4WhIU24Ic0o

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 07/11/2021

Le situazioni non digerite creano emozioni distruttive

Il nostro ego va utilizzato per digerire il nostro karma e gli accadimenti attuali della nostra vita. Se non riusciamo digerire gli accadimenti attuali della nostra vita allora perdiamo la nostra pace e con essa facciamo sorgere in noi la rabbia, la frustrazione. La rabbia porta, a volte, persino alla pazzia. Per questo è veramente fondamentale digerire a livello strutturale ma anche sottile, mentale per evitare l’accumulo di tossine e tensioni.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/sAjCvL1Fmu4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 06/11/2021

Secondo la visione filosofica induista la vita può essere divisa in quattro stadi. 

Il primo stadio è Brahmacharya(dai 0 ai 20 anni circa) è la via delle virtù, evitando la vita mondana con i suoi desideri. E' la fase dove il bambino conosce Dio e la vita spirituale, dedicandosi all’insegnamento della Verità, Pace e Amore. Brahmacharya viene chiamato anche il periodo dell’astinenza da tutti i piaceri. Quando facciamo un’azione come un dovere questo può essere considerato brahmacharya. Viene chiamata anche la via della verità. 

La seconda fase è Grahasta che in sanskrito vuol dire casa. È il periodo in cui si crea la famiglia e la casa(tra 20 e i 50 anni) . Questa via è conosciuta anche come via del godimento. 

La terza via è Vanaprastha, la via della Sadhana(tra i 50 e gli 80 anni). E la via della riduzione, del distacco dalla vita mondana. Molte persone addirittura in questo periodo si ritirano in un ashram oppure in un tempio per dedicarsi interamente alla vita spirituale. Infatti viene chiamato anche la Via del Ritiro. Letteralmente Vanaprastha vuol dire “entrare nel bosco”. È conosciuta anche come via del controllo. 

La quarta via si chiama Sannyasa, la via del distacco. Una volta messe in pratica le prime tre vie, la persona è in grado di vivere ovunque e qualsiasi situazione con distacco. È conosciuta anche come via del distacco.

Queste quattro vie rappresentano quattro qualità.  Se avessimo una visione globale basterebbe percorrere anche solo una di queste vie per raggiungere Brahma. Percepire di essere parte del tutto e avere tutto dentro di noi è una comprensione fondamentale. Questa via si chiama Varuna Astha e  comprende tutte le quattro vie precedenti e va oltre esse. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/4v_B8n5CoAA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 05/11/2021

La sete di potere fa barccolare anche i più fedeli devoti

Gli atteggiamenti egoici diventano forti e prepotenti e si possono osservare nella quotidianità. 

Quando il desiderio di potere annebbia la mente dei devoti, essi non sono più  in grado di vedere chiaramente la realtà e iniziano  a mancare di rispetto ai loro simili e persino al Guro. 

In alcuni casi più gravi il devoto pieno di ego usa la menzogna e persino il furto per soddisfare i suoi desideri. 

La sete di potere e notorietà è la causa di ogni dubbio, rabbia, invidia, egoismo, crudeltà, mancanza di compassione. 

Se una persona decide di diventare qualcuno allora bisogna essere consapevoli che, molto probabilmente, bisogna attraversare queste esperienze. 

Quando invece non hai desideri con molta probabilità riuscirai a diventare nessuno. Se vivi come nessuno allora non nascono i desideri e neanche sentimenti negativi. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/QD1rSslqYGs

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 04/11/2021

La competizione tra aspiranti spirituali

Purtroppo a volte capita che tra discepoli ci possa nascere una sorta di competizione con inevitabili discussioni o dispute. Il consiglio che ogni Guru dà è che bisogna essere felici per la realizzazione spirituale degli altri esseri. Bisogna diventare consapevoli che non esiste competizione nel cammino spirituale ed è importante che l’aspirante spirituale desideri la felicità di tutti gli esseri. 

Ognuno deve concentrarsi sul proprio cammino e augurarsi che tutti gli esseri possano fare progresso spirituale. Le manifestazioni che nascono dall’Ego vanno controllate, tuttavia c’è una tipologia di ego che fa nascere quello che lo yoga e ayurveda chiama sattva guna. 

Attraverso sattva guna(qualità sattviche) ogni persona è capace di controllare le manifestazioni dell’ego.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/rv6aBe9lOiY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 03/11/2021

Rama Krishna Paramahansa diceva: “Se qualcuno parla male del tuo Guru dovresti difenderlo altrimenti puoi cadere nella disgrazia”

Il rapporto con il Guru è un legame che va oltre la mera apparenza di questo mondo. A volte ci si può trovare davanti a delle situazioni dove le persone possono insultare oppure offendere il tuo Guru. L’atteggiamento di fronte ad una simile situazione è quello della protezione del Guru, con ogni mezzo. 

I Maestri assegnano molti compiti ai loro discepoli e li fanno lavorare molto ma dall'altra parte li curano molto attraverso delle benedizioni. Il ruolo del devoto è molto difficile, segnato da tanti ostacoli e difficoltà. La qualità migliore di un devoto è quella di non lamentarsi mai, seguire con ubbidienza e compassione. 

Andare contro il Maestro o parlare male del Maestro fa accumulare un karma molto pesante, molto difficile da sciogliere. Quando invece un Maestro crea delle difficoltà agli allievi sta solo creando delle opportunità di crescita per loro.

Chi riesce ad affrontare queste difficoltà senza lamentarsi, senza criticare allora può sperimentare una vera crescita spirituale. Il devoto che non riesce ad apprezzare queste difficoltà ma vede solo la propria comodità allora non è un devoto sincero pronto a crescere veramente sulla via della devozione. 

Infatti la parola Ashram significa “grande difficoltà” quindi rappresenta il posto dove i Maestri creano delle difficoltà per dare la possibilità ai devoti di crescere e raggiungere “atman moksha” cioè la liberazione dell’anima.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/7nuNmcxPhbE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 02/11/2021

Chi serve con un forte senso dell’ego rinasce come nemico di Vishnu

Nella lettura di oggi abbiamo visto che anche grandi devoti possono servire con un forte senso di Ego. Gli atteggiamenti egoici diventano forti e prepotenti e si possono osservare nella quotidianità. 

Quando il desiderio di potere annebbia la mente dei devoti, essi non sono più  in grado di vedere chiaramente la realtà e iniziano  a mancare di rispetto ai loro simili e persino al Guru. 

In alcuni casi più gravi il devoto pieno di ego usa la menzogna e persino il furto per soddisfare i suoi desideri. 

La sete di potere e notorietà è la causa di ogni dubbio, rabbia, invidia, egoismo, crudeltà, mancanza di compassione. 

Se una persona decide di diventare qualcuno allora bisogna essere consapevoli che, molto probabilmente, bisogna attraversare queste esperienze. 

Quando invece non hai desideri con molta probabilità riuscirai a diventare nessuno. Se vivi come nessuno allora non nascono i desideri e neanche sentimenti negativi. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/MwtldfeJ4uA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 01/11/2021

Tapas agni per bruciare il karma

Nella lettura di oggi abbiamo conosciuto la storia di due devoti che proteggevano  l’entrata del Paradiso ma a causa del loro ego sono diventati nemici di Vishnu e come punizione sono nati per tre volte sulla terra.

Il significato di questo racconto è che la Terra è il mondo dell'illusione. Il cielo, invece, è la sede di Moksha(illuminazione). Nello stato di Moksha non esiste dualità, ego. 

La terra tuttavia ci dà la grande possibilità di fare tapas(austerità) per purificare il nostro karma. Bruciare il karma simbolicamente è come combattere con un demone. Quando bruciamo il nostro ego allora anche il nostro karma viene bruciato.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/0qfuYbTUI4g

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 31/10/2021

L’ego, la causa di tutti i mali

Chi fa servizio con Ego e non con umiltà è destinato alla distruzione. Questa situazione crea un conflitto nel profondo di noi stessi. 

Nella cultura vedica esistono questi demoni chiamati assura che nascono sulla terra. Invece i Deva(dei e semidei) stanno in cielo. Chi ha un karma da purificare deve nascere sulla terra , quindi nel Maya(il mondo illusorio) e attraverso le pratiche di purificazione(tapas) bruciare il proprio karma. 

Nello stato di Moksha(illuminazione) non c’è dualità, ego, desiderio. Mentre chi nasce sulla terra ha un eredità karmica collegata con i desideri, l’invidia, il potere etc.

La consapevolezza di questa realtà ci spinge a voler intraprendere un  percorso autentico di purificazione e servizio.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/37RJEpIbZz8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 30/10/2021

Preghiera Universale

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga

(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

https://youtu.be/iHwgOnZcjQ4

Aom Shanti Shanti Shanti

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 29/10/2021

La sete di potere fa barcollare anche i più fedeli discepoli

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che i desideri sono la fonte di ogni male. Nello specifico, desiderare di diventare qualcuno fa sorgere una serie di situazioni ed eventi che portano il devoto a perdere la propria pace e addirittura la propria fede e devozione. 

Anche il più forte e stabile dei devoti può essere cambiato dalla vita mondana e soprattutto dall’inseguimento dei desideri. 

La sete di potere e notorietà è la causa di ogni dubbio, rabbia, invidia, egoismo, crudeltà, mancanza di compassione. 

Per evitare questa situazione ogni azione va fatta come un dovere sacro, un atto di devozione verso Dio, gli altri e noi stessi. Karma Yoga purifica il corpo, la mente, i sensi e l’anima e ci prepara per la vera meditazione cioè la percezione dell'intera vita come una meditazione.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

https://youtu.be/DJ0rkSbUpBU

Aom Shanti Shanti Shanti

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 28/10/2021

Karma Yoga, uno strumento per allenare le qualità della mente elevata

In un Ashram il servizio ha lo scopo di sviluppare le qualità della mente elevata. Infatti, un requisito fondamentale per potere fare karma yoga con purezza è avere raggiunto già una qualità della mente elevata. Quindi all'interno di un Ashram c’è la possibilità di lavorare ma trasformando tutto come una servizio, dando la possibilità alla mente di maturare. 

Quando la mente è matura ha la capacità di entrare in meditazione oppure percepire la pratica spirituale in ogni attività della quotidianità. 

Quando si ha questo allenamento allora una persona può mantenere lo stato mentale equilibrato e di meditazione anche al di fuori dell’Ashram. Mentre se ci manca questo allenamento,  la persona si farà coinvolgere nelle attività ed energie della vita mondana perdendo la giusta via. 

In un Ashram ci sono tante attività da organizzare. Questa organizzazione è uno strumento per sviluppare le qualità della mente elevata. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

https://youtu.be/spE7_GSiwC0

Aom Shanti Shanti Shanti

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 27/10/2021

Vivere come qualcuno oppure come nessuno?

Devi invidiare chiunque ti sia inferiore. Devi diventare molto piccolo. In effetti non devi diventare nulla. Solo una persona che non diventa nessuno può dimorare nel Sé. Bisogna riflettere spesso sulla necessità dell’umiltà. 

Nessuno dovrebbe essere nostro inferiore. Uno che ha imparato ad essere inferiore diventerà superiore a tutti. 

Normalmente la nostra mente è programmata per vivere e diventare qualcuno. Questo crea una serie di desideri che portano alla perdita della pace, facendo sorgere la rabbia, la frustrazione, pesantezza e tristezza. Se decido di diventare qualcuno devi essere consapevole che molto probabilmente devi attraversare queste esperienze. 

Quando invece non hai desideri allora con molta probabilità riuscirai a diventare nessuno. Se vivi come nessuno allora non nascono i desideri e neanche sentimenti negativi. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/qlgCI65wIDg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 26/10/2021

Non serve dire "sono luce" basta solo esserlo

Coloro che sopprimono il pensiero “Io sono grande”, non prestandovi attenzione, di loro i Veda diranno che sono grandi. Coloro che dicono “io sono grande” invece sono piccoli. Dimmi, tra di loro chi subirà la miseria in questo mondo?

Lo spazio è la cosa più grande nell’universo ma esso non ha bisogno di dirlo agli altri. Il sole brilla nell’universo ma non ha bisogno di affermare la sua grandezza dicendo “Io sono luce”. Basta solo essere luce!

Non serve dire “io trasmetto la pace” ma basta solo essere la pace. 

Le conseguenze di queste affermazioni vengono assimilate da coloro che dicono che sono grandi e invece sono piccoli. Coloro che dicono di soffrire subiscono le conseguenze di una visione piccola, ristretta. Chi ha una visione ampia vede ogni cosa come parte dell’universo dove la sofferenza e le difficoltà vengono viste come eventi passeggeri di crescita. Se siamo l’universo non c’è niente da subire e niente da perdere.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/wOvK0FUVTEs

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 25/10/2021

La via della riduzione. l’unica soluzione per raggiungere la pace

Nessuno, per quanto grande, può dare ad un’altra persona moksha o bandha, liberazione o schiavitù. È naturale per una persona pensare di dovere essere una persona famosa nel mondo e lodata dagli altri. Ma se questo pensiero è presente non può conseguire vera grandezza o felicità. Dio non è interessato a coloro che promuovono le proprie affermazioni di grandezza. Chi non soddisfa Dio è una persona inferiore non una grande. 

Se una persona dedica sia la sua mente che il suo corpo a Dio in ogni modo possibile, Dio lo renderà famoso e le persone di tutto il mondo lo loderanno. 

Un verso di Vairagya Satakam dice: “Oh mente stai pensando per far sì che le persone del mondo ti considerino grande. Soltanto Dio, colui Eternamente esistente, è colui che donna liberazione e schiavitù. Qual’è l’utilità del fatto che gli altri conoscano la tua grandezza?

Oh mente esegui il tuo raro tapas di abbandonarti ai sacri piedi di Dio. Allora Dio ti renderà così grande che il mondo intero ti conoscerà e ti loderà.

Sappi questo!”

 

Quando noi abbiamo un’opinione di noi stessi, pensando di essere bravi o buoni, di solito questo non è vero in quanto è solo un trucco della mente. Come siamo veramente di solito non lo sappiamo. Altrimenti, se siamo consapevoli di come siamo veramente, non lo dobbiamo esprimere pubblicamente. 

Prova a chiederti che beneficio avrai diventando famoso oppure il numero uno? Chiediti anche cosa vuoi veramente?

Se vuoi la pace non devi diventare famoso. Il momento stesso che lo diventi perdi anche la tua pace. Quando smetti di identificarti con tutte le qualità allora avrai raggiunto la pace. Per questo la via della riduzione è l’unica via per raggiungere la pace.  

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

https://youtu.be/4fPmkqtmwks

Aom Shanti Shanti Shanti

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 24/10/2021

Vedi il bene nel male

Il Guru cerca sempre di vedere e stimolare le qualità e i talenti dei propri discepoli. Inoltre il Maestro rifiuta fortemente tutte le manifestazioni dell’ego e non si intromette nelle questioni che esso fa sorgere. Il giudizio non esiste nel Maestro. 

Purtroppo a volte capita che tra discepoli ci possa nascere una sorta di competizione con inevitabili discussioni o dispute. Il consiglio che ogni Guru dà è che bisogna essere felici per la realizzazione spirituale degli altri esseri. Bisogna diventare consapevoli che non esiste competizione nel cammino spirituale ed è importante che l’aspirante spirituale desideri la felicità di tutti gli esseri. 

Ognuno deve concentrarsi sul proprio cammino e augurarsi che tutti gli esseri possano fare progresso spirituale. Le manifestazioni che nascono dall’Ego vanno controllate, tuttavia c’è una tipologia di ego che fa nascere quello che lo yoga e ayurveda chiama sattva guna. 

Attraverso sattva guna(qualità sattviche) ogni persona è capace di controllare le manifestazioni dell’ego.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/av9X_r8Ws68

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/10/2021

Parayana

Parayana significa fare un rito sacro: pregare, cantare mantra, fare il rosario, leggere i libri sacri, svolgere una attività spirituale con consapevolezza, intensità e coscienza pura. 

Tutti i riti e libri sacri conducono al Samadhi, dipende tutto dall’intensità della pratica, dalla purezza e profondità del praticante. 

Sentire la compassione, l’amore, la devozione, mantenere il sorriso sono tutti doveri che non necessitano di una motivazione e giustificazione.

Ogni persona è benedetta se svolge il suo compito come una sadhana, cioè lavorare con una qualità elevata, attenzione superiore e con DEVOZIONE. Per questo bisogna adoperarsi ogni giorno per far crescere la devozione. 

La devozione lega il devoto al suo Guru ma anche viceversa. Quando accade questo la devozione è più importante di Dio perché Dio si personifica nel devoto.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/WBKh6lM2bOA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/10/2021

Che cos’è lo stato di Samadhi?

Il venticinquesimo verso del quarantatreesimo capitolo della Ribhu Gita dice:”L’Io è Eternamente Brahma e Brahma è, in effetti, Io. Questa convinzione quando fermamente sperimentata è conosciuta come incrollabile Samadhi. È Samadhi quello stato in cui si dimora in Nirvikalpa, libero dal pensiero e libero da ogni traccia di dualità. Attraverso questi due tipi di Samadhi si consegue la beatitudine di Jivanmukti, liberato pur vivendo, diventando l'Immacolato Supremo.” 

Attraverso lo Samadhi si realizza il proprio Sé, ci si trova in uno stato di assenza di pensieri ed emozioni. È uno stato puro, quindi c’è assenza di disturbi perché la mente viene annullata. In Samadhi la vita non c’è, esiste solo la purezza. Quando si raggiunge lo stato di Samadhi si raggiunge lo stato della perfezione, come Dio. Altrimenti si vive in uno stato di imperfezione. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/ezufqhdAfIE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/10/2021

L’autorealizzazione

Non ci può essere un mondo perfetto perché il mondo è un creazione di una mente imperfetta. Un oggetto perfetto non può essere creato da uno strumento così imperfetto cioè la mente. Mentre esiste la mente esiste anche il buono e il cattivo ma per uno jnani che non ha affatto mente non esiste il buono e il cattivo e neanche il mondo. 

Il mondo funziona solo se alla sua base ci stanno i due concetti opposti: il  bene e il male. Il compito dell’uomo e trovare il bene anche nel male. Il nostro principale scopo nella vita dovrebbe essere il dovere di tornare alla propria origine quindi conseguire la pace e la verità.

Non è facile trovare la verità perchè di solito quando cerchiamo qualcosa lo cerchiamo all’esterno ma la verità e la pace risiedono dentro noi stessi. Generalmente  noi umani veniamo considerati come prodotto di un errore oppure evento negativo e quindi abbiamo molti difetti ma all’interno di questi difetti si trova la verità quindi la perfezione.  Per questo la cosa più importante è la nostra autorealizzazione. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/dGktNW3qySw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/10/2021

La verità non può essere accuratamente convogliata con le parole

È inutile contrastare le opinioni di un uomo con un’altra raccolta di parole. Nella vità è normale che ci sia diversità: tra le persone, tra le opinioni, interessi, visoni etc. Dalle diversità possono, a volte, nascere conflitti. Se ci troviamo in uno stato spirituale elevato allora riusciamo comunque mantenere la pace e l’armonia. Quando non riusciamo mantenere la pace allora utilizziamo l’intelletto che è fatto di tante parole, ragionamenti e giustificazioni.

L'intelletto crea la dualità. 

Noi siamo come tante montagne che esistono individualmente e non necessariamente si uniscono, anzi, qualche volta, è meglio che ciascuna montagna mantenga il suo posto.

Nella spiritualità generalmente si seguono quattro strade:

  • Sarya(fare i riti sacri nel tempio, chiesa etc)
  • Kriya(azione con distacco, servizio)
  • Yogam(asana, pranayama, mudra, bhanda etc- gradualmente controllare corpo, mente, sensi etc)
  • Jnanam( ricerca “Chi sono IO?”

Si possono seguire tutte quattro queste strade oppure solo uno. Comunque tutte singolarmente oppure tutte insieme portano all’Unità. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/sdBBdbQSda8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

  

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/10/2021

“Il mio io è stato rovinato. Il mio corpo è stato rovinato. La mia individualità è stata rovinata. La mia mente è stata rovinata.”

 

Bhagavan spiega con queste parole che è impossibile per uno jnani ricadere nel Samsara. Inoltre bisogna sempre vedere il bene nel male. 

Alcuni discepoli pensano erroneamente che meditare significhi solo stare seduto e seguire un processo che porterà alla concentrazione e infine allo stato meditativo.  Invece nel racconto di oggi abbiamo visto che ci può essere immobilità, quindi meditazione, nella mobilità. In questo processo di apparente movimento ad alcuni discepoli può sembrare che il Maestro abbia perso la sua meditazione ma non è così. 

Questo accadde perché alcuni discepoli oppure ricercatori spirituali non hanno raggiunto la maturità spirituale per capire questo concetto perché loro stessi sono disturbati dalle attività esterne e non riescono mantenere la loro meditazione durante la quotidianità. 

Bhagavan ci insegna che la migliore meditazione è il servizio verso gli altri, che annulla qualsiasi forma del nostro Ego. 

In questa situazione possono sorgere delle critiche o lamentele che nascono da una mal comprensione. Di solito reagiamo alle lamentele in modo impulsivo e affrettato perché toccano il nostro ego. Invece Bhagavan ci insegna Mouna, la tecnica del silenzio per mantenere la pace. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/i-8xHbtKf8o

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/10/2021

Resistenza e pazienza

Bhagavan insegnava che uno doveva riformare sé stesso piuttosto che trovare difetti negli altri. In termini pratici questo significa che si dovrebbe scoprire la sorgente della propria mente piuttosto che lamentarsi delle menti e delle azioni delle altre persone. 

Correggere sé stessi significa correggere il mondo intero. Il Sole semplicemente brilla e non corregge nessuno. Quando risplende l’intero mondo è pieno di luce. Trasformare Sé stessi ha lo scopo di donare luce all’intero mondo. 

Per non lamentarsi e criticare bisogna osservare la pazienza e la resistenza. Quando abbiamo una buona resistenza allora anche la pazienza aumenta. Quando hai pazienza non critichi e non analizzi gli altri. Praticando la pazienza si ha la possibilità invece di analizzare Sé stessi. 

Quando uno fa continuamente l’indagine sul Sé, “Chi sono io?”, si ha la possibilità di connettere con belle cose. Quando invece analizziamo gli altri usciamo fuori da noi stessi. 

Chi ha una pura coscienza non spreca il tempo per analizzare il mondo ma cerca di connettere Sé stesso solo con belle cose, come per esempio la pace. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/s5nQLBKpkCY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 09/10/2021

L'indagine sul Sé 

Qual'è il sentiero più veloce per la realizzazione del Sé?

Bhagavan diceva che l'indagine sul Sé è la via più veloce per la realizzazione del Sé.

Come possono le persone semplici proseguire nell'indagine sul Sé?

Bhagavan consigliava in questo caso la ripetizione (di solito di alcuni testi sacri o mantra) anche se i devoti non ne capivano il significato.

Prima bisogna analizzare il Sé e poi realizzare il Sé.  Quando si fa l'analisi del Sé bisogna iniziare dalla domanda "Chi sono io?"

A volte ci identifichiamo con qualità positive oppure negative: "sono buono", "sono cattivo", "sono bello " , sono brutto, "sono dottore", "sono avvocato".  Questo è Maya, il modo illusorio, con il quale ci identifichiamo. Queste qualità sono impermanenti. 

L'indagine sul Sé invece ci allontana da questo mondo illusorio. Quando si comprende cosa noi non siamo allora inizia il processo del distacco.

Resta ancora trovare la risposta alla domanda "Chi sono io?"

Quando per esempio ammiriamo la perfezione di una statua, la perfezione della natura c'è un preciso istante quando il tempo e spazio si fermano. Quando si sperimenta il massimo apprezzamento e contemplazione si riesce sperimentare uno stato di purezza unico. Questo stato ci permette di disconnettere tutto il resto. Quando ci distacchiamo dalla realtà esterna riusciamo ad apprezzare il nostro Sé che resta in pace dove non ci sono più qualità ed identificazioni. 

Devo arrivare al punto dove io mi identifico con la pace: "Io sono la pace"

Per disconnettere bisogna avere una coscienza pura ed essere sempre in allerta. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/_fmAgRYsUvw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/10/2021
Il dovere e la devozione


Dalla lettura di oggi abbiamo visto che prendersi cura dei genitori è il dovere di un figlio.
Bhagavan insegna al suo discepolo di mettere al primo posto il dovere. Il dovere è da seguire mentre la devozione si può sviluppare per la propria crescita. Svolgere il proprio dovere mette in armonia ed equilibrio l'universo. Inoltre protegge il corretto funzionamento dell'universo.
La devozione è un modo per esprimere i propri sentimenti in una certa direzione. 

Se il devoto dimostra un bruciante amore per il suo Maestro, questo è costretto a fare qualunque cosa il devoto chieda. Quando si consegue l’amore estatico si è trovata la porta per legare Dio. 

Quindi la devozione non segue la ragione ma il cuore. Il ragionamento interviene in situazioni intellettuali, superficiali. Invece la devozione rimane nel profondo, nel cuore. 

La devozione non vede la dualità, il bene o il male, il giusto o il sbagliato. La devozione nasce nel cuore. L'intelletto è come un’onda che oscilla mentre il cuore è stabile. Si dice che la devozione è il migliore dei sentimenti. 

La differenza tra devozione e fanatismo è che il secondo ha origine nella testa mentre il primo che nasce nel cuore. 

Qual è la differenza tra l’amore e la devozione?

L’amore è collegato con il concetto di “avere” invece la devozione è collegato con il concetto di “dare”. Non si può avere devozione verso se stessi ma solo verso un oggetto esterno, verso gli altri. Per questo si pensa che la devozione sia un sentimento più elevato dell’amore. 

 Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/_fmAgRYsUvw

♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 24/09/2021

L'amore e la devozione

Se il devoto dimostra un bruciante amore per il suo Maestro, questo è costretto a fare qualunque cosa il devoto chieda. Quando si consegue l’amore estatico si è trovata la porta per legare Dio. 

Quindi la devozione non segue la ragione ma il cuore. Il ragionamento interviene in situazioni intellettuali, superficiali. Invece la devozione rimane nel profondo, nel cuore. 

La devozione non vede la dualità, il bene o il male, il giusto o il sbagliato. La devozione nasce nel cuore. L'intelletto è come un’onda che oscilla mentre il cuore è stabile. Si dice che la devozione è il migliore dei sentimenti. 

La differenza tra devozione e fanatismo è che il secondo ha origine nella testa mentre il primo che nasce nel cuore. 

Qual è la differenza tra l’amore e la devozione?

L’amore è collegato con il concetto di “avere” invece la devozione è collegato con il concetto di “dare”. Non si può avere devozione verso se stessi ma solo verso un oggetto esterno, verso gli altri. Per questo si pensa che la devozione sia un sentimento più elevato dell’amore. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/bT9205SAJMY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 23/09/2021

Arunachala- la montagna medicina

A volte Bhagavan chiamava Arunachala la montagna della medicina. Per tutte le malattie del corpo e della mente la Giri Pradakshina è una buona medicina, infatti prescriveva la Giri Pradakshina a tutti quei saddhu che passavano troppo tempo in meditazione dicendo loro che questo era un buon metodo per mantenere la mente in sattva guna. La grandezza di questa montagna è stata descritta da differenti persone in diversi modi. Nei Purana, antiche scritture c'è scritto che all'interno di questa montagna c'è una caverna all'interno della quale vivono molti siddha, esseri perfetti. Il Guru Namah Sivaya ha cantato della grandezza di questa collina. In un verso c'è scritto che la montagna chiama a sé coloro che praticano intensamente jnana tapas. Questo luogo sacro è la dimora di gente pura e devoti. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/pw23t4J495A

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 22/09/2021

Come relazionarsi ai beni materiali

Nella lettura di oggi abbiamo visto come Bhagavan incoraggia i suoi discepoli a prestare sempre la massima attenzione. Questo includeva anche fare attenzione alla struttura dell'Ashram e i suoi beni, non con uno scopo egoistico quindi con attaccamento. Bhagavan diceva che non bisogna nemmeno essere uno stimolo per un ladro, certe situazioni possono essere evitate se noi prestiamo attenzione ai nostri doveri e alle nostre cose.

Alcune cose sono per la nostra primaria utilità ed è per questo che bisogna salvaguardarle e proteggerle.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/QDdyx28bgVQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 21/09/2021

Ulladu Narpadu

Ulladu Narpadu di Ramana Maharshi contiene le indicazioni per la realizzazione del Sé. Dato che l'opera fu scritta in Tamil, Bhagavan sceglieva pochi prediletti per spiegarla durante lezioni private. La versione in Sanscrito e inglese si trova sotto il nome di "Rivelazione".
Il nome Ulladul Narpadum vuol dire l'esistenza del bene. Dietro ogni poema spirituale c'è un messaggio sull'esistenza del bene. Per questo la flessibilità, l'adattabilità sono la chiave di lettura di una crescita spirituale.
La flessibilità verso il mondo è necessaria mentre verso noi stessi dobbiamo applicare la disciplina e la stabilità.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/zRMBJFq0al4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 20/09/2021

Shiva Lingam

Bhagava spesso parlava della grandezza di Arunachala. Questa montagna veniva considerata un Shiva Lingam.
La parola Lingam è formata di 2 parole: lin(unione) e gam(colui che forma). Significa anche Dio, atman, Shiva etc. Il lingam segue il principio dell' asse(il centro come la montagna) e del cerchio(che simboleggia prakurti,maya)
Bhagava diceva che Arunachala non esisteva veramente sulla terra ma vi stavano attaccati tutti gli elementi celesti. Il nome della creazione ma anche della distruzione è lingam.
L'asse in mezzo al lingam rappresenta il vuoto, lo spazio. Tutti questi elementi creano L'UNITÀ NELL'UNO.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/JP5uilcdd0w

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 19/09/2021

Tapas

Arunachala significa la montagna dove il sole nasce, dove c’è il fuoco.  In questo contesto “fuoco” vuol dire “tapas”, quindi superare le austerità. La vita spirituale stessa viene chiamata anche “tapas”. 

In questa montagna vivono molti sidas(rishi, santi, saggi etc) che conducono una vita spirituale incentrata sui tapas.  

Anche nella Ramayana si parla di Arunachala. Nello scontro finale quando l’esercito di Rama fu sconfitto, Rama e tutti i suoi devoti si addormentarono quasi nella morte. Allora Hanuman, il figlio del vento Vayu, decise di partire e raccogliere la pianta sacra Sanjeevani che cresce nell’Himalaya, per risvegliare Rama, Lakshmana e i loro eserciti. Siccome non aveva la capacità di distinguere quale fosse la pianta, Hanuman, Dio scimmia, decise di portare con sé l’intera montagna dove questa pianta cresceva. Nel suo viaggio un pezzo di questa montagna cadde ad Arunachala, diventando così luogo sacro. Questo è il racconto mitologico che spiega la sacralità di questa montagna. 

Ci sono varie tipologie di tapas: cantare i mantra, dire le preghiere, karma yoga, sadhana etc. Lo scopo è quello di raggiungere il distacco, vivere una vita nel distacco senza Ego e aspettative. Questa disciplina del Sé viene chiamata jnana tapas. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/pOC4XWvyPts

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/09/2021

La non-dualità

“O figlio,

Sperimenta sempre la non-dualità, Advaita, nel cuore. Non mettere la non-dualità in azione in alcun momento. La non-dualità è idonea a essere espressa nei tre mondi ma sappi che non è idonea ad essere espressa con il Guru.”- Ulladu Narpadu, Ramana Maharshi

La dualità vuol dire la vita mondana, con qualità(bene/male, bello/brutto etc). Si chiama dualità oppure molteplicità. 

La non-dualità vuol dire l’annullamento della dualità e la percezione sole dell’Unità, l’UNO dove il positivo e il negativo non esistono. 

Durante karma yoga devo svolgere un’azione senza aspettative, ego e senza attaccamento. Questa non-dualità deve essere sperimentata a vari livelli: fisico, mentale, energetico, sensi, anima. Alla fine tutto deve diventare UNO con piena concentrazione, coscienza e consapevolmente. Con una buona concentrazione poi distacchiamo tutto.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

https://youtu.be/yMeMgWdKgJk

Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 17/09/2021

La ricerca del Sé

 

“Guarda, figlio mio!Colui che ha dimenticato la sua vera natura nasce e muore alternativamente, continuando a girare nell’incessante ruota del tempo, come una piuma afferrata in un turbine di vento, fino a che realizza la vera natura del Sé. Se giunge a vedere il sé individuale e il suo substrato, il Sé, allora diventa il Substrato stesso, Brahman, e sfugge alla rinascita. Nel conoscere te stesso non avrai alcun danno. Poichè me l’hai chiesto, ti ho esposto tutto ciò. 

L’Advaita(non-dualità) non dovrebbe essere praticata nelle attività ordinarie. E’ sufficiente che non ci sia differenziazione nella mente. Se uno nella mente è pieno di pensieri discriminanti, non dovrebbe pretendere che all’esterno tutto sia UNO.”- dal Kaivalya Navanitam

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 Il Maestro

 Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/UGIJcLmAQH0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 16/09/2021

Due montagne non si incontrano

Durante la lettura di oggi abbiamo visto che Mahatma Gandhi durante uno dei suoi viaggi ad Arunachala non ha fatto visita a Bhagavan e la spiegazione di Bhagavan è davvero sorprendente: quando due fiamme si incontrano possono diventare “UNO”. 

Il nome “Mahatma” significa grande anima ma allo stesso momento anche Bhagavan era considerato un grande santo e saggio. Erano due grandi energie di quel tempo ma ognuno aveva il suo posto. Bhagavan era considerato una figura spirituale molto importante mentre Gandhi ricopriva un ruolo spirituale ma anche politico e difensore dei diritti umani. 

Queste due importanti figure della storia avevano ognuno il suo posto e ruolo e non era dato loro incontrarsi in quanto si temeva che incontrandosi sarebbero entrati in Samadhi(stato di illuminazione).

Durante lo stesso periodo storico altre grandi figure spirituali operavano nel mondo come Shivananda, Vivekananda, Sri Aurobindo etc tuttavia queste figure non si incontrarono mai per le stesse ragioni. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/BL0I6ZKTL5w

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/09/2021

La grandezza del Guru

 

I maestri nella loro grande misericordia e compassione vedono sempre negli errori dei loro discepoli delle opportunità di crescita. Proprio come un padre accoglie il proprio figlio nonostante gli sbagli e gli errori, allo stesso un Guru va oltre il male che esiste in ciascuno di noi. 

Infatti le scelte dei Maestri di fronte agli sbagli dei discepoli sono a volte per noi incomprensibili. Invece di dare delle punizioni, scelgono molte volte di dare maggiori responsabilità, più vicino al Guru, in modo che il discepolo possa capire da solo i suoi errori, pentirsi e decidere di cambiare. Il Guru non vede nell’azione sbagliata del discepolo un errore, ma lo considera un fatto normale della vita che porta la crescita. 

Ciò che fa veramente la differenza è il pentimento che uno sente dentro di sé. In ogni caso il Maestro non dà mai un giudizio e neanche giudica le vite altrui con criticismo ma semplicemente prende atto dei fatti della vita di ognuno e cerca di offrire una via d’uscita verso la verità. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/UDo_rAfilsA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/09/2021

L'ubbidienza, il legame del cuore con il Guru

A volte il metodo di insegnamento del Guru è incomprensibile per quelli che guardano dall’esterno. Negli Ashram accadono episodi nella quotidianità che un Maestro deve gestire con saggezza. Di solito il Guru non affronta direttamente il problema ma trova il modo per farlo capire agli aspiranti spirituali. Questo insegnamento ha lo scopo di toccare le loro anime trasformandole. 

Quando è necessario il Guru si arrabbia ma dobbiamo capire che lo fa solo come metodo per insegnarci qualcosa e mai nel profondo. Un Maestro mantiene sempre la sua pace interiore, il suo equilibrio. 

La cosa che crea più “irritazione” in un Maestro è la disobbedienza, simbolo di grande Ego, mal comprensione e pensiero superficiale. Un Guru ha sempre una visione ampia e ciò che a noi sembra incomprensibile è perché abbiamo una visione limitata. Noi abbiamo il nostro posto, il nostro ruolo ma un Guru deve pensare a moltissime cose: il funzionamento della cucina dell’Ashram e l’alimentazione, l’insegnamento e le lezioni, i discepoli e i loro ruolo, le nuove costruzioni etc. Per questo la visione ampia del Maestro, che deve far funzionare tutte queste cose, è molte volte per noi incomprensibile. L’unica soluzione valida è di usare il cuore, obbedendo con devozione, ed eliminare il pensiero e la visione superficiale che ci porta nel mondo dell’illusione. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/YCzhWV2tzcs

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/09/2021

L'umiltà, la qualità dell'anima

Molte volte nell’Ashram si presentano varie figure professionali, tra questi anche molti medici. Quando un Guru vede nel aspirante del potenziale può decidere di dargli una mano per velocizzare il processo di crescita. Purtroppo a volte capita che le figure come quella di un medico abbia una formazione intellettuale che porta ad una struttura mentale scientifica.. Di conseguenza l'attendente non riesce a cogliere con il cuore l’opportunità che gli viene data. 

In questo caso l'intelletto andrebbe lasciato da parte, senza pensare a cosa sia giusto o meno, con umiltà. Chi vive un’esperienza simile deve viverla con umiltà per potere accettare anche le critiche, le eventuali lamentele e gli insegnamenti spirituali. 

In alcune circostanze i Maestri fanno vedere alcune emozioni ma senza una vera riflessione interna, quindi mantengono sempre la pace dell’anima e l'equilibrio interiore.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/nNYm7N8trYw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/09/2021

La meditazione

Di solito si pensa che la meditazione sia disconnessa dal lavoro, karma yoga. Invece durante il servizio si può fare la meditazione. Quando uno riesce a concentrarsi allora il lavoro diventa meditazione. Quando vivi senza disturbi stai meditando. Quando vivi con molti disturbi la pace non c’è, quindi fai fatica a  meditare.

A volte si ha paura di dire la verità perchè si hanno delle aspettative. Quando abbiamo delle aspettative è molto facile essere disturbati, tristi, arrabbiati e predisposti a dire le bugie. 

Quando siamo disturbati di solito non agiamo ma reagiamo. Per reagire senza disturbo abbiamo bisogno di due qualità: pazienza e resistenza. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/WtVOzpF1_sw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/09/2021

L’illuminazione

Un illuminato è una persona che non sente disturbo a causa dell’illusione. Quando viviamo nella profonda pace, là non c’è la vita mondana, quindi non c’è dualità. Per questa ragione per la persona illuminata è facile mantenere il proprio sorriso che viene dal profondo dell’anima.

Comunque sia, il fatto che una persona sia o non sia illuminata, non deve essere una preoccupazione dell’aspirante spirituale. Tutti abbiamo la potenzialità dell’illuminazione, tutte le stelle brillano ma qualcuna più delle altre. Quando la nostra attenzione non va più verso le stelle ma verso il vuoto che abbraccia le stelle allora ci si trova in uno stato illuminato. Le stelle rappresentano le qualità della vita. Se connettiamo con le qualità della vita allora perdiamo il vuoto della vita quindi ci allontaniamo dall’illuminazione.  Se non connettiamo con le qualità entriamo nel vuoto con concentrazione. In questo modo l’illuminazione può accadere un secondo, un minuto oppure una vita. 

Nella cultura vedica l’illuminazione viene chiamata Mukti che vuol dire libertà, disconnessione dalle qualità. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/ThBZVyTjTug

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/09/2021

Ognuno ha il suo Dharma e la propria natura

Una zanzara, una tigre, un uomo, ognuno ha la sua natura e il suo scopo nell'universo. 

Il cervello e le scorie del corpo, fanno parte entrambe del corpo, ma ognuno ha il suo scopo.

Per esempio le zanzare rappresentano il principale cibo per i pipistrelli e alcuni uccelli. 

Come abbiamo visto dalla lettura di oggi non è importante cosa fai ma il modo nel quale lo fai: sattva, tamasa,  rajasa(doveri, bisogni o desideri). Ci sono varie sfaccettature, puoi uccidere una zanzara per dovere, per bisogno oppure per divertimento. Per questo la stessa azione assume una valenza diversa.

Dobbiamo concentrarci su quello che noi facciamo e non su quello che fanno gli altri. È importante "Come fai le cose?", "Come pensi?" "Come senti?"

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/zDQuXd-6-To

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 09/09/2021

Tutto è già stabilito!

Come abbiamo visto dalla lettura di oggi, involontariamente(senza utilizzare la coscienza) ci può capitare di uccidere degli animali o insetti. Se il sole sorge e tramonta ogni giorno questo è già stabilito come parte dell'universo. 

In ogni processo per potere salvare un cosa bisogna annullare un'altra. Per salvare l'universo a volte è necessario annullare la terra. Per salvare la terra può essere necessario annullare un paese. Per salvare un paese  può essere necessario annullare una famiglia. E così all'infinito. 

Questo sistema viene applicato tutti i giorni nel nostro corpo: migliaia di cellule muoiono ogni giorno per salvare il nostro corpo,  a volte è necessario rinunciare ad un braccio, gamba per salvare la vita.

In alcune religioni viene chiesto di non uccidere nemmeno i più piccoli insetti. Per questo usano metodi piuttosto strani e rigidi. Il principio Ahimsa è giusto ma sfugge il funzionamento dell'insieme e si dà tanta attenzione al piccolo dettaglio.  Il bene fa parte della vita ma anche il male lo è.  Se si fa una cattiva azione senza coscienza, quindi inconsapevolmente,  il peccato è decisamente minore.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/VG65gELxbjQ

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/09/2021

Ogni essere è importante

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che Bhagavan si preoccupava sempre se gli animali dell'ashram o delle vicinanze venivano maltrattati. 

Quando un animale oppure un uccello veniva ferito Bhagavan ordinava che venisse curato dai suoi discepoli e quasi sempre lui stesso curava amorevolmente questi esseri contribuendo ad una più rapida guarigione. 

Inoltre Bhagavan nutriva tutti gli animali dell'ashram circa un ora dopo il pranzo, un orario quando quasi tutti i devoti dormivano. 

Persino gli animali selvatici come scoiattoli venivano nella sala da pranzo per essere nutriti da Bhagavan.

Le scimmie, piuttosto aggresive, ricevevano il loro cibo all'esterno.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/H5bmbNkZIbg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 07/09/202

Guardare il mondo con gli occhi del cuore

Dalla lettura di oggi abbiamo visto come nel Ramana Ashram arrivavano spesso animali selvatici oppure uccelli per ricevere il Dharshan di Bhagavan. 

Lo scopo di questi racconti è quello di dimostrarci il rapporto che si deve avere con gli animali,  la capacità di osservare e interagire con il nostro interno per poi potere interagire con l'esterno.

Se siamo disposti a guardare con gli occhi del cuore, ogni incontro e accadimento della vita, allora siamo pronti ad ascoltare e comprendere, raggiungendo la consapevolezze. Se non siamo disposti ad ascoltare le turbolenze continueranno a nascere.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/2HwfOGkxI44

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 06/09/2021

Vivere in contatto con gli animali aumenta la nostra compassione e tenerezza

In questo rapporto si usa poco l'intelletto ma tantissimo il cuore.

Anche gli ashram solitamente allevano animali,  soprattutto quelli portati dai devoti: mucche, capre, cani, gatti etc.

Devono essere trattati con amore e rispetto ma tenendo conto della loro natura e senza dimenticare che non devono essere trattati come esseri umani.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/daxSBoKgLEA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 05/09/2021

Namaste

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che se una persona non riesce gestire se stessa in solitudine allora non riesce neanche gestire se stessa in gruppo. 

Molte volte il Maestro dà la possibilità a qualche discepolo con il karma pesante stargli molto vicino in modo che il karma diminuisca più in fretta.

Per riuscire ad avere una vita felice e pacifica dobbiamo vedere noi stessi negli altri e viceversa. Per questo nella cultura vedica si saluta con la parola "Namaste" che vuol dire "io non ci sono,  ci sei solo tu ed io saluto la divinità che c'è in te"

La spiritualità vuol dire stare in se stessi e seguire se stessi.

La maggior parte delle persone ha un karma pesante ma attraverso la forza di volontà questa "eredità " può essere alleggerita o addirittura rimossa. 

Molti pensano che solo attraverso la meditazione si può stare in se stessi.  Ma questo non è vero!

Prima di potere meditare veramente è necessaria una preparazione: asana,  pranayama, yama-nyama, pratyahara, dyana, dharana etc

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/RQfqpeNWxSc

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 03/09/2021

Preghiera Universale

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga

(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

 

Ognuno ha la sua libertà e confine. Se c'è purezza non abbiamo la necessità di compiacere gli altri. Il nostro unico scopo diventa la purificazione, il mio compito e dovere è di purificare me stesso. Per fare questo abbiamo bisogno di qualche conoscenza attraverso varie informazioni.

Volere accontentare gli altri e realizzare i nostri piaceri e quelli degli altri fa parte dell'illusione, cioè Maya. Per questo bisogna impegnarsi con coscienza per percepire questa qualità. Questa conoscenza bisogna applicarla nella vita quotidiana.

Prima bisogna cambiare se stessi, poi bisogna imparare a comunicare con il mondo e alla fine come distaccarsi da tutto per raggiungere una mente calma e la pace. Per calmare la mente bisogna seguire la via della riduzione.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/t2D020xoVI0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 02/09/2021

La reincarnazione dei devoti

Il Grande Guru Bhagavan dimostrava la stessa compassione per gli uomini e per gli animali. Spesso dava la stessa possibilità di illuminarsi ai devoti e alla sua mucca Lakshmi oppure altri animali.

Infatti protestava in modo sottile contro il maltrattamento di Laksmi, il cane oppure il daino. Dava il suo darshan a Laksmi che veniva sempre correndo verso Bhagavan, incurante degli altri devoti, cercando sempre le sue carezze e benedizioni.

Quello che colpisce è che Bhagavan faceva costruire le tombe dei suoi cari defunti(Samadhi) all'interno dell'Ashram dove non mancavano le tombe dei suoi cari animali.

Si pensava che Lakshmi fosse una reincarnazione di una devota che per anni aveva preparato da mangiare a Bhagavan. Inoltre i devoti erano sicuri che il pavone dell'ashram fosse una reincarnazione di uno dei primi discepoli di Bhagavan. Bhagavan non negava ma  neanche confermava questi sospetti.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/_aCnuVtAozE 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 01/09/2021

Come disconnettere l’esterno

 

Chiudere gli occhi, non guardare, non sentire è una soluzione. I problemi nella vita sorgono inevitabilmente ma sta a noi cercare il modo giusto per reagire. Molte volte sentiamo e vediamo in modo errato non solo gli altri ma anche noi stessi. Quando guardi solo all'interno di te stesso allora non sentirai ne vedrai ciò che fanno gli altri, disconnetti l'esterno.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/wWE4-D8K4No 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 




La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 31/08/2021

Il trasferimento della mente nel cuore

Nel Satsang di oggi Annamalai Swami continua a raccontare i miracoli compiuti da Bhagavan. Nello specifico racconta la storia di un uomo moribondo chiamato Sataya Narayana.  Bhagavan provò a fare con lui ciò che aveva fatto anche con il daino nel momento della morte: aveva messo una mano sulla testa e una mano sul cuore cercando di portare tutta l'energia della testa verso il cuore con una finale purificazione e possibilità di liberazione(moksha).

Quando Bhagavan fece questo, l'uomo si tranquillizzò, chiuse gli occhi ma dopo una mezz'ora aprì gli occhi,  sorrise e si era allungò a toccare le sue due sorelle.

Questo fatto fece capire a Bhagavan che l'uomo non aveva raggiunto la sua liberazione ma aveva permesso alla sua mente di tornare e attaccarsi ancora alla realtà illusoria. Le sue abitudini mentali erano tornate a galla. Il pensiero “IO” era sfuggito attraverso gli occhi, nel momento della morte e aveva preso un'altra nascita.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/2432kozwBFY 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 30/08/2021

Il dono dell’illuminazione

Nella lettura di oggi abbiamo visto l'amore sconfinato di Bhagavan per ogni essere, incluso gli animali. Ci viene svelato questo suo metodo di dare le stesse possibilità d'illuminazione agli uomini e agli animali. Nel momento della morte metteva una mano sulla testa e l'altra sul cuore della persona o dell'animale per trasformare l'energia della testa nell'energia del cuore in modo definitivo. La testa è la sede dell'ego mentre il cuore è la sede dell'anima pura.

L'ego deve essere trasformato, purificato in saggezza pura ed energia divina. L'intelletto inferiore chiamato Buddhi deve essere trasformato in intelletto superiore, Mahat.

 

Bhagavan aveva provato questa tecnica nel momento della morte di sua mamma, della sua mucca Lakshmi e nella lettura di oggi con un piccolo daino. Un dono fatto con saggezza e con la consapevolezza che tutti gli esseri devono avere le stessa potenzialità di illuminarsi, senza differenze né divisioni.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/biLCEHlsvDQ 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 




La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 29/08/2021

La comunità degli Ashram

Migliaia di persone vengono a visitare gli Ashram in India. Alcuni sono devoti ma altri sono semplicemente visitatori. Ed è regola degli ashram preparare da mangiare a tutte le persone, come un servizio.

Negli Ashram vivono varie figure che contribuiscono tutti i giorni al suo funzionamento. Alcuni sono paradesi Sannyasi. La parola sanscrita “Sannyasin” significa colui che ha rinunciato alla vita mondana per quella monastica.

Il Guru ha dei riti da eseguire nei vari momenti della giornata ed è quasi in continuazione in contatto con i devoti e persone a volte indisciplinate.

Durante le festività arrivavano un grande numero di folle a ricevere il Darshan(benedizione) del Guru.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/jYpO5ag1CbE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del  28/08/2021

Le scelte indiscutibili di un Guru

Dalla lettura di oggi abbiamo visto la storia di un devoto molto umile che svolgeva tantissimi lavori molto duri. Il devoto accettava sempre qualsiasi lavoro gli venisse assegnato dalle donne che gestivano la cucina dell'ashram ma a lungo andare la sua salute si indeboli.

In un giorno il devoto decise di parlarne con Annamalai Swami che a sua volta ne parlò con Bhagavan. Sorprende molto l'atteggiamento di Bhagavan che decise di non intervenire e continuare a lasciare questo devoto a svolgere queste mansioni difficili, considerando probabilmente che fosse un buon metodo per lui di pulire il suo karma.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/lsDEKJkR1Ho 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 27/08/2021

 

La finta devozione

Nella lettura di oggi abbiamo letto la storia di un devoto che lavorava duramente nelle cucine di Ramana Ashram. Dopo un po di tempo decide di lamentarsi con Annamalai Swami chiedendogli di parlarne con Bhagavan.

Tendenzialmente i Guru scoraggiano chiunque si lamenti, infatti anche Bhagavan ha dimostrato come a volte facciamo karma Yoga per il nostro Ego e non con il cuore puro. Le lamentele a volte hanno l'unico scopo di far notare quanto stiamo lavorando oppure quanto siamo stati bravi.

La devozione nasce dalla purezza e il fanatismo nasce dall'ego. Se un devoto agisce con il cuore puro allora lui non vedrà mai il male e neanche il dolore. Karma yoga è un atto di devozione verso Dio e verso se stessi.

L'ultima cosa che si dovrebbe fare quando si pratica karma Yoga è proprio quella di lamentarsi oppure mettersi in mostra.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/Wy3IZc9q8yc

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 26/08/2021

Ognuno ha il suo ruolo da rispettare nella vita

I sacerdoti rappresentano una vera e propria casta. Hanno compiti precisi e specifici che nessun altro può svolgere. Le loro principali attribuzioni riguardano le cerimonie, i riti, lo svolgimento della puja tutti i giorni. Tuttavia rientra nei loro compiti anche preparare da mangiare per i devoti che arrivano in pellegrinaggio.

Sono chiamati anche bramini, il loro dharma è servire Dio, lavorare nei templi, trasmettere la verità, la pace e l'insegnamento, il loro scopo è la purificazione ad ogni livello. 

In Ashram o nei templi la purificazione avviene soprattutto attraverso il lavori, di ogni genere, quindi attraverso l'azione.

Solitamente ogni casta sacerdotale ha i suoi compiti precisi e le altre caste cercano di non interferire in nessun modo con il loro operato. Anche la preparazione di alcuni cibi sacri spetta ai Bramini ed è vietato a quelli che appartengono ad altre caste cucinare i cibi sacri. 

Tuttavia abbiamo visto nella lettura di oggi che ci sono alcune occasioni particolari quando per questioni di necessità si fanno delle eccezioni. Come dice il detto “facciamo di necessità virtù”, quindi l'adattamento è, ancora una volta, una qualità indispensabile per un devoti.

Fatto da sottolineare nella lettura di oggi è che il rispetto verso tutte le forme della vita, le persone ci spingono a volte ad agire ma cercando anche di rispettare i sentimenti altrui, le tradizioni e le regole di classe.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 

Il Maestro

 

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/xT2d173sc3Q

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 



La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 25/08/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti shanti shanti

 https://youtu.be/OfQVZx3RtMk

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 24/08/2021

La devozione

Negli Ashram in India molti devoti portano del cibo per il Guru e i suoi seguaci. Questo viene considerato come un’opportunità per esprimere la devozione. Nelle letture che abbiamo fatto negli ultimi mesi abbiamo visto che Annamalai Swami racconta soprattutto due fatti importanti: da una parte le varie costruzioni nell’Ashram e dall’altra le questioni legate al cibo quindi segue le due principali attività della vita cioè lavoro e nutrizione. 

Il riposo invece viene contemplato come partecipazione al Satsang, stare insieme al Guru e devoti per parlare di questioni spirituali.

Bhagavan parlava sempre dell’Unione, Tutto in Uno e Uno in tutti. Anche nella preghiera Padre Nostro si parla dell’Unità, infatti viene detto “come in cielo così in terra”. Tutte le caratteristiche di un individuo le troviamo nell’universo intero e viceversa. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 
La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 23/08/2021
 
La forza dell'esempio

Bhagavan era disposto a passare varie ore nella cucina per controllare la qualità del cibo. Non amava i piatti elaborati e troppo consistenti. Era del tutto soddisfatto con un piatto di riso e verdure. Una donna del Kerala era abituata a preparare molti piatti per l’Ashram. Una volta venne in Ashram e cucinò per molto tempo. Bhagavan le permise di servire ciò che aveva cucinato sulla sua foglia di banano. Dopo avere mangiato le disse:”Hai dovuto spendere molto tempo per preparare questo cibo e per raccogliere le verdure. Una sola verdura è sufficiente per tenere pulito l’intestino ed evitare la costipazione. Perchè fare tutto questo?

Poi c’è un altro problema. Se prepari 32 piatti la mente continuerà a pensare: “Mangio questo o quello?”. Se c’è un piatto solo allora non c’è problema. Possiamo mangiarlo molto semplicemente. Pasti come questo danno il cattivo esempio. I poveri verranno a sapere che serviamo piatti elaborati e penseranno: “Siamo molto affamati e queste persone che sono dei semplici saddhu stanno mangiando molte pietanze diverse. Pensieri come questi saranno causa di gelosie inutili.”

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 22/08/2021

La coscienza di non sprecare

Il concetto di spreco si applica in tanti ambiti: nella cucina, nell’acquistare cose che non ci servono, nel consumare troppa acqua etc. La coscienza dello spreco si applica ad ogni ambito della vita. Ad ogni tipo di spreco esiste una soluzione ma per arrivare alla soluzione bisogna prima sviluppare la consapevolezza.  Per esempio possiamo diminuire lo spreco dell’acqua evitando di farla scorrere continuamente mentre laviamo le cose, usando meno detersivo possiamo riciclare e utilizzarla per l’orto attraverso una purificazione con un depuratore  ecologico, il riutilizzo dell’acqua piovana, il riutilizzo di vecchi oggetti trasformandoli in oggetti attualmente necessari. 

Spesso sprechiamo la corrente elettrica, cucinando e lavando troppo, ci dimentichiamo le luci accese. Cuciniamo più del dovuto e in quantità sempre maggiori rispetto al necessario. Facciamo troppe spese e gli ingredienti diventano vecchi. Preferiamo utilizzare il forno piuttosto che cucinare sui fornelli.

Analizzare questi processi e diventarne consapevoli ci collega con la nostra coscienza. Solo chi ha una pura coscienza può notare questi meccanismi e fare la scelta di cambiare.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 21/08/2021

Impariamo ad ascoltare la pura coscienza

 Nella lettura di oggi abbiamo visto che a volte Bhagavan avviava dei progetti senza necessariamente avere tutti soldi neccessari oppure tutte le “componenti” a disposizione. Questo perché lui faceva riferimento ad una coscienza divina dove niente manca. Questa situazione è come un puzzle: quando una persona che ha esperienza spirituale incontra “un pezzo” sa esattamente dove metterlo. Questo è un talento, una grande abilità che arriva dopo una lunga esperienza. 

Per questo bisogna imparare ad ascoltare la pura coscienza che a volte ci può rispondere sotto forma di intuizione. Per un devoto questo può sembrare un miracolo. Per poter avere questo tipo di comprensione bisogna imparare ad ascoltare da una parte l’esterno e dall’altra la voce interiore. Quando ascoltiamo l’esterno allora l’intelletto è sempre coinvolto, mentre per ascoltare la voce interiore l’ego diminuisce e rimane solo la saggezza pura, Mahat. 

Un altro aspetto che abbiamo visto nella lettura di oggi è che nell’ashram ci sono molti compiti e attività da svolgere. Questo implica che ogni karma yogi deve fare il lavoro di sua spontanea volontà e con autonomia. Ma l’ego e l’intelletto ci impediscono di ascoltare e vedere chiaramente quali sono i compiti da svolgere. Inoltre l’ego e l’intelletto fanno sorgere tanti dubbi sul perché dovremmo svolgere un’attività piuttosto che un’altra  oppure sul perché alcuni svolgono certe attività piuttosto che altre etc. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 20/08/2021

Il valore delle spezie nella cucina di un Ashram

L'utilizzo delle spezie nella cultura Indiana e la valorizzazione dei loro benefici nella medicina ayurvedica è ben nota. Anche all’interno della cucina di una Ashram si cerca di mantenere questa tradizione. Spesso i Maestri vanno a controllare nelle cucine se effettivamente c’è un utilizzo corretto delle spezie da parte dei cuochi.

Il segreto sta nella miscela di spezie. Alcune spezie prese singolarmente hanno determinati effetti ma la miscela di più spezie è sempre più benefica per la salute ed è adatta per qualsiasi tipo di persona. Quando creiamo la miscela le spezie perdono la loro identificazione e potenziano il valore delle altre. Nell’Ayurveda queste indicazioni vengono contenute nella SamYoga. 

Generalmente si pensa che un Guru abbia determinati compiti ma in un Ashram si resta sorpresi nello scoprire che un Guru fa qualsiasi lavoro sia necessario in quel momento: cucinare, accendere il fuoco, costruire, lavorare nell’orto etc. Lo fa come dimostrazione che nel karma yoga non c’è specializzazione, non si fanno solo le cose che si è capaci di fare ma si fa qualsiasi cosa sia necessaria e utile per l’ashram in un determinato momento. 

Il Maestro lo fa come esempio di disponibilità, amore e compassione, come dimostrazione che non c’è divisione tra le attività spirituali ritualiche e il lavoro. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 
La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 19/08/2021

Se c’è devozione non c’è mai risentimento


Anche se un Guru fa un’osservazione ad un devoto lo fa sempre per amore, compassione e per la sua crescita.

I devoti accettano di buon grado i consigli del Maestro senza la necessità di giustificazione perché anche loro sono mossi dall’amore e devozione. 

Il Maestro ha il ruolo di creare difficoltà ai suoi allievi e devoti, per questo spesso dà delle indicazioni e poi cambia idea improvvisamente. Nella lettura di oggi abbiamo visto che Bhagavan chiedeva ai suoi aiutanti in cucina cosa volevano cucinare, iniziavano a preparare la ricetta e poi improvvisamente cambiava idea. I devoti però non sentivano mai risentimento e ubbidivano di buon cuore.  

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 
 
La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/08/2021
 
È difficile nascondere l’amore. la compassione, la devozione
 

Anche se una persona prova a nascondere la devozione essa emerge come un fiume ed è difficile da nascondere. L’amore fa parte della devozione. 

Il modo migliore per percepire la devozione è stando da soli. Allora possiamo cercare di osservare la nostra devozione verso Dio, il Guru, il popolo, familiari etc. Quindi quando siamo soli cerchiamo di capire dove va la nostra devozione. 

Fare dei pellegrinaggi è una forma di devozione. Il pellegrinaggio non deve essere vissuto come un divertimento ma come una Sadhana, come una meditazione.

Il pellegrinaggio non è una gara, non importa quanto ci metti ma conta la tua concentrazione, il coinvolgimento e la presenza. 

Abbiamo visto che Panchanga Yoga porta alla completezza e l’unità: Hatha yoga, bhakti,raja, jnana e karma yoga. Simbolicamente sono rappresentati come quattro montagne e ognuno di essi deve essere scalata, una dopo l’altra. 

Per fare questo la nostra intera vita deve diventare come la scalata di queste quattro montagne. In modo simbolico a volte i devoti, inclusi i Guru, decidono di fare dei pellegrinaggi che rappresentano proprio la volontà di percorrere queste quattro strade. Ci sono alcuni Guru, come Bhagavan, che però ad un certo punto vanno oltre questi percorsi e raggiungono la completa stabilità. 

Karma Yoga è il percorso più adatto per ogni tipologia di persona. Esso porta lentamente alla salute fisica(Hatha Yoga), alla concentrazione(Raja Yoga), alla devozione(Bhakti Yoga) e Jnana Yoga(la via del distacco).

Durante il pellegrinaggio non devi farti travolgere dalla natura ma la natura contatterà te e tu ti metterai in contatto con Dio. Quando riusciamo a restare al centro, come un’asse, diventiamo come uno yantra e tornando a casa dal pellegrinaggio per qualche giorno manteniamo l’energia divina con la quale siamo entrati in contatto. e poi la condividiamo con altri. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 
 
 
La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 17/08/2021
 
I quattro percorsi del karma : Hatha yoga, bhakti,raja e jnana.

Simbolicamente sono rappresentati come quattro montagne e ognuno di esse deve essere scalata, una dopo l’altra. 

Per fare questo la nostra intera vita deve diventare come la scalata di queste quattro montagne. In modo simbolico a volte i devoti, inclusi i Guru, decidono di fare dei pellegrinaggi che rappresentano proprio la volontà di percorrere queste quattro strade. Ci sono alcuni Guru, come Bhagavan, che però ad un certo punto vanno oltre questi percorsi e raggiungono la completa stabilità. 

Karma Yoga è il percorso più adatto per ogni tipologia di persona. Esso porta lentamente alla salute fisica(Hatha Yoga), alla concentrazione(Raja Yoga), alla devozione(Bhakti Yoga) e Jnana Yoga(la via del distacco).

Ogni momento della vita deve essere vissuto come karma yoga, con presenza, coinvolgimento fisico, mentale ed energetico. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 16/08/2021

Karma Yoga- la connessione con lo Spazio

Ci sono cinque tipologie di Yoga: Hatha Yoga, Bhakti Yoga, Raja Yoga, Jnana Yoga e Karma Yoga. 

Queste 5 tipologie corrispondono alle 5 ditta e ai 5 elementi: il mignolo rappresenta Hatha Yoga e l’elemento terra, l'anulare rappresenta Bhakti Yoga, la devozione, ed è collegato all’elemento acqua, il medio rappresenta Raja Yoga, la concentrazione, ed è il fuoco.

L’indice  rappresenta Jnana Yoga, il distacco, ed è collegato all’elemento aria. Infine il pollice rappresenta Karma Yoga ed è lo spazio. 

Come si può vedere Karma Yoga è collegato con lo spazio, quindi rappresenta l’assoluto, l’universo. 

Esiste un movimento a doppio flusso: si può iniziare dal corpo attraverso Hatha Yoga ed arrivare a Karma Yoga, raggiungendo lentamente la devozione, la concentrazione, il distacco e finalmente l’Assoluto. Oppure si può fare il contrario: iniziare con Karma yoga per rendere forte il corpo, stabile la mente, con devozione e distacco. 

Per questo non ci può essere distinzione tra la pratica spirituale e la vita mondana. Esse si fondono in un’unica Sadhana, pratica spirituale, sono un unico cammino e non c'è differenza tra di loro. Chi vede la diversità in questi due cammini è perché non ha ancora raggiunto la saggezza di Jnana Yoga. Questo conflitto interiore porta alla separazione e ad un’errata comprensione della vita.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/08/2021

 

Giri Pradakshina

È un pellegrinaggio fatto intorno ad una montagna sacra. In occasione della festa sacra Shivaratri migliaia di persone girano intorno alla montagna sacra Arunachala. 

Questo pellegrinaggio viene fatto come una preghiera, meditazione non come una passeggiata rilassante. 

Nella lettura di oggi abbiamo visto che anche Bhagavan insegnava lo svolgimento di tutte le attività quotidiane come karma Yoga, quindi come un atto sacro fatto con devozione. Quando ogni azione della vita viene fatta come un rito sacro allora non c’è pesantezza, stress, stanchezza. 

Il lavoro stesso diventa una Sadhana. Se riusciamo a svolgere ogni azione con tranquillità vuol dire che stiamo sviluppando una qualità molto importante: l'adattabilità.

L'adattabilità vuol dire essere disponibile: verso Dio e verso il mondo. La spiritualità, infatti, è vivere come un testimone utilizzando l'adattabilità verso Dio e verso il mondo. 

Se svolgi ogni azione con il cuore allora non ti stancherai mai. La stanchezza arriva dalla mente e solo allora il corpo si indebolisce. Il lavoro migliora i tessuti del corpo mentre la stanchezza viene prodotta dalla mente. 

Svolgi ogni azione come una Sadhana, pratica spirituale, e non sentirai mai la stanchezza e la pesantezza. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/08/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

 https://youtu.be/KDcvwwgab5E

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/08/2021

Atman moksha-la liberazione dell'anima attraverso le difficoltà

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che esistono varie tipologie di Prasad. A volte anche semplicemente la condivisione di un bicchiere d’acqua con il Maestro è sempre comunque Prasad. 

I Maestri assegnano molti compiti ai loro discepoli e li fanno lavorare molto ma dall'altra parte li curano molto attraverso delle benedizioni. Il ruolo del devoto è molto difficile, segnato da tanti ostacoli e difficoltà. La qualità migliore di un devoto è quella di non lamentarsi mai, seguire con ubbidienza e compassione. 

Andare contro il Maestro o parlare male del Maestro fa accumulare un karma molto pesante, molto difficile da sciogliere. Quando invece un Maestro crea delle difficoltà agli allievi sta solo creando delle opportunità di crescita per loro.

Chi riesce ad affrontare queste difficoltà senza lamentarsi, senza criticare allora può sperimentare una vera crescita spirituale. Il devoto che non riesce ad apprezzare queste difficoltà ma vede solo la propria comodità allora non è un devoto sincero pronto a crescere veramente sulla via della devozione. 

Infatti la parola Ashram significa “grande difficoltà” quindi rappresenta il posto dove i Maestri creano delle difficoltà per dare la possibilità ai devoti di crescere e raggiungere “atman moksha” cioè la liberazione dell’anima. 

 
 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/08/2021

Che cos’è il Panchakarma?

Il Panchakarma è uno dei trattamenti principali praticati nell’Ayurveda, la plurimillenaria disciplina indiana per l’equilibrio del complesso corpo, mente e spirito. Il suo scopo è la disintossicazione globale della persona: non semplicemente del corpo, ma anche della mente, delle emozioni e dell’anima.

Con la disintossicazione totale si ha l’opportunità di rinnovarsi in profondità: uno strumento per ritornare a casa con gioia, purezza e amore da donare a Sé e agli altri. Grazie a questi trattamenti si rallenta l’invecchiamento, viene fortificato il sistema immunitario, le cellule ringiovaniscono, i sensi diventano più acuti, si fortifica la memoria e aumenta l’energia. 

E un trattamento disintossicante adatto a tutti coloro che desiderano mantenere o ritrovare un corretto equilibrio psicofisico, favorisce il mantenimento della salute e aiuta a riequilibrare corpo, mente e anima, bruciando le tossine accumulate nel corpo.

 

LE CINQUE TERAPIE PRINCIPALI SONO:

BASTI- clistere a base di decotti e olio medicato- in grado di equilibrare il vata

VAMANA- emesi(vomito terapeutico) che elimina l’eccesso di Kapa e riequilibra il sistema digestivo

VIRECHANA- Purga terapeutica(eliminazione dell’eccesso di Pita attraverso il canale intestinale e ha l’effetto di purificare gli organi addominali)

NASYA- pulizia delle vie nasali con olio medicato, equilibra Vata, Pita o Kapa, a seconda del medicamento usato.

RAKTA MOKSHA- originaria pratica del salasso, attualmente non più praticata che aveva la funzione di eliminare le tossine presenti nel sangue

 

Un’altra parte importante del trattamento è chiamato Purvakarma, il cui scopo è di incanalare le tossine nel tubo digerente per poi essere eliminate e comprende tre azioni: pachana(assunzione di cibi particolari), snehana(lubrificazione attraverso massaggi), Swedana(sauna e applicazione impacchi erbe)

L’Ayurveda consiglia di sottoporsi al Panchkarma ogni anno poiché questo costituisce il primo passo per la prevenzione e il mantenimento della salute.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/08/2021

La forza della devozione

Il devoto Annamalai Swami, discepolo di Bhagavan, dimostra in varie situazioni una devozione totale, mettendo, a volte, a repentaglio anche la propria salute e vita.

Ma Bhagavan invece dimostrava ad Annamalai il suo totale equilibrio verso la vita, spesso spronava Annamalai a mangiare di più visto che lavorava duramente tutto il giorno ma non gli risparmiava il duro lavoro.  

Inoltre insegnava ai suoi discepoli che parlare di argomenti spirituali era un momento di saggezza e che bisognava approfittare di ogni momento per farlo in quanto erano momenti che spesso non si ripresentano più. 

Di fronte a episodi di competizione tra devoti Bhagavan scoraggiava fortemente tali manifestazioni. Invece incoraggiava i devoti a lavorare duramente, loro stessi, per la purificazione del loro karma.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/08/2021

Le varie tipologie di devoti

In un Ashram vivono vari tipi di persone: dei semplici devoti, devoti che stanno praticando e imparando le cose , devoti che hanno ricevuto la benedizione del Maestro(vestono abiti arancioni) e sono chiamati sannyasin, 

Usano il colore arancione come simbolo del distacco. Quando un devoto veste gli abiti arancioni vive come monaco. 

Quando un devoto sta facendo un percorso, se il Maestro non lo considera all'altezza non gli viene data la benedizione in quanto  ritiene che esso debba ancora fare un lavoro di purificazione del karma. 

Quando il Guru pensa che l’aspirante spirituale ha fatto abbastanza karma yoga e pratiche di purificazione, ed è pronto per indossare le vesti arancioni viene mandato via dall’ashram. Se invece l’aspirante spirituale non è pronto per indossare le vesti arancioni allora il Maestro continua ad assegnare lavori e pratiche per ridurre il karma. Quando la persona brucia il karma allora è pronto per indossare gli abiti arancioni e uscire nel mondo. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 09/08/2021

Il privilegio di stare vicino al Guru

Uno devoto o aspirante spirituale deve capire l’importanza del lavoro(karma yoga) nella propria crescita. Il Maestro prima di insegnare la meditazione ai devoti, chiede loro di fare dei lavori, dando vari compiti e creando varie difficoltà. Il restante tempo il devoto lo dedica mettendosi semplicemente ai piedi del Guru, in silenzio. 

Semplicemente sedendosi ai piedi del Maestro il devoto riceve la sua benedizione. 

Un aspirante spirituale deve avere purezza di cuore e non deve pensare alla propria comodità. Prima di ricevere la benedizione del Maestro e ricevere l’insegnamento della meditazione deve prima pulire “lo sporco”: l’invidia, rabbia, pigrizia, egoismo etc. Solo lo stesso devoto può pulire questo “sporco” attraverso un impegno continuo e il servizio disinteressato(karma yoga) che è la migliore via e la più veloce. 

Karma yoga ci purifica a vari livelli per portarci al distacco. Quando si raggiunge il distacco vuol dire che siamo pronti per fare la meditazione. A questo punto quando l’aspirante spirituale farà la pratica di meditazione avrà la capacità di percepire la beatitudine e l’Assoluto. 

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che stare vicino al Maestro è un grande dono, toccare il Maestro attraverso il massaggio oppure semplicemente toccare i suoi piedi è un grande privilegio.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/08/2021

Ogni azione deve diventare una Sadhana

Un Maestro, a volte, può chiederci di fare delle cose che apparentemente non sono alla nostra attuale portata, ma lo fa per la nostra crescita. Il guru è consapevole che se un’azione è fatta con l’anima quindi con tutta l’energia del corpo, mente,sensi, consaprevolezza, devozione e profondità allora un aspirante spirituale può fare tutto. 

Quando svolgiamo un lavoro, per esempio mettendo in ordine perfettamente, stiamo facendo anche una lavoro anche all’interno. Si dice che si mette in armonia il mondo interiore attraverso il mondo esteriore, materiale. 

Quando svolgiamo un’attività con la partecipazione dell’anima allora ogni cosa diventa una Sadhana. Per questo dobbiamo prendere la decisione di fare ogni attività con tranquillità, correttamente, prendendoci il nostro tempo. 

Quando invece facciamo le cose con pesantezza, nervosismo allora l’anima si nasconde. Solo con una mente intellettuale non è possibile sperimentare la devozione  e la completezza.  

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 07/08/2021

Le ripetizioni sono una chiave per la crescita

Perchè un Guru ci chiede di rifare un compito?

Per la nostra crescita. 

Di solito le persone svolgono il lavoro soprattutto da un punto di vista intellettuale ma il Guru va oltre questo aspetto chiedendo l’impegno dell’anima. 

Fare un'azione con l’anima è più importante della conoscenza di come fare quella cosa. Rimani sempre disponibile, fai tanti errori ma continui ad imparare da quella esperienza. Quando un bambino piccolo sta imparando a camminare e per fare questo continua a cadere, questa azione non è considerata un errore ma esperienza che porterà al risultato. 

Con le ripetizioni e la pratica la persona matura. A volte possiamo trovare il modo giusto di fare ma se non è adeguato all’ambiente un Maestro può richiedere che venga fatto in un altro modo. 

Questo succede perché il Maestro vuole che l’aspirante spirituale vada oltre i suoi desideri, comodità e cerchi di avere una visione globale dell’insieme. 

Questo si deve riflettere nelle piccole azioni come cantare mantra, praticare yoga e meditazione e qualsiasi atto devozionale. Ulteriormente ogni azione della vita deve diventare un atto devozionale con una vasta visione dell'insieme. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 06/08/2021

L'illuminazione si trova dentro di te

Dalla lettura di oggi abbiamo visto che anche all’interno di un Ashram possono accadere eventi spiacevoli, litigi, mal comprensioni, perché, in modo naturale, tutto fa parte della vita. 

Queste difficoltà ci aiutano a sviluppare le nostre capacità, talento e ci stimolano a crescere e maturare spiritualmente. 

Ci viene detto che un Ashram è praticamente in continua espansione quindi speso vari cantieri sono aperti. 

Questi cantieri sono un'opportunità per gli aspiranti spirituali per dare una mano(karma yoga), per fare delle donazioni, per maturare attraverso un’esperienza sotto vari aspetti. 

Il Guru potrebbe stare benissimo per conto suo e crescere spiritualmente ma invece crea delle situazioni per dare la possibilità ad altri di crescere. 

Il servizio deve essere disinteressato e chi fa donazioni non deve aspettarsi niente in cambio per evitare di far crescere ulteriormente il proprio Ego. 

L’aspirante, attraverso il servizio, semina un seme e l’Universo può decidere di farlo crescere e di realizzare qualsiasi progetto, idea ed aspirazione. 

Quando piantiamo un seme non dobbiamo aspettarci un risultato immediato, a volte piantiamo un albero e poi mangiamo i suoi frutti anche 20 anni dopo. Allo stesso modo anche i semi spirituali non si sa quando matureranno. Tuttavia è nostro dovere continuare a camminare sulla strada spirituale della crescita e maturità senza aspettative e attaccamento. 

Non bisogna cercare l’illuminazione in un Ashram oppure pensare che un Guru ti possa illuminare. L’illuminazione può accadere solo dentro di te e mai all’esterno. Quando riesci ad abbracciare lo spazio, l’universo allora sei illuminato. Quando riesci ad abbracciare te stesso allora sei illuminato. L’estero ci dà solo l’opportunità, attraverso la difficoltà, di raggiungere l’illuminazione. 

L’unica cosa che dobbiamo fare è crescere, usando l'adattabilità.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 05/08/2021

La giustizia del Guru

Lo stile manageriale di Chinna Swami allontanò molti fedeli ma per principio Bhagavan spesso lo sostenne. Ricordo un incidente che illustra ciò molto bene. Una volta venne una donna per avere il Darshan di Bhagavan. Poiché era molto timida e non amava mangiare insieme agli uomini, sedette sola in una capanna separata, vicino alla sala da pranzo. Invece di mandarle qualche devota a servile il cibo, decise di farlo Chinna Swami stesso. Quando Bhagavan scoprì ciò che stava accadendo lo rimproverò pubblicamente:

“Perchè non mandi una delle donne a servirla? Perchè le stai portando tu stesso il cibo?

E una donna molto timida e non è abituata ad avere a che fare con strani uomini”. 

Parecchi devoti che avevano testimoniato questa scena cominciarono a pensare: “ Se Bhagavan tratta Chinna Swami così perché noi dovremmo trattarlo con rispetto?”

Nei giorni successivi questi devoti iniziarono a minacciare pesantemente Chinna Swami. Bhagavan osservò tutto ciò in silenzio per alcuni giorni. Quando vide che i devoti non avrebbero cambiato attitudine, a meno che egli non fosse intervenuto, restaurò gli stati d’animo dicendo: “Pensate che Chinna Swami sia una piccola piantina che può essere facilmente strappata da terra con le unghie e gettata via?

Chinna Swami è il sarvadhikari qui. Dovreste rispettare la posizione e seguire le sue istruzioni”. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 04/08/2021

La tolleranza è un grande dono

Una volta Bhagavan dimostrò una grande tolleranza verso un visitatore che si lamentava. 

Avevamo appena finito di mangiare e stavamo andando a fare una passeggiata. Uno Saddhu, appena arrivato, avvicinò Bhagavan con le sue lamentele contro l’Ashram: “Sono venuto nel tuo Ashram per chiedere del cibo ma nessuno dei tuoi discepoli me ne ha dato. Vinekananda ha enfatizzato molto il concetto di  Anadana , dare cibo ai viaggiatori e pellegrini.

Mentre ascoltavo queste lamentele mi arrabbiavo sempre più. Alla fine lo interruppi e gli dissi:”Perchè stai disturbando Bhagavan in questo modo?. Vai via!”

“Bhagavan mi zittì con uno sguardo irato e permise al Saddhu di continuare con le sue lamentele” 

Quando il Saddhu capì che non sarebbe stato mandato via fece a Bhagavan una conferenza di mezz’ora sui difetti dell’Ashram e delle persone che lavoravano là.  

Alla fine, Bhagavan, molto quietamente ed educatamente chiese se ci fosse altro che desiderasse dirgli. Il Saddhu non diede risposta. 

Allora Bhagavan disse: “Qui Io non mangio gratuitamente. Ogni giorno taglio le verdure, mi occupo delle mucche, dò il Dharshan ai devoti e rispondo a tutti i loro dubbi e domande. Questo è il motivo per cui mi danno il cibo.”

Si volse verso di me e mi disse:”Che cosa fare? 

Portalo in cucina e dagli del cibo. “

Il Saddhu pranzò,  lasciò l’Ashram e non tornò mai più.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 03/08/2021

Vedere i difetti degli altri alimenta la mente

Non ricordo quale fu la mia prima e ultima rimostranza ma quel comportamento di Bhagavan dimostrava l’attitudine di Bhagavan verso le lamentele e chi le portava. Cominciò dicendo: “Nelle questioni interne è inevitabile che sorgano delle differenze. Non lasciarti coinvolgere.”

Poi mi chiese: “Per quale motivo sei venuto in questo Ashram?”

“Ho letto”, risposi, “in un commentario sulla Bagavad Gita che se la mente è pura diventa il Sé. Voglio mantenere la mia mente pulita in modo da realizzare il Sé. Sono venuto qui solo per questo scopo.”

“Vedere i difetti degli altri non nutre forse la mente?”

Accettai la critica di Bhagavan e gli dissi che in futuro avrei cercato di non vedere i difetti degli altri. Come atto finale mi prostrai a Bhagavan e gli dissi:”D’ora in poi non mi lamenterò più di nessuno.”

Mantenni la mia parola, negli anni successivi non mi lamentai più con Bhagavan degli altri devoti. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 02/08/2021

Lamentarsi non è costrutivo

Durante le varie fasi della costruzione Bhagavan venne a dirmi che sarebbe stato utile procurarci un mortaio per macinare i semi di cotone per le mucche. Mi disse persino dove posizionarlo. 

Quando raccontai a China Swami che volevo costruire questa macina egli insistette affinché io la mettessi in un angolo differente della stalla. Non appena se ne andò ignoraì i suoi ordini e la misi dove Bhagavan aveva indicato. Bhagavan mi salvò da un’altra inutile lite seguendo Chinna Swami nella stalla. 

Prima che Chinna Swami avesse la possibilità di lamentarsi Bhagavan apparve e disse: 

“Chiedi a China Swami, quale progetto è migliore? Il tuo o il suo?”

Bhagavan non aveva detto che il progetto fosse suo ma Chinna Swami interpretò questo commento come indicativo del fatto che era stato Bhagavan stesso a darmi questo incarico. Colse l’indizio e convenne che doveva essere adottata la mia idea. Bhagavan sapeva che Chinna Swami mi stava procurando molti problemi ma mi scoraggiava dal lamentarsi. 

Oltre l’incidente della borsa di monete mi lamentai soltanto per altre due volte del comportamento di Chinna Swami. In entrambe le occasioni Bhagavan mi rimproverò per essermi lamentato con lui. 

In una delle occasioni Chinna Swami mi chiese di lanciare delle pietre ad una cane e cacciarlo dall’Ashram. Io non volevo punire un cane innocuo così andai da Bhagavan e gli dissi: 

“Chinna Swami mi sta chiedendo di lanciare delle pietre a questo cane innocente. Bhagavan mi sorprese sostenendo suo fratello. 

Se cucini del cibo e lo tieni nella tua casa e un cane si avvicina, non hai il diritto di scacciarlo prima che rubi il cibo?

Bhagavan era sempre molto gentile con gli animali. Se avesse visto un devoto lanciare delle pietre ad un innocuo cane probabilmente lo avrebbe rimproverato. 

In questa occasione lo fece solo per scoraggiare che i devoti gli portassero delle lamentele. 

Quando i devoti si lamentavano con lui, gli censurava per questo. Ciò non significa che approvasse l’azione di chiunque avesse provocato la lamentela. 

Significava semplicemente che disapprovava i devoti che trovavano difetti negli altri.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 01/08/2021

Per risolvere un problema cosa serve?

Serve un problema

Per risolvere un problema tu ti devi impegnare per crescere.

Tutti gli Ashram funzionano in questo modo partendo da zero e senza avere necessariamente dei capitali.Molti sul percorso ti scoraggiano ma non è importante quanti soldi hai ma che progetto hai e l’intensità con il quale lo stai facendo. Solo allora l’universo risponderà. 

Comunque vada sia che tu riesca a realizzare oppure no il progetto non hai niente da perdere. Nei pensieri non devi essere tirchio ma puoi pensare in grande.  

L’Universo poi deciderà se realizzare oppure no.Noi agiamo e l’universo risponde. Per questo bisogna impararsi e imparare a rivolgersi all’universo per qualsiasi richiesta. Quando i progetti non finiscono allora c’è sempre una crescita, dove i progetti si fermano non ci sono difficoltà ma neanche crescita. Le difficoltà ci spingono ad impegnarci e a crescere. 

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
https://youtu.be/MX6DKEjuOu8 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 31/07/2021

La fede e la devozione verso il Guru

“Lascerò l’Ashram si lamentò ripetutamente Chinna Swami, “perchè quest’uomo sta andando contro i miei piani quindi è meglio che si prenda lui cura dell’Ashram”. Io andrò a vivere in Chengam, una città a quindici miglia o in qualche altro luogo. 

Tre devoti andarono da Chinna Swami per capire cosa l’avesse fatto infuriare così tanto. Chinna Swami disse loro: “sto per andare via dall’Ashram perché Annamali Swami sta andando contro tutti i miei progetti. Ritornerò soltanto se Annamalai Swami andrà via dall’Ashram.”

Questi tre devoti andarono da Bagavan e gli dissero: “Chinna Swami e molto arrabbiato e vuole lasciare l’Ashram. Dice che ritornerà soltanto se Annamalai verrà cacciato. “

Bagavan non interferiva mai quando Chinna Swami licenziava i lavoratori oppure mandava via i devoti dall’Ashram ma in questa occasione mi sostenne dicendo: “Se Annamalai Swami se ne va me ne andrò anche io”

Chinna Swami ritirò la minaccia e accettò il fatto che io rimanessi al suo posto ma continuo ad opporsi al mio progetto per la stalla. Quella sera China Swami portò nella sala tutti i devoti residenti e iniziò una discussione relativi ai meriti collegati al suo progetto e al mio.  Bagavan non prese parte a questa discussione semplicemente sedette ad ascoltare.  Tutti i devoti che presero la parola si espressero a favore di una stalla piccola. Io ero l’unico favorevole per il progetto per una stalla grande ma rimasi quieto durante tutta la discussione. 

Quando tutti espressero la loro opinione Chinna Swami pose fine alla discussione. Ora votiamo tutti disse: “ Ė meglio costruire una stalla grande o piccola?”

Tutti votarono per il progetto di Chinna Swami, soprattutto perché lo temevano. Io non votai affatto quindi Bagavan indagò: “Qual’è la tua opinione?”

Gli dissi: “Penso che dovremmo costruire una grande stalla sulle fondamenta che ho iniziato stamattina. 

Bagavan non diede il minimo indizio su quale progetto preferisse. Quando uno dei devoti suggerì che stessi portando avanti il progetto che segretamente Bagavan mi assegnò, lui non confermò e non negò l’idea. Rimase neutrale fino alla fine. Dopo che ebbi espresso la mia opinione sulla questione Bagavan commentò: “Oggi vi siete divisi in due fazioni, vediamo alla fine quale delle due idee si materializza. Questa fu l’ultima parola sulla questione. Dopo avere parlato si alzò e lasciò la sala.

Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
https://youtu.be/t3E9u40FdYw 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 30/07/2021

La forza della pace e del sorriso

Colui chi fa un cammino spirituale deve fare riferimento ad un’autorità spirituale ma anche a delle autorità che appartengono alla vita mondana. Quindi il Guru crea sempre difficoltà e mette il devoto in condizione di gestirle entrambe le sfacettature della vita. Nella lettura di oggi abbiamo visto che Bhagavan dimostra fiducia a Chinna Swami, direttore del suo Ashram, ma nello stesso momento crea difficoltà al suo devoto prediletto, Annamalai Swami, per aiutarlo a crescere spiritualmente. 

Per chi vive in Ashram l’ultima parola spetta al Guru e non c’è un'autorità maggiore del Guru.

Se stiamo parlando di un devoto allora il rapporto con le autorità deve essere basato sulla pace, silenzio oppure sul sorriso.

La devozione ci rende forti e resistenti anche nel rapporto con gli altri. Per essere forti bisogna prendere una decisione e diventare responsabili. Chi non è spirituale fa fatica a decidere e preferisce far decidere gli altri. 

Bhagavan attraverso l'atteggiamento che ha nei confronti di Annamalai e dei suoi progetti di costruzione ci dimostra che la cosa importante non è il raggiungimento dello scopo ma piuttosto come percorriamo il cammino. 

Come possiamo allenare la pazienza, resistenza e il sorriso se non affrontiamo molte difficoltà?

Infatti Annamalai Swamii ha reagito di fronte alle difficoltà come se fossero una Saddhana quindi con la pace, tranquillità, silenzio e sorriso.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 29/07/2021

La devozione migliora le nostre capacità

Nella lettura di oggi abbiamo visto che ogni Guru crea delle difficoltà necessarie per la crescita del devoto. In questo caso Bhagavan chiede al suo discepolo, Annamalai Swami di creare una scultura raffigurante tre montagne che simbolicamente rappresentano Shiva, Ganesha  e Subramanian. 

Shiva rappresenta la stabilità, l’anima cosmica. Ganesha è visto come elefante quindi stabile, mentre  Subramanian è rappresentato come il pavone quindi rappresenta la dinamicità. Da una parte abbiamo la stabilità e dall’altra la dinamicità mentre al centro sta Shiva che sostiene tutto.

Ogni azione rappresenta il nostro sé e ogni azione deve avere lo scopo di conoscere e realizzare il Sé. 

Quando facciamo un'azione esprimiamo anche il nostro Karma. La nostra vita ci serve per realizzare noi stessi, attraverso l’azione. 

Come è possibile ricordarsi le qualità di una vita precedente?

La devozione libera la nostra memoria delle vite precedenti e ci aiuta ad avere accesso ad una serie di informazioni e abilità precedentemente acquisite in un’altra vita. La devozione rende le memorie come una cascata. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 28/07/2021

È importante  capire il rapporto tra il Maestro e le persone che lo seguono. Un Maestro può essere un Guru, un insegnante, un istruttore, guida e d’altra parte anche gli allievi possono trovarsi a vari livelli. Gli allievi possono trovarsi in una situazione di apprendimento, possono essere dei discepoli oppure devoti etc. 

Un allievo, a volte, ha solo lo scopo di imparare. Il discepolo oppure il devoto hanno delle qualità superiori. 

Nella lettura di oggi abbiamo visto che Bhagavan ha messo alla prova il suo discepolo, mettendogli di fronte molte difficoltà. Il Maestro mette sempre alla prova i suoi devoti come dimostrazione di fiducia e per aiutarli a crescere spiritualmente, rendendoli più forti e resistenti. 

Un devoto si arrende al Guru in completa fiducia ed è disposto a perdere persino la vita per lui.

In alcuni racconti di Ramayana i devoti sono addirittura più importanti di Dio, perché il devoto ha nel suo cuore l'essenza di Dio. 

Quindi, la devozione rende molto forti i praticanti aiutandoli ad affrontare qualsiasi tipo di sfida con lo scopo di avere una vera crescita. 

La parola “devoto” viene dalla parola “deva” che vuol dire divino. Chi segue una vita spirituale deve dimostrare devozione. 

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 27/07/2021

Le difficoltà fanno crescere

Mentre stavo ancora imparando il mestiere, occasionalmente mi sentì molto frustrato. C’erano molti problemi difficili da superare. Inoltre era estate, non c’era ombra e il calore era insopportabile. Parecchie volte mi venne il pensiero perchè Bagavan mi stesse facendo fare questo lavoro in pieno sole estivo. Una volta mentre tali pensieri attraversavano la mia mente, Bagavan venne a vedere il lavoro. Intuendo il mio stato d'animo mi disse:

 “pensavo che se ti avessi chiesto di eseguire qualsiasi lavoro tu lo avresti eseguito volontieri. Presumevo che tu fossi capace di farlo. Se non puoi farlo oppure trovi difficile farlo semplicemente lascia stare.”

Bagavan mi stava dando la possibilità di ammettere la sconfitta ma io mi rifiutai di afferrarla. Per alcuni minuti prima dell'arrivo di Bagavan avevo avuto pensieri di ammutinamento. Ora ascoltando le sue parole sorse in me una grande determinazione. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 26/07/2021

Tutti si trasforma continuamente

C’è un’altra storia interessante connessa con i primi tempi della vecchia sala.

All’inizio non c’era nessun divano nella sala, Bagavan semplicemente sedeva su una panchina di legno in un angolo della stanza. Più tardi, un uomo chiamato Ranga Swami portò un sofà e chiese a Bagavan di sedersi. Quando egli rifiutò, Ranga Swami cominciò a piangere. Pianse per tre giorni di seguito nella sala implorando Bagavan di accettare il suo dono. Alla fine del terzo giorno Bagavan scese dalla sua panchina e andò a dormire sul divano. Da quel giorno in poi passò la maggior parte del tempo seduto o a dormire su questo divano. 

C’è un’altra storia poco nota sull’edificio che copre il Samadhi della madre

In origine il lingam era stato coperto con una piccola capanna fatta di foglie di noci di cocco. Verso la metà degli anni venti un gruppo di costruttori degli anni venti cercò di cuocere dei mattoni vicino all’Ashram. Poichè la cottura dei mattoni non riuscì adeguatamente la abbandonarono. Bagavan, poco propenso a sciupare qualunque cosa fosse anche remotamente utile, decise che i mattoni potevano essere usato per costruire un muro attorno al Samadhi della madre. Alcuni giorni dopo, Bagavan e tutti i devoti residenti, si disposero in una linea tra il forno e il samadhi. Passandosi i mattoni l’uno con l’altro furono in grado di trasferirli fino all’Ashram durante la notte. Il giorno seguente fu costruito un muro attorno al Samadhi. Bagavan stesso fece tutto il lavoro all’interno del muro mentre un muratore professionista lavorò all’esterno. Il nuovo edificio fu completato con un tetto di foglie. Tra questo edificio e la vecchia sala, dove ora si erge la sala del Samadhi di Bagavan, c’era una lunga costruzione contenente la sala da pranzo originale e la cucina.

Questi tre edifici, il samadhi della madre di Bagavan, la vecchia sala da pranzo e la vecchia sala, erano le tre strutture principali che erano state erette sino al 1928, l’anno del mio arrivo. Oltre a queste c’erano alcune capanne fatte di foglie e noci di cocco, che venivano usate per i devoti residenti e alcuni capannoni con tetto di paglia. Questo era lo stato dell’Ashram quando Bagavan mi chiese di fare da supervisore alla costruzione del magazzino. 

Ranga Swami, l’uomo che ci aveva donato il divano per Bagavan, fece una donazione all’Ashram per la costruzione di una stalla. Promise che avrebbe donato delle mucche quando la stalla fosse stata terminata. Chinna Swami pensava invece che sarebbe stato più utile per l’Ashram un magazzino. Continuò però a costruire l’edificio nella forma di una stalla, semplicemente per compiacere Ranga Swami. Ma appena fu finito lo convertì in un magazzino. La conversione fu solo parziale. 

Ranga Swami fu comprensibilmente irritato a questo cambiamento di progetto. Venne a insultare Chinna Swami in termini molto chiari affermando che stesse sprecando il suo denaro ma Chinna Swami semplicemente rimase quieto e assimilò tutto. Questo magazzino fu il mio primo grosso lavoro di costruzione. Ero veramente preoccupato perchè non avevo nessuna esperienza nella costruzione degli edifici. Mio padre era un imminente costruttore ma non mi aveva mai insegnato il mestiere

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 25/07/2021

Tutti si trasforma continuamente

C’è un’altra storia interessante connessa con i primi tempi della vecchia sala.

All’inizio non c’era nessun divano nella sala, Bagavan semplicemente sedeva su una panchina di legno in un angolo della stanza. Più tardi, un uomo chiamato Ranga Swami portò un sofà e chiese a Bagavan di sedersi. Quando egli rifiutò, Ranga Swami cominciò a piangere. Pianse per tre giorni di seguito nella sala implorando Bagavan di accettare il suo dono. Alla fine del terzo giorno Bagavan scese dalla sua panchina e andò a dormire sul divano. Da quel giorno in poi passò la maggior parte del tempo seduto o a dormire su questo divano. 

C’è un’altra storia poco nota sull’edificio che copre il Samadhi della madre

In origine il lingam era stato coperto con una piccola capanna fatta di foglie di noci di cocco. Verso la metà degli anni venti un gruppo di costruttori degli anni venti cercò di cuocere dei mattoni vicino all’Ashram. Poichè la cottura dei mattoni non riuscì adeguatamente la abbandonarono. Bagavan, poco propenso a sciupare qualunque cosa fosse anche remotamente utile, decise che i mattoni potevano essere usato per costruire un muro attorno al Samadhi della madre. Alcuni giorni dopo, Bagavan e tutti i devoti residenti, si disposero in una linea tra il forno e il samadhi. Passandosi i mattoni l’uno con l’altro furono in grado di trasferirli fino all’Ashram durante la notte. Il giorno seguente fu costruito un muro attorno al Samadhi. Bagavan stesso fece tutto il lavoro all’interno del muro mentre un muratore professionista lavorò all’esterno. Il nuovo edificio fu completato con un tetto di foglie. Tra questo edificio e la vecchia sala, dove ora si erge la sala del Samadhi di Bagavan, c’era una lunga costruzione contenente la sala da pranzo originale e la cucina.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 24/07/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/Zml7tVcsH6I

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 23/07/2021

Niente viene all'esistenza per caso

Adesso il muro è alto solo un metro e cinquanta. Poco dopo la sua ultimazione il terreno su entrambi i lati fu rialzato e livellato. Oggi sopra il terreno si erge solo 1,5 metri del muro. Come nota finale a questa storia dovrei dire che alcuni dei devoti avevano in mente di costruire un muro di recinzione. Questa idea dovette essere abbandonata perché non avevano il denaro per pagarlo. 

Dopo che il lavoro al muro fu terminato, Bagavan mi chiese di fare da supervisore alla costruzione del magazzino che è ora di fronte alla porta della cucina. Prima di fare un resoconto di come sorsero questo edificio e molti altri, sarà utile spiegare come appariva l’Ashram in quei giorni. Quando arrivai nel 1928 Bagavan viveva nella vecchia sala. Quest’edificio è stato completato soltanto recentemente. In precedenza Bagavan aveva vissuto in una piccola stanza che era parte dell’edificio che copriva il Samadhi di sua madre. 

Ramana Asahram crebbe intorno al Samadhi della madre di Ramana Maharshi. Dopo che essa realizzò il Sé nel momento della morte nel 1922 il suo corpo fu sepolto sul lato sud di Arunachala.

Chinna Swami divento il capo dell’Ashram verso la fine del 1928. Chinna Swami era il fratello più piccolo di Bagavan e Inizialmente andò a vivere con lui. Chinna Swami significa piccolo Swami.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 21/07/2021

Difendi il tuo Guru

Mentre stavo lavorando a questo muro l’esattore di Tiruvannamalai venne ad osservarmi lavorare. Dopo alcuni minuti commentò: “Perchè stai costruendo un muro così grosso?”, “Quale sciocco ti ha proposto questo progetto?”

Non mi piaceva sentire insultare Bagavan in quel modo così gli dissi con molto ira: “ Vai a berti un caffè vicino all’ufficio di Swami e non venire qui a interferire con il mio lavoro. Se verrai ancora a fare affermazioni di questo genere ti picchierò con i miei sandali”. 

Gli parlaì così perche mi ricordaì un’affermazione di Rama Krishna Paramahansa che diceva: “Se qualcuno parla male del tuo Guru dovresti colpirlo”. 

L’esattore di tasse andò da Swami a lamentarsi e Swami venne da me a chiedermi perchè gli avessi parlato in quel modo. Quest'uomo è venuto da me chiedendomi: “Quale sciocco ti ha proposto questo progetto?”

Sto seguendo il progetto di Bagavan. Chi crede di essere per insultare il mio Guru?

Swami sembrò accettare la mia risposta, se ne andò con l’esattore e non menzionò più la questione. Dovetti spiegare il mio peculiare comportamento ma il fatto è che in quei giorni ero una testa calda e molto ansioso di proteggere l’onore e il buon nome di Bagavan. Quando il lavoro fu finito aggiunsi due serie di scalini di pietra uno sul lato occidentale e l’altro nel mezzo così che Bagavan e i devoti potessero oltrepassare facilmente quando si dirigevano ad Arunachala. 

Il giudizio e l’intuizione di Bagavan alla fine ebbero giustizia. Durante il monsone che seguì la costruzione del muro, il corso d’acqua dietro l’Ashram ruppe gli argini. Fortunatamente il muro fu sufficientemente forte per sostenere la pressione dell’acqua e deviare l’acqua lontano dall’Ashram.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 20/07/2021

A volte bisogna eseguire senza comprendere

Nei primi anni dello Shri Ramana Ashram, il corso d’acqua che ora è dietro il muro a nord, fluiva in mezzo all’Ashram. Bagavan mi chiese di costruire questo muro per impedire al fiume di entrare nell’Ashram cosicché saremo stati protetti dalle acque in piena che scendevano dalla collina durante la stagione delle piogge. C’era già una piccola protezione  fatta di terra nella parte nord dell’Ashram ma Bagavan sembrava pensasse che non bastasse per contenere una piena. Mentre Bagavan stava delineando il progetto mi raccontò alcuni dei problemi che l’Ashram aveva avuto nel passato. 

Dopo i nostri primi anni qui dopo ogni pioggia intensa si formava un torrente profondo un paio di metri, che scorreva nel canale che attraversava l’Ashram. Bagavan mi disse che voleva costruire un grande muro di sassi e mattoni lungo circa 100 metri, che avrebbe permanentemente deviato il corso d’acqua. Bagavan usava la parola “rakshanai” che significa protezione per definire questo muro. Mi disse che avrebbe protetto l’ashram contro tutte le inondazioni future. Le istruzioni di Bagavan furono di costruire due muri paralleli, leggermente inclinati uno verso l’altro. Questi muri dovevano essere  alti 1,80 metri e separati sulla cima di circa 2,5 metri. Mentre costruisci i muri, consigliò Bagavan, riempi lo spazio tra essi con fango. Se mischi acqua e terra insieme e le comprimi allora diventerà molto forte. Mentre stavo eseguendo questi lavori parecchi gruppi di devoti vennero ad osservare e alcuni di loro iniziarono a scherzare in quanto non si fidavano della validità del progetto e pensavano che stessimo spreccando i soldi dell’Ashram, che in quel periodo erano pochissimi.   

Io rimanevo imperturbato di fronte ai loro commenti e critiche perchè sapevo che stavo semplicemente eseguendo le istruzioni di Bagavan. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 19/07/2021

Ubbidienza e perseveranza

Il mio lavoro di attendente durò solo circa un mese, dopo di che Bagavan decise che sarei stato più utile come supervisore delle costruzioni all’interno dell’Ashram. Il primo accenno di questo progetto su di me giunse mentre mi stavo occupando degli usuali doveri nella sala. Bagavan improvvisamente mi si rivolse e disse: “Un uomo sta costruendo un muro vicino al serbatoio dell’acqua. Vai a vedere cosa sta facendo”

Sembrava un’istruzione piuttosto vaga ma feci del mio meglio per eseguirla. Osservai il muratore per alcuni minuti e poi gli chiesi cosa stesse facendo. Egli rispose: “Rama Swami mi ha detto di costruire un muro qui.”

Ritornai nella sala e dissi a Bagavan ciò che il muratore mi aveva detto e gli feci un breve rapporto su come stava progredendo il lavoro. Alcuni minuti dopo Bagavan mi guardò e ripetè la sua istruzione originaria:”Vai a vedere ciò che sta facendo”

Leggermente perplesso uscì e ancora una volta chiesi al muratore cosa stesse facendo. Egli rispose: “Te l’ho già detto, sto costruendo un muro”

Poiché non vedevo nulla di sbagliato nel muro o nel modo in cui veniva costruito, non potevo comprendere perchè Bagavan fosse così insistente sul fatto che io controllassi le sue attività. Ritornai da Bagavan e gli feci un ulteriore rapporto. Alcuni minuti dopo Bagavan ripetè la sua istruzione per la terza volta: vai a vedere ciò che sta facendo. 

Del tutto comprensibilmente, il muratore si irritò quando tornai per la terza volta a chiedergli cosa stesse facendo:”Sei pazzo? Ti ho già detto che sto costruendo un muro. Non riesci a vedere da solo cosa sto facendo?”

Era del tutto chiaro che stava costruendo un muro in maniera ragionevolmente competente.Non c’era giustificazione per le mie ripetute domande. Mi sentivo obbligato di farle soltanto perché Bagavan mi aveva chiesto di dirgli cosa stesse accadendo. Per la terza volta tornai nella sala e riportai ciò che il muratore aveva detto.  

Dopo essere rimasto silente per alcuni minuti Bagavan mi si rivolse dicendo: “D’ora in poi qualcun altro si prenderà cura del tuo lavoro nella sala. Vai a fare da supervisore a quel muratore e assicurati che il lavoro venga svolto nella maniera giusta. La mia reazione a questo nuovo compito fu: perché Bagavan non mi ha dato subito questa istruzione?

Perchè mi ha fatto andare avanti e indietro per tre volte prima di dirmi quale fosse la sua vera intenzione?

Più tardi capì che Bagavan mi stava addestrando al suo metodo personale per farmi fare da supervisore. Sebbene qualche volta mi abbia istruito in dettaglio, in molti dei lavori che mi assegnò mi diede soltanto piccole indicazioni su ciò che volesse fosse fatto. Dovevo capire ciò che Bagavan realmente intendeva ed eseguire il lavoro conformemente.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/07/2021

L'Universo risponde sempre

Quando il lavoro della stalla fu finalmente finito, Chinna Swami scrisse a Ranga Swami, l’uomo che aveva regalato i soldi per la stalla, che poi era diventata una magazzino: “Abbiamo completato una grande stalla. Puoi venire a vedere tu stesso.Per favore non essere più arrabbiato con noi”.

Ranga Swami accettò l’invito per vedere quale grande stalla avessero costruito. Mantenne la sua promessa originale e donò parecchie mucche. Mentre gli veniva mostrata la stalla commentò: “Quando vidi che Chinna Swami aveva speso i miei soldi per un magazzino invece che per una stalla, naturalmente mi arrabbiai con lui. Pensai che aveva sprecato tutto il mio denaro. Ora che è stata costruita questa stalla, molto più grande, sono felice e appagato. Ogni cosa alla fine è andata bene”.

Anche Chinna Swami ora era felice. Nell’ultimo periodo l’Ashram aveva ricevuto così tante donazioni per la stalla che anche dopo il suo completamento rimase molto denaro. Questo mise Chinna Swami in uno stato d’animo insolitamente esuberante. 

“Ogni qualvolta che lavorerai per l’Ashram, in futuro”, mi disse, “fallo usando il denaro per qualsiasi cosa sia necessaria. Bhagavan fornirà tutto ciò che serve”.

Poiché ora l’ashram aveva molto denaro, dopo avere avuto l’approvazione di  Bhagavan, decise di avviare parecchi altri progetti di costruzione. Venne da me e disse:

“Andrò in Birmania a comprare abbastanza lego di tè per costruire una grande sala da pranzo e una cucina. Mentre sono via tu comincia a lavorare per il bagno di Bhagavan, un ufficio e una libreria. Sono sicuro che farai un buon lavoro perchè lavori seguendo i progetti di Bhagavan”.

Avevamo già ricevuto una donazione per il bagno di Bhagavan così potei iniziare subito i lavori per il bagno di Bhagavan. I lavori fluirono senza nessun incidente degno di nota. Dovrei dire a beneficio dei devoti cha hanno visitato l’Ashram che l’edificio che ora contiene l’ufficio dell’Ashram e la libreria furono costruiti dopo la morte di Bhagavan. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 17/07/2021

La giustizia del Guru

Lo stile manageriale di Chinna Swami allontanò molti fedeli ma per principio Bhagavan spesso lo sostenne. Ricordo un incidente che illustra ciò molto bene. Una volta venne una donna per avere il Darshan di Bhagavan. Poiché era molto timida e non amava mangiare insieme agli uomini, sedette sola in una capanna separata, vicino alla sala da pranzo. Invece di mandarle qualche devota a servile il cibo, decise di farlo Chinna Swami stesso. Quando Bhagavan scoprì ciò che stava accadendo lo rimproverò pubblicamente:

“Perchè non mandi una delle donne a servirla? Perchè le stai portando tu stesso il cibo?

E una donna molto timida e non è abituata ad avere a che fare con strani uomini”. 

Parecchi devoti che avevano testimoniato questa scena cominciarono a pensare: “ Se Bhagavan tratta Chinna Swami così perché noi dovremmo trattarlo con rispetto?”

Nei giorni successivi questi devoti iniziarono a minacciare pesantemente Chinna Swami. Bhagavan osservò tutto ciò in silenzio per alcuni giorni. Quando vide che i devoti non avrebbero cambiato attitudine, a meno che egli non fosse intervenuto, restaurò gli stati d’animo dicendo: “Pensate che Chinna Swami sia una piccola piantina che può essere facilmente strappata da terra con le unghie e gettata via?

Chinna Swami è il sarvadhikari qui. Dovreste rispettare la posizione e seguire le sue istruzioni”. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 16/07/2021

Vedere i difetti degli altri alimenta la mente

Non ricordo quale fu la mia prima e ultima rimostranza ma quel comportamento di Bhagavan dimostrava l’attitudine di Bhagavan verso le lamentele e chi le portava. Cominciò dicendo: “Nelle questioni interne è inevitabile che sorgano delle differenze. Non lasciarti coinvolgere.”

Poi mi chiese: “Per quale motivo sei venuto in questo Ashram?”

“Ho letto”, risposi, “in un commentario sulla Bagavad Gita che se la mente è pura diventa il Sé. Voglio mantenere la mia mente pulita in modo da realizzare il Sé. Sono venuto qui solo per questo scopo.”

“Vedere i difetti degli altri non nutre forse la mente?”

Accettai la critica di Bhagavan e gli dissi che in futuro avrei cercato di non vedere i difetti degli altri. Come atto finale mi prostrai a Bhagavan e gli dissi:”D’ora in poi non mi lamenterò più di nessuno.”

Mantenni la mia parola, negli anni successivi non mi lamentai più con Bhagavan degli altri devoti. 

Una volta Bhagavan dimostrò una grande tolleranza verso un visitatore che si lamentava. 

Avevamo appena finito di mangiare e stavamo andando a fare una passeggiata. Uno Saddhu, appena arrivato, avvicinò Bhagavan con le sue lamentele contro l’Ashram: “Sono venuto nel tuo Ashram per chiedere del cibo ma nessuno dei tuoi discepoli me ne ha dato. Vinekananda ha enfatizzato molto il concetto di  Anadana , dare cibo ai viaggiatori e pellegrini.

Mentre ascoltavo queste lamentele mi arrabbiavo sempre più. Alla fine lo interruppi e gli dissi:”Perchè stai disturbando Bhagavan in questo modo?. Vai via!”

“Bhagavan mi zittì con uno sguardo irato e permise al Saddhu di continuare con le sue lamentele” 

Quando il Saddhu capì che non sarebbe stato mandato via fece a Bhagavan una conferenza di mezz’ora sui difetti dell’Ashram e delle persone che lavoravano là.  

Alla fine, Bhagavan, molto quietamente ed educatamente chiese se ci fosse altro che desiderasse dirgli. Il Saddhu non diede risposta. 

Allora Bhagavan disse: “Qui Io non mangio gratuitamente. Ogni giorno taglio le verdure, mi occupo delle mucche, dò il Dharshan ai devoti e rispondo a tutti i loro dubbi e domande. Questo è il motivo per cui mi danno il cibo.”

Si volse verso di me e mi disse:”Che cosa fare? 

Portalo in cucina e dagli del cibo. “

Il Saddhu pranzò,  lasciò l’Ashram e non tornò mai più.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/07/2021

Lamentarsi non è costrutivo

Durante le varie fasi della costruzione Bhagavan venne a dirmi che sarebbe stato utile procurarci un mortaio per macinare i semi di cotone per le mucche. Mi disse persino dove posizionarlo. 

Quando raccontai a China Swami che volevo costruire questa macina egli insistette affinché io la mettessi in un angolo differente della stalla. Non appena se ne andò ignoraì i suoi ordini e la misi dove Bhagavan aveva indicato. Bhagavan mi salvò da un’altra inutile lite seguendo Chinna Swami nella stalla. 

Prima che Chinna Swami avesse la possibilità di lamentarsi Bhagavan apparve e disse: 

“Chiedi a China Swami, quale progetto è migliore? Il tuo o il suo?”

Bhagavan non aveva detto che il progetto fosse suo ma Chinna Swami interpretò questo commento come indicativo del fatto che era stato Bhagavan stesso a darmi questo incarico. Colse l’indizio e convenne che doveva essere adottata la mia idea. Bhagavan sapeva che Chinna Swami mi stava procurando molti problemi ma mi scoraggiava dal lamentarsi. 

Oltre l’incidente della borsa di monete mi lamentai soltanto per altre due volte del comportamento di Chinna Swami. In entrambe le occasioni Bhagavan mi rimproverò per essermi lamentato con lui. 

In una delle occasioni Chinna Swami mi chiese di lanciare delle pietre ad una cane e cacciarlo dall’Ashram. Io non volevo punire un cane innocuo così andai da Bhagavan e gli dissi: 

“Chinna Swami mi sta chiedendo di lanciare delle pietre a questo cane innocente. Bhagavan mi sorprese sostenendo suo fratello. 

Se cucini del cibo e lo tieni nella tua casa e un cane si avvicina, non hai il diritto di scacciarlo prima che rubi il cibo?

Bhagavan era sempre molto gentile con gli animali. Se avesse visto un devoto lanciare delle pietre ad un innocuo cane probabilmente lo avrebbe rimproverato. 

In questa occasione lo fece solo per scoraggiare che i devoti gli portassero delle lamentele. 

Quando i devoti si lamentavano con lui, gli censurava per questo. Ciò non significa che approvasse l’azione di chiunque avesse provocato la lamentela. 

Significava semplicemente che disapprovava i devoti che trovavano difetti negli altri.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/07/2021

La benedizione del Guru rende tutto possibile

La legna arrivò qualche giorno dopo. Insieme ad esso c’era un conto inaspettato di 3000 rupie. Quando il devoto si era offerto a mandare la legna tutti avevano naturalmente capito che intendeva farlo come donazione per l’Ashram. Chinna Swami quasi esplose quando vide il conto perché il denaro chiesto era molto di più di quanto l’Ashram posedesse a quel tempo.Fortunatamente qualcuno dei devoti più ricchi venne a conoscenza della nostra situazione. Raccolsero fra loro il denaro e pagarono il conto. 

Le nostre finanze erano sempre in situazione precaria quando stavamo costruendo i grandi edifici dell’Ashram. Fortunatamente, poiché gli edifici furono eretti su ordine di Bhagavan, non sperimentammo mai alcun reale disastro finanziario. 

Mentre stavamo costruendo arrivavano sempre abbastanza soldi per coprire le spese. In tutti gli anni in cui feci da supervisore ai progetti Bhagavan non ci fu mai un giorno in cui la mancanza di denaro ci abbia impedito di lavorare. 

Chinna Swami alla fine comprese che se un progetto aveva la benedizione di Bhagavan non c’era bisogno di preoccuparsi per il denaro. Mentre la stalla stava per essere completata venne da me e disse: “ Questo edificio sarà ultimato con successo grazie alla benedizione di Bhagavan. E’ solo a causa della sua grazia che siamo stati in grado di finanziarlo. “

Bhagavan veniva spesso alla stalla per dare istruzioni e vedere i progressi fatti. Era solito visitare il cantiere persino durante la notte. 

Un giorno Bhagavan mi disse:” Se costruirai questa stalla per Lakshmi otterremo tutti i meriti per avere fatto atti virtuosi. Così, a tempo debito, quest’area diventerà una città .

Laksmi stessa veniva a vedere i lavori della sua nuova dimora. Se Bhagavan era là, la accarezzava sulla testa e le diceva: “Devi attendere ancora alcuni giorni”.

In quei giorni Laksmi poteva vagabondare ovunque desiderasse.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/07/2021

Il caso non esiste

Il giorno in cui questo denaro sarebbe dovuto terminare, i fondi per la stalla di Bhagavan apparvero in circostanze quasi miracolose. Parecchie settimane prima, l’editore di The sunday Times, era venuto per il Dharshan di Bhagavan. Era rimasto così impressionato da scrivere un lungo articolo su Bhagavan. Questo articolo giunse all’attenzione di un principe del nord dell’India il quale però, a quel momento, non fece niente per Bhagavan. Alcune settimane dopo decise di andare a caccia di tigri in una delle sue foreste. Trovò una tigre ma quando alzò il fucile per sparare fu bloccato da un’improvvisa ondata di paura. Era consapevole che se non avesse sparato la tigre sarebbe balzata su di lui e l’avrebbe ucciso. Pur sapendo questo i suoi muscoli paralizzati non reagirono. 

Improvvisamente ricordò l’articolo su Bhagavan e iniziò una preghiera: “Se avrò successo in questa caccia non solo ti manderò una cifra di mille rupie ma ti manderò anche la testa e la pelle della tigre”.

In quei giorni, i lavoratori comuni, ricevevano una paga di un quarto di rupie al giorno. La paralisi lo lasciò non appena finì la preghiera quindi fu in grado di uccidere la tigre al primo colpo. 

Il principe mantenne la promessa quindi due giorni dopo apparve il postino con mille rupie. Per uno strano gioco del destino diede il denaro a me invece che a Chinna Swami. Io lo portai a Bhagavan che reagì come se niente fosse: “Sì, aspettavo questo regalo. Prendi i soldi e portali a Chinna Swami”. 

Quando portai i denaro a Chinna Swami egli dimenticò immediatamente la mia disputa e mi fece un grande sorriso. La pelle di tigre promessa arrivò circa una settimana dopo. Bhagavan sedette su di essa per alcuni minuti mentre un fotografo locale fece alcune foto. 

Più tardi Chinna Swami mi disse: “Hai avuto coraggio, perché è stato Bhagavan a dirti di eseguire questo progetto.

In questo momento Bhagavan non mi rivela i suoi piani e neanche tu sembri propenso a farlo. Questa è l’unica difficoltà che ho con te. Sto solo cercando di fare il mio lavoro quindi per favore non essere arrabbiato con me”.

Usai  il denaro per comprare cemento e legna per la stalla. Dopo quattro giorni, quando tutti i soldi furono finiti, Chinna Swami riprese a lamentarsi con me. 

Un devoto venuto a vedere Bhagavan chiese:”Di cos’altro avete bisogno?, forse posso aiutare”

Gli dissi che il nostro bisogno più urgente erano quattro tonnellate di legna. Sapevo che questo sarebbe costato molto denaro ma il devoto rimase imperterrito. 

“Non c’è problema”, disse, “posso farvi arrivare quella quantità da Madras”

Chinna Swami fu deliziato a sentire tutto ciò perché sapeva che questo avrebbe fatto la differenza sul conto finale. 

Il devoto andò a prendere il Dharshan da Bhagavan e poi ritornò a Madras per occuparsi dei nostri affari.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/07/2021

La fedeltà viene sostenuta dall'universo

Sebbene il risultato del dibattito fosse inconcludente, Bhagavan mi aveva dato un pò di spazio di manovra. Rifiutandosi di permettere a China Swami di buttarmi fuori e di sostenere il suo progetto mi sembrava che avesse tacitamente approvato la stalla grande. Partendo da questo presupposto continuai a scavare i fossati per le fondamenta. Chinna Swami non cercò di fermarmi ma mi sottopose ad un costante assalto di lamentele, per lo più sul costo del progetto. Per Chinna Swami era una situazione davvero insolita, era abituato ad esercitare un potere assoluto, così l’intervento di Bhagavan a mio sostegno era qualcosa di straordinario. Le implicazioni di questa sua risposta non sfuggirono a China Swami. Egli giunse alla conclusione che ci doveva essere stato qualche accordo tacito tra Bhavan e me, sul progetto della stalla. Questa era l’unica soluzione che spiegava i due insoliti eventi: la mia insubordinazione e l’intervento di Bhagavan a mio sostegno. Chinna Swami non fu in grado di avere delle conferme a sostegno di questa teoria. Era troppo spaventato per avvicinare direttamente Bhagavan poiché, di solito, quest’ultimo lo congedava con un secco: “Vai via!”. E non riuscì neanche avere nessun tipo di conferma da me. Io mi attenni alle parole di Bhagavan e insistetti che il progetto era una mia idea. 

Alla sera del terzo giorno andai da Chinna Swami per avere le paghe dei lavoratori. Quella sera, prima di avere la possibilità di consegnargli la lista delle spese, si arrabbiò e gridò:”Non abbiamo denaro. Non possiamo pagare i lavoratori oggi perchè tu hai cambiato il progetto. Come possiamo pagare per un edificio di questa misura?”

Quindi senza nemmeno guardare la lista delle spese lanciò la borsa contenente le monete per le paghe dei lavoratori. Fortunatamente per me la sua mira non era buona. La sua borsa mancò la mia testa per pochi centimetri. 

Questa fu per me l’ultima goccia quindi andai a raccontare tutto a Bhagavan. 

Bhagavan ascoltò il mio racconto e restò in silenzio per un  po. Alla fine mi parlò e mi fece una lunga lista di cose, incluso il cibo, di cui disse di non avere bisogno. In modo indiretto voleva dire che se alcune spese inutili fossero state  evitate l’Ashram ne avrebbe avuto a sufficienza per il progetto. Da quel momento in poi Bhagavan si rifiutò di mettere il balsamo per le gambe e piedi e usare la noce di Betel.

I devoti osservarono tutti questi scambi quindi decisero di contribuire con del denaro per coprire il deficit. I soldi raccolti si dimostrarono sufficienti per pagare i lavoratori quel giorno ed anche i due giorni successivi.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/07/2021 e 11/07/2021

La fede e la devozione verso il Guru

“Lascerò l’Ashram si lamentò ripetutamente Chinna Swami, “perchè quest’uomo sta andando contro i miei piani quindi è meglio che si prenda lui cura dell’Ashram”. Io andrò a vivere in Chengam, una città a quindici miglia o in qualche altro luogo. 

Tre devoti andarono da Chinna Swami per capire cosa l’avesse fatto infuriare così tanto. Chinna Swami disse loro: “sto per andare via dall’Ashram perché Annamali Swami sta andando contro tutti i miei progetti. Ritornerò soltanto se Annamalai Swami andrà via dall’Ashram.”

Questi tre devoti andarono da Bagavan e gli dissero: “Chinna Swami e molto arrabbiato e vuole lasciare l’Ashram. Dice che ritornerà soltanto se Annamalai verrà cacciato. “

Bagavan non interferiva mai quando Chinna Swami licenziava i lavoratori oppure mandava via i devoti dall’Ashram ma in questa occasione mi sostenne dicendo: “Se Annamalai Swami se ne va me ne andrò anche io”

Chinna Swami ritirò la minaccia e accettò il fatto che io rimanessi al suo posto ma continuo ad opporsi al mio progetto per la stalla. Quella sera China Swami portò nella sala tutti i devoti residenti e iniziò una discussione relativi ai meriti collegati al suo progetto e al mio.  Bagavan non prese parte a questa discussione semplicemente sedette ad ascoltare.  Tutti i devoti che presero la parola si espressero a favore di una stalla piccola. Io ero l’unico favorevole per il progetto per una stalla grande ma rimasi quieto durante tutta la discussione. 

Quando tutti espressero la loro opinione Chinna Swami pose fine alla discussione. Ora votiamo tutti disse: “ Ė meglio costruire una stalla grande o piccola?”

Tutti votarono per il progetto di Chinna Swami, soprattutto perché lo temevano. Io non votai affatto quindi Bagavan indagò: “Qual’è la tua opinione?”

Gli dissi: “Penso che dovremmo costruire una grande stalla sulle fondamenta che ho iniziato stamattina. 

Bagavan non diede il minimo indizio su quale progetto preferisse. Quando uno dei devoti suggerì che stessi portando avanti il progetto che segretamente Bagavan mi assegnò, lui non confermò e non negò l’idea. Rimase neutrale fino alla fine. Dopo che ebbi espresso la mia opinione sulla questione Bagavan commentò: “Oggi vi siete divisi in due fazioni, vediamo alla fine quale delle due idee si materializza. Questa fu l’ultima parola sulla questione. Dopo avere parlato si alzò e lasciò la sala.

Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
https://youtu.be/rtrXqDTwIa4 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 09/07/2021

Solo il Guro è la vera guida

Fui sorpreso di quanto facilmente avessi acquisito tutte le necessarie abilità per fare da supervisore alle costruzioni. La maggior parte dei devoti residenti fu anch'essa meravigliata. Uno dei cuochi dell’Ashram chiese a Bagavan: “Annamalai Swami ha molta devozione verso Bagavan, questo è facile a comprendersi, ma è diventato anche un esperto di costruzioni, apparentemente senza nessuno studio o precedente esperienza. Com’è possibile questo?”

Bagavan disse: “nella sua ultima vita era un ingegnere. Dai vari indizi e commenti velati era chiaro che Bagavan conoscesse le vite precedenti di almeno alcuni suoi devoti. Generalmente teneva questa conoscenza per se. Era molto insolito che facesse un’affermazione esplicita come questa, un’affermazione che precisava cosa fosse stato un devoto nella vita precedente. Il mio successivo compito fu di fare da supervisore alla costruzione della stalla.

Chinna Swami aveva fatto un contratto con un muratore locale quindi la stalla non doveva costare più di 500 rupie. Chinna Swami pensava che sarebbe stato sufficiente in quanto a quel tempo Lakshmi era l’unica mucca dell’Ashram. Bagavan voleva una stalla più grande ma per qualche ragione decise di non dirlo a Chinna Swami. Verso le dieci del mattino Chinna Swami organizzò una Muhurtham, cerimonia inaugurale sul luogo.

Dopo che se ne andarono Bagavan mi disse che il progetto doveva essere cambiato.

“Nei prossimi anni arriveranno molte mucche!”, mi disse. “Anche costruendo una stalla grande ci saranno così tante mucche che alcune di loro dovranno essere tenute all’esterno. Dobbiamo fare una stalla più grande. Tu, al posto di questo muratore, devi fare da supervisore alla sua costruzione.”

Mi portò nell’angolo dell’Ashram dove ora si erge la stalla e mi mostrò dove avrei dovuto costruirla segnando delle linee a terra. Non misurammo la lunghezza della linee ma Bagavan mi disse che i muri dovevano essere lunghi 15 metri. Quando fu soddisfatto di come avevo compreso il progetto fece un’aggiunta peculiare:”Se viene da te Chinna Swami per chiederti perchè hai cambiato progetto, non dirgli che te l’ho detto io di farlo. Fingi di essere tu il capo del progetto, con la tua autorità. Non chiesi mai a Bagavan perché voleva fosse tenuto segreto il suo ruolo. Ancora oggi rimane un mistero. Impegnai immediatamente alcuni lavoratori per scavare le fondamenta. Chinna Swami era tornato in ufficio così potemmo iniziare a lavorare al nuovo progetto, senza che lo sapesse. Verso l’una del pomeriggio decise di venire a vedere i nostri progressi. La sua risposta iniziale fu un muto shock ma dopo che ebbe assimilato le implicazioni di quello che stavo facendo mi chiese in tono sarcastico: “Hai cambiato il progetto!! Ora è un progetto molto grande. Chi ti ha dato l’autorità di cambiarlo?”

Risposi che lo stavo facendo con la mia autorità. Chinna Swami mi chiese di ritornare al progetto originale ma io mi rifiutai.Gli dissi che era necessaria una stalla più grande e che intendevo portare avanti il mio progetto. Comprensibilmente Chinna Swami si arrabbiò molto quando mi rifiutai di obbedirgli. 

“Perché hai cambiato il progetto?

Io sono il Sarva dikari, direttore di questo Ashram. “

Quando mi rifiutai di cambiare progetto mi insultò ma nessuna delle sue minacce mi persuasero a seguire i suoi ordini.

“Sto iniziando a sviluppare l’Ashram. Come posso fare se non obbedisci alle mie istruzioni? Fai tu il Sarva Dikari! Io andrò altrove!”

Quando Chinna Swami capì che io non avrei cambiato idea si allontanò e si sedette su una roccia al di fuori dell’Ashram. Era per lui una situazione molto difficile e non aveva avuto nessuna esperienza di lavoratori che gli avessero disobbedito in modo così evidente. 

Io ritornai a fare da supervisore al lavoro così che ciò che accadde dopo viene dal racconto di alcuni devoti. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/07/2021

L'importanza di portare a termine il proprio dovere

Annamalai è uno dei nomi in Tamil per Arunachala, significa montagna irraggiungibile o inavvicinabile. Accettaì l’incarico e mi accinsi ad eseguirlo. Avevo dei seri dubbi sulle mie capacità di compierlo adeguatamente ma poiché Bagavan mi aveva dato istruzioni per farlo, non potevo rifiutarmi. Erresi alcune impalcature in modo da potere sedere di fronte al muro. Sedetti là per tre giorni a giocare con la calce, cercando di fare qualcosa che assomigliasse ad Arunachala. Fallì in tutti i miei tentativi. La mia determinazione non era sufficiente per sopperire alla mia mancanza di abilità ed esperienza. A metà del terzo giorno Bagavan, vedendo che non stavo facendo progressi, si arrampicò sulla scala e si sedette vicino a me. Mi mostrò come fare il lavoro e quale tecnica usare. Dopo avere ascoltato e osservato Bagavan per alcuni minuti, improvvisamente compresi coma fare il lavoro. Quando Bagavan fu soddisfatto di come avevo padroneggiato la tecnica mi lasciò finire da solo. Completai il lavoro prima della fine di quel terzo giorno. Il giorno successivo seguendo le istruzioni di Bagavan  feci un altro bassorilievo identico all’interno, sopra la porta dell’entrata. Entrambe queste figure sono ancora là. Mi è stato detto che oggi sono dipinte di blu così risaltano sui muri imbiancati. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 07/07/2021

A volte bisogna camminare da soli per crescere

Ascoltando le sue parole sorse in me una grande determinazione. Anche se questo intero corpo verrà distrutto nel servizio di Bagavan pensai: “Mi atterrò sempre alla sua parola e farò sempre qualunque cosa mi chieda”. Quindi dissi a Bagavan che volevo continuare.

Quando il magazzino fu finito, Bagavan mi chiese di fare un bassorilievo di Arunachala. Volevo che fosse fatto di calce e gesso. Mi aveva già insegnato come fare la calce ma non avevo idea di come scolpire un’immagine a tre dimensioni. 

“Non so come iniziare una figura come questa”, gli dissi. Bagavan prese un pezzo di carta e vi disegnò Arunachala, oltre la cima c’erano tre picchi inferiori allineati contro il cielo. Mentre stava finendo di rappresentare l’immagine mi disse che il picco principale rappresentava Shiva mentre quelli secondari  Ambar, Vinayaka e Subramanian. Bagavan mi fece vedere l’immagine e mi disse di cercare di riprodurrla ma anche che non aveva idea di come modellare la calce. Questa volta Bagavan si rifiutò di darmi qualche indizio. 

Bagavan disse: “Questa montagna è Annamalai e anche tu sei Annamalai. Dovresti sapere come farlo senza che io te lo dica”

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 06/07/2021

Le difficoltà fanno crescere

Mentre stavo ancora imparando il mestiere, occasionalmente mi sentì molto frustrato. C’erano molti problemi difficili da superare. Inoltre era estate, non c’era ombra e il calore era insopportabile. Parecchie volte mi venne il pensiero perchè Bagavan mi stesse facendo fare questo lavoro in pieno sole estivo. Una volta mentre tali pensieri attraversavano la mia mente, Bagavan venne a vedere il lavoro. Intuendo il mio stato d'animo mi disse:

 “pensavo che se ti avessi chiesto di eseguire qualsiasi lavoro tu lo avresti eseguito volontieri. Presumevo che tu fossi capace di farlo. Se non puoi farlo oppure trovi difficile farlo semplicemente lascia stare.”

Bagavan mi stava dando la possibilità di ammettere la sconfitta ma io mi rifiutai di afferrarla. Per alcuni minuti prima dell'arrivo di Bagavan avevo avuto pensieri di ammutinamento. Ora ascoltando le sue parole sorse in me una grande determinazione. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 05/07/2021

La fiducia nel Guru produce stabilità

Fu durante la costruzione del magazzino che iniziai i miei primi scontri con Chinna Swami. Egli aveva le sue idee su come andavano costruiti gli edifici e continuava ad insistere che io le mettessi in pratica. Dovetti rifiutarmi perchè avevo già ricevuto ordini chiari da Bagavan. Non avrei mai potuto fargli capire che gli ordini di Bagavan avevano la precedenza.Abbiamo avuto molti scontri riguardo a questo poiché io non acconsentì neanche una sola volta di seguire le sue istruzioni. La mia intransigenza fece sì che Chinna Swami si arrabbiasse molto con me, ritenendo che io stessi contrastando la sua autorità. Ad ogni modo io non ero affatto preoccupato per la sua disapprovazione.  Mi attenevo agli ordini ricevuti da Bagavan perché sapevo che era inappropriato andare contro la sua volontà. Sebbene a quel tempo non potessi saperlo eravamo destinati ad avere liti di questo genere riguardo a quasi ogni edificio avrei dovuto costruire. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 04/07/2021

La persona giusta nel momento giusto

Bagavan sapeva che ero agitato a causa della mia mancanza di esperienza quindi mi aiutò. I lavoratori all’inizio sospettavano che io non avessi idea di quello che stessi facendo. Ma furono sufficientemente diplomatici da rimanere zitti. Ad ogni modo dopo che ebbi assorbito da Bagavan un po di conoscenza al riguardo, presi sufficientemente coraggio da disegnare alcuni semplici progetti. Ci deve essere stato qualcosa di buono in essi poiché quando iniziai a spiegarli ai lavoratori essi iniziarono ad avere un’opinione  più favorevole su di me. 

Mentre lavoravano,  i lavoratori e le lavoratrici, iniziarono a fare petegolezi su questioni mondane. Il capomastro sembrava incoraggiare tale comportamento scherzando con loro in maniera molto triviale. 

Avevo vissuto una vita piuttosto protetta fino ad allora quindi trovai il ,loro comportamento disgustoso. Alla fine andai a dirlo a Bagavan: “Per fare da supervisore devo stare vicino ai lavoratori ma parlano sempre di questioni mondane in modo molto volgare. La mia mente è un po disturbata dai loro discorsi. Bagavan annuì con il capo ma non diede risposta. Più tardi fui piacevolmente sorpreso di scoprire che il capomastro era stato sostituito da Upu Swami. Fu un grande miglioramento rispetto al suo predecessore. Aveva studiato i Veda e testi filosofici in Tamil. Insieme ci trovammo molto bene.  

Bagavan sembrava avere un’innata conoscenza che suppliva la sua mancanza di esperienza. Sembrava sempre prendere la decisione giusta al momento giusto. Per esempio: c’erano tre larghi archi all’interno del magazzino e i muratori che gli avevano costruiti non avevano fatto un buon lavoro e nei muri sulla cima di ogni arco erano apparse delle crepe. Bagavan mi diede istruzioni dettagliate su come riparare le crepe e come inserire dei cunei sulla cima di ogni arco per rafforzarli. Non so come conoscesse queste cose ma sono certo che non aveva mai costruito un arco in muratura in precedenza. Questi cunei di pietra sono ancora visibili. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 03/07/2021

Karma Yoga-la crescita

Questi tre edifici, il samadhi della madre di Bagavan, la vecchia sala da pranzo e la vecchia sala, erano le tre strutture principali che erano state erette sino al 1928, l’anno del mio arrivo. Oltre a queste c’erano alcune capanne fatte di foglie e noci di cocco, che venivano usate per i devoti residenti e alcuni capannoni con tetto di paglia. Questo era lo stato dell’Ashram quando Bagavan mi chiese di fare da supervisore alla costruzione del magazzino. 

Ranga Swami, l’uomo che ci aveva donato il divano per Bagavan, fece una donazione all’Ashram per la costruzione di una stalla. Promise che avrebbe donato delle mucche quando la stalla fosse stata terminata. Chinna Swami pensava invece che sarebbe stato più utile per l’Ashram un magazzino. Continuò però a costruire l’edificio nella forma di una stalla, semplicemente per compiacere Ranga Swami. Ma appena fu finito lo convertì in un magazzino. La conversione fu solo parziale. 

Ranga Swami fu comprensibilmente irritato a questo cambiamento di progetto. Venne a insultare Chinna Swami in termini molto chiari affermando che stesse sprecando il suo denaro ma Chinna Swami semplicemente rimase quieto e assimilò tutto. Questo magazzino fu il mio primo grosso lavoro di costruzione. Ero veramente preoccupato perchè non avevo nessuna esperienza nella costruzione degli edifici. Mio padre era un imminente costruttore ma non mi aveva mai insegnato il mestiere

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 02/07/2021

Tutti si trasforma continuamente

C’è un’altra storia interessante connessa con i primi tempi della vecchia sala.

All’inizio non c’era nessun divano nella sala, Bagavan semplicemente sedeva su una panchina di legno in un angolo della stanza. Più tardi, un uomo chiamato Ranga Swami portò un sofà e chiese a Bagavan di sedersi. Quando egli rifiutò, Ranga Swami cominciò a piangere. Pianse per tre giorni di seguito nella sala implorando Bagavan di accettare il suo dono. Alla fine del terzo giorno Bagavan scese dalla sua panchina e andò a dormire sul divano. Da quel giorno in poi passò la maggior parte del tempo seduto o a dormire su questo divano. 

C’è un’altra storia poco nota sull’edificio che copre il Samadhi della madre

In origine il lingam era stato coperto con una piccola capanna fatta di foglie di noci di cocco. Verso la metà degli anni venti un gruppo di costruttori degli anni venti cercò di cuocere dei mattoni vicino all’Ashram. Poichè la cottura dei mattoni non riuscì adeguatamente la abbandonarono. Bagavan, poco propenso a sciupare qualunque cosa fosse anche remotamente utile, decise che i mattoni potevano essere usato per costruire un muro attorno al Samadhi della madre. Alcuni giorni dopo, Bagavan e tutti i devoti residenti, si disposero in una linea tra il forno e il samadhi. Passandosi i mattoni l’uno con l’altro furono in grado di trasferirli fino all’Ashram durante la notte. Il giorno seguente fu costruito un muro attorno al Samadhi. Bagavan stesso fece tutto il lavoro all’interno del muro mentre un muratore professionista lavorò all’esterno. Il nuovo edificio fu completato con un tetto di foglie. Tra questo edificio e la vecchia sala, dove ora si erge la sala del Samadhi di Bagavan, c’era una lunga costruzione contenente la sala da pranzo originale e la cucina.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 01/07/2021

Niente viene all'esistenza per caso

Adesso il muro è alto solo un metro e cinquanta. Poco dopo la sua ultimazione il terreno su entrambi i lati fu rialzato e livellato. Oggi sopra il terreno si erge solo 1,5 metri del muro. Come nota finale a questa storia dovrei dire che alcuni dei devoti avevano in mente di costruire un muro di recinzione. Questa idea dovette essere abbandonata perché non avevano il denaro per pagarlo. 

Dopo che il lavoro al muro fu terminato, Bagavan mi chiese di fare da supervisore alla costruzione del magazzino che è ora di fronte alla porta della cucina. Prima di fare un resoconto di come sorsero questo edificio e molti altri, sarà utile spiegare come appariva l’Ashram in quei giorni. Quando arrivai nel 1928 Bagavan viveva nella vecchia sala. Quest’edificio è stato completato soltanto recentemente. In precedenza Bagavan aveva vissuto in una piccola stanza che era parte dell’edificio che copriva il Samadhi di sua madre. 

Ramana Asahram crebbe intorno al Samadhi della madre di Ramana Maharshi. Dopo che essa realizzò il Sé nel momento della morte nel 1922 il suo corpo fu sepolto sul lato sud di Arunachala.

Chinna Swami divento il capo dell’Ashram verso la fine del 1928. Chinna Swami era il fratello più piccolo di Bagavan e Inizialmente andò a vivere con lui. Chinna Swami significa piccolo Swami.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 30/06/2021

Difendi il tuo Guru

Mentre stavo lavorando a questo muro l’esattore di Tiruvannamalai venne ad osservarmi lavorare. Dopo alcuni minuti commentò: “Perchè stai costruendo un muro così grosso?”, “Quale sciocco ti ha proposto questo progetto?”

Non mi piaceva sentire insultare Bagavan in quel modo così gli dissi con molto ira: “ Vai a berti un caffè vicino all’ufficio di Swami e non venire qui a interferire con il mio lavoro. Se verrai ancora a fare affermazioni di questo genere ti picchierò con i miei sandali”. 

Gli parlaì così perche mi ricordaì un’affermazione di Rama Krishna Paramahansa che diceva: “Se qualcuno parla male del tuo Guru dovresti colpirlo”. 

L’esattore di tasse andò da Swami a lamentarsi e Swami venne da me a chiedermi perchè gli avessi parlato in quel modo. Quest'uomo è venuto da me chiedendomi: “Quale sciocco ti ha proposto questo progetto?”

Sto seguendo il progetto di Bagavan. Chi crede di essere per insultare il mio Guru?

Swami sembrò accettare la mia risposta, se ne andò con l’esattore e non menzionò più la questione. Dovetti spiegare il mio peculiare comportamento ma il fatto è che in quei giorni ero una testa calda e molto ansioso di proteggere l’onore e il buon nome di Bagavan. Quando il lavoro fu finito aggiunsi due serie di scalini di pietra uno sul lato occidentale e l’altro nel mezzo così che Bagavan e i devoti potessero oltrepassare facilmente quando si dirigevano ad Arunachala. 

Il giudizio e l’intuizione di Bagavan alla fine ebbero giustizia. Durante il monsone che seguì la costruzione del muro, il corso d’acqua dietro l’Ashram ruppe gli argini. Fortunatamente il muro fu sufficientemente forte per sostenere la pressione dell’acqua e deviare l’acqua lontano dall’Ashram.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 29/06/2021

A volte bisogna eseguire senza comprendere

Nei primi anni dello Shri Ramana Ashram, il corso d’acqua che ora è dietro il muro a nord, fluiva in mezzo all’Ashram. Bagavan mi chiese di costruire questo muro per impedire al fiume di entrare nell’Ashram cosicché saremo stati protetti dalle acque in piena che scendevano dalla collina durante la stagione delle piogge. C’era già una piccola protezione  fatta di terra nella parte nord dell’Ashram ma Bagavan sembrava pensasse che non bastasse per contenere una piena. Mentre Bagavan stava delineando il progetto mi raccontò alcuni dei problemi che l’Ashram aveva avuto nel passato. 

Dopo i nostri primi anni qui dopo ogni pioggia intensa si formava un torrente profondo un paio di metri, che scorreva nel canale che attraversava l’Ashram. Bagavan mi disse che voleva costruire un grande muro di sassi e mattoni lungo circa 100 metri, che avrebbe permanentemente deviato il corso d’acqua. Bagavan usava la parola “rakshanai” che significa protezione per definire questo muro. Mi disse che avrebbe protetto l’ashram contro tutte le inondazioni future. Le istruzioni di Bagavan furono di costruire due muri paralleli, leggermente inclinati uno verso l’altro. Questi muri dovevano essere  alti 1,80 metri e separati sulla cima di circa 2,5 metri. Mentre costruisci i muri, consigliò Bagavan, riempi lo spazio tra essi con fango. Se mischi acqua e terra insieme e le comprimi allora diventerà molto forte. Mentre stavo eseguendo questi lavori parecchi gruppi di devoti vennero ad osservare e alcuni di loro iniziarono a scherzare in quanto non si fidavano della validità del progetto e pensavano che stessimo spreccando i soldi dell’Ashram, che in quel periodo erano pochissimi.   

Io rimanevo imperturbato di fronte ai loro commenti e critiche perchè sapevo che stavo semplicemente eseguendo le istruzioni di Bagavan. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 28/06/2021

Ubbidienza e perseveranza

Il mio lavoro di attendente durò solo circa un mese, dopo di che Bagavan decise che sarei stato più utile come supervisore delle costruzioni all’interno dell’Ashram. Il primo accenno di questo progetto su di me giunse mentre mi stavo occupando degli usuali doveri nella sala. Bagavan improvvisamente mi si rivolse e disse: “Un uomo sta costruendo un muro vicino al serbatoio dell’acqua. Vai a vedere cosa sta facendo”

Sembrava un’istruzione piuttosto vaga ma feci del mio meglio per eseguirla. Osservai il muratore per alcuni minuti e poi gli chiesi cosa stesse facendo. Egli rispose: “Rama Swami mi ha detto di costruire un muro qui.”

Ritornai nella sala e dissi a Bagavan ciò che il muratore mi aveva detto e gli feci un breve rapporto su come stava progredendo il lavoro. Alcuni minuti dopo Bagavan mi guardò e ripetè la sua istruzione originaria:”Vai a vedere ciò che sta facendo”

Leggermente perplesso uscì e ancora una volta chiesi al muratore cosa stesse facendo. Egli rispose: “Te l’ho già detto, sto costruendo un muro”

Poiché non vedevo nulla di sbagliato nel muro o nel modo in cui veniva costruito, non potevo comprendere perchè Bagavan fosse così insistente sul fatto che io controllassi le sue attività. Ritornai da Bagavan e gli feci un ulteriore rapporto. Alcuni minuti dopo Bagavan ripetè la sua istruzione per la terza volta: vai a vedere ciò che sta facendo. 

Del tutto comprensibilmente, il muratore si irritò quando tornai per la terza volta a chiedergli cosa stesse facendo:”Sei pazzo? Ti ho già detto che sto costruendo un muro. Non riesci a vedere da solo cosa sto facendo?”

Era del tutto chiaro che stava costruendo un muro in maniera ragionevolmente competente.Non c’era giustificazione per le mie ripetute domande. Mi sentivo obbligato di farle soltanto perché Bagavan mi aveva chiesto di dirgli cosa stesse accadendo. Per la terza volta tornai nella sala e riportai ciò che il muratore aveva detto.  

Dopo essere rimasto silente per alcuni minuti Bagavan mi si rivolse dicendo: “D’ora in poi qualcun altro si prenderà cura del tuo lavoro nella sala. Vai a fare da supervisore a quel muratore e assicurati che il lavoro venga svolto nella maniera giusta. La mia reazione a questo nuovo compito fu: perché Bagavan non mi ha dato subito questa istruzione?

Perchè mi ha fatto andare avanti e indietro per tre volte prima di dirmi quale fosse la sua vera intenzione?

Più tardi capì che Bagavan mi stava addestrando al suo metodo personale per farmi fare da supervisore. Sebbene qualche volta mi abbia istruito in dettaglio, in molti dei lavori che mi assegnò mi diede soltanto piccole indicazioni su ciò che volesse fosse fatto. Dovevo capire ciò che Bagavan realmente intendeva ed eseguire il lavoro conformemente.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 27/06/2021

Lo jnani è l'albero che realizza i desideri

Parecchi anni dopo, Annamalai Swami chiese a Bagavan riguardo a uno di questi versi: “Noi sappiamo dov’è la luna e dov’è il Gange. Ma dov’è quest albero che realizza i desideri?”

Bagavan rispose: “Se ti dicessi dov’è saresti in grado di lasciarlo?”

Rimasi perplesso per questa insolita risposta ma non spinsi oltre la questione. Alcuni minuti più tardi aprì una copia di Yoga Vasishta. Nella prima pagina trovai un verso che diceva:”  lo jnani è l’albero che realizza i desideri”

Capì immediatamente la risposta di Bagavan.  Prima che io avessi la possibilità di parlarne a Bagavan egli mi guardò e sorrise. Sembrava sapere che avevo trovato la giusta risposta. Dissi a Bagavan del verso ma non fece commenti semplicemente continuo a sorridermi. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
 
La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 26/06/2021
 
Moksha-  la liberazione
 

La rimanente distanza la percorsi a piedi. Al mio arrivo andai dritto da Bagavan. Mi prostrai di fronte a lui e gli raccontai tutto ciò che mi era accaduto. Bagavan confermò quindi che era mio destino rimanere al Ramana Ashram. Guardando mi disse: “Hai del lavoro da fare. Se cerchi di lasciarmi prima di fare il lavoro destinato per te dove potrai andare?”

Dopo avere detto questo, Bagavan mi guardò fisso per circa quindici minuti. Mentre mi guardava udì un verso che si ripeteva continuamente dentro di me. Era così sonoro e chiaro che sembrava che qualcuno avesse acceso la radio. Non avevo mai sentito quel verso in precedenza. Scopri soltanto dopo che era uno dei versi di un poema che scrisse Bagavan che tratta della natura della realtà che si chiama “Ulladu Narpadu Anubandham”.

Lo stato supremo che è lodato e che è conseguito qui in questa vita dalla chiara indagine sul Sè che sorge nel cuore quando viene guadagnata l’associazione con un Sadhu è possibile conseguirsi ascoltando predicatori, studiando o imparando il significato delle scritture, con azioni virtuose o qualunque altro mezzo. Il significato era molto chiaro:restare vicino a Bagavan sarebbe stato più benefico che fare Sadhana da solo in qualche altro luogo. Alla fine dei quindici minuti feci Namaskar a Bagavan e gli dissi:”Farò qualunque lavoro mi ordini di fare ma per favore dammi Moksha(la liberazione). Non voglio diventare uno schiavo di Maya(illusione). Bagavan non diede risposta ma io non fui disturbato dal suo silenzio. In qualche modo il solo porre la domanda aveva reso la mia mente pacifica. Bagavan allora mi chiese di andare a prendere del cibo ma risposi che non ero affamato perchè avevo mangiato da poco. Aggiunsi: non voglio cibo, tutto ciò che voglio è Moksha. Questa volta Bagavan mi guardò, annuì e disse: “Sì, sì”

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 25/06/2021

Una decisione saggia cambia tutti gli eventi

La lunga camminata e la mancanza di cibo mi avevano stancato molto. Mentre mi riposavo cominciai a mettere in discussione la saggezza della mia decisione di lasciare Bagavan. Era chiaro che le cose non erano avvenute nel modo in cui mi ero aspettato. Questo mi indicava che la decisione presa poteva non essere stata corretta. Formulai un piano che pensavo avrebbe messo alla prova la correttezza o meno della mia decisione. Presi un po di fiori e le misi sul Samadhi di Vitthoba e iniziai a rimuoverli due alla volta. Avevo deciso in anticipo che se ci fosse stato un numero dispari sarei tornato da Bagavan altrimenti avrei continuato il piano originale. Quando il risultato indicò che sarei dovuto tornare da Bagavan accettai immediatamente la decisione e cominciai a camminare verso Tiruvannamalai. Una volta che accettai che il mio destino era di restare con Bagavan la mia sorte cominciò a cambiare. Quando entrai nella città il proprietario di un ristorante mi offrì del cibo e del denaro. Si prostrò persino ai miei piedi. Avevo deciso di tornare a Tiruvannamalai con il treno perchè volevo tornare da Bagavan al più presto possibile ma prima di raggiungere la stazione altre persone mi invitarono a casa loro a mangiare. 

Avevo deciso di viaggiare senza biglietto in quanto i soldi che avevo non sarebbero stati sufficienti per il viaggio. La mia buona fortuna continuò anche sul treno, sembravo invisibile, io fui l’unica persona a cui non venne chiesto di mostrare il biglietto. Una cosa simile avvenne anche alla fine del viaggio quando mi fermai di fronte al controllore della stazione. Egli disse: “Mi hai già dato il tuo biglietto. Vai, stai bloccando gli altri!”

Così grazie a Bagavan sfuggì ad entrambi i controlli. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 24/06/2021

L'insoddisfazione crea confusione mentale

Ricordo di aver pensato: “Andrò a fare la meditazione sul Sè da qualche altra parte, senza avere la distraente amicizia di nessun essere umano. Andrò in un luogo sconosciuto e mediterò su Dio, mendicherò e condurrò una vita solitaria. Dopo tre settimane dal mio arrivo in Ashram me ne andai per iniziare la mia nuova vita. Non parlai a nessuno, nemmeno a Bagavan, della mia decisione. Partì all’una del mattino in una notte di luna piena e iniziai a camminare verso la città. Attraversai la città, superai il Monastero Easanya e proseguì verso Polur. Non avevo in mente una particolare destinazione, volevo semplicemente allontanarmi dall’Ashram. Passai l’intera notte a camminare e raggiunsi Polur appena dopo l’alba. 

Dopo la camminata ero molto affamata e così decisi di andare a mendicare in città. Non fu un grande successo. Visitai 500 differenti case ma nessuno mi diede da mangiare. Un uomo mi disse persino che dovevo tornare a Tiruvannamalai mentre un’altro, che stava servendo un pasto mentre mi avvicinai, mi urlò di andarmene. Alla fine rinunciai e mi avviai verso i limiti della città. 

Trovai un pozzo in un campo e passai mezz’ora, immerso in esso con l’acqua fino al collo, sperando che la freddezza dell’acqua calmasse gli spasmi della fame. Allora mi avviai verso il Samadhi di Vitthoba e mi fermai là per un po. Vitthoba fu un santo eccentrico simile a Seshadri Swami che visse a Porul la prima decade di questo secolo. Morì alcuni anni prima che Annamalai vi arrivasse. 

Alla fine ottenne qualcosa da mangiare quando un’anziana donna arrivò per fare la Puja. Mi guardò e disse: “Mi sembra che tu sia molto affamato. Non ho molto ma posso darti un po di farinata di miglio”. Così dicendo mi diede circa un bicchiere e mezzo di farinata di miglio. Non fece molto per gli spasmi della mia fame ma fui lo stesso molto felice di riceverla. 

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 23/06/2021

La coscienza del proprio dovere

Dopo avere distribuito dei dolci alla folla dei devoti mi misi in un posto dove nessuno poteva vedermi e segretamente mi servii di una quantità doppia rispetto a quella che di solito distribuivo. Dopo entrai nella sala e misi il piatto sotto il divano di Bagavan.

Bagavan guardò e disse: “Ne hai preso il doppio degli altri?”

Fui sbalordito perchè ero sicuro che nessuno mi avesse visto farlo, l’ho fatto quando non c’era nessuno nei paraggi. Come fa Bagavan a saperlo?

Bagavan non rispose ma questo mi fece capire che è impossibile nascondere qualcosa a Bagavan. Da quel momento in poi detti per scontato che sapesse sempre ciò che stavo facendo. Questa consapevolezza mi rese più vigile e attento al mio lavoro poichè non volevo più commettere errori simili. 

Compito degli attendenti era anche di proteggere Bagavan da eccentrici e fanatici. Ricordo un incidente di questo genere molto chiaramente. Un ragazzo di circa 20 anni apparve nella sala indossando soltanto un perizoma dopo avere annunciato a tutti che anche egli era uno Jnani. Bagavan non fece commenti ma poco dopo si alzò e uscì dalla stanza. Mentre era fuori io colsi l’opportunità per espellere l’impostore. Tutti noi nella sala eravamo irritati dalla sua arroganza e presunzione e devo ammettere che lo trattai piuttosto rudemente mentre lo buttavo fuori. 

Quando la pace e la tranquillità furono ristabiliti Bagavan rientrò e assunse la sua abituale posizione sul divano. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 22/06/2021

Il servizio disinteressato

Bagavan non svegliava mai i suoi attendenti. Era il loro dovere essere svegli e pronti anche all’una di notte. Un mattino non riuscì a svegliarmi poiche sognavo di essermi svegliato all’una di notte e di avere eseguito tutti i compiti che vi ho descritto. Alla fine del sogno ritornaì a dormire soddisfatto di avere compiuto il mio dovere. Fui svegliato più tardi da Bagavan che ritornava solo nella sala. Mi scusaì per aver dormito troppo e raccontai che avevo sognato di compiere tutti i miei doveri e soliti servizi per lui e quindi di essere ritornato a dormire. Bagavan rise:

“I servizi che hai fatto per lo Swami del sogno sono per me”.

Quando arrivai a Tiruvannamalai c’erano ancora dei leopardi nell’area. Venivano spesso vicino all’Ashram ed erano soliti andare nell’area dove Bagavan andava urinare. Ricordo che una volta Bagavan ne incontrò uno nei suoi viaggi notturni. Non ne fu minimamente spaventato. Guardò il leopardo e disse:

“Poda vai via!” e il leopardo semplicemente si allontanò. Poco dopo il mio arrivo Bagavan mi diede un nuovo nome dicendo che gli ricordavo un uomo chiamato Annamalai Swami che era stato un suo attendente. Iniziò ad usare questo nome come mio soprannome. Quando i devoti lo udirono seguirono il suo esempio e in giro di pochi giorni la mia nuova identità fu fermamente stabilita. Bagavan visse nello Skundan Ashram sulle pendici di Arunachala dal 1916 al 1922. Annalamai Swami vi morì durante un’epidemia di peste nel 1922. 

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 21/06/2021

Ogni azione nella quotidianità può diventare un rito

Ricordo di essere andato con lui due volte al lago Samudram che è circa un miglio a sud-ovest dell’Ashram. Un’altra volta lo accompagnai persino alla foresta vicina dove si trovava Khatu Shiva Ashram, a circa due miglia dall’ashram. In quell'occasione Ganapati Muni venne con noi perchè Bagavan voleva mostrargli un albero speciale che cresceva lì. In quella occasione sgattaiolammo fuori dall’ashram mentre gli altri facevano il riposo pomeridiano. Se fossimo stati visti tutti nell’ashram avrebbero cercato di venire con noi.

Bagavan era sempre felice di fare le sue passeggiate. Era solito dire che se non camminava sulle sue colline, almeno una volta al giorno, le sue gambe diventavano rigide e gli facevano male. 

Bagavan dormiva solo quattro o cinque ore al giorno. Questo significava lunghe ore di lavoro per gli attendenti perché uno di noi doveva sempre essere in servizio quando egli era sveglio. Non dormiva mai dopo pranzo mentre la maggior parte dei devoti lo faceva.Bagavan utilizzava questo momento quieto per nutrire tutti gli animali dell’Ashram e per fare un giro al fine di ispezionare qualunque lavoro di costruzione fosse in corso. Bagavan, di solito, andava a dormire verso le dieci di sera ma verso l’una di notte si svegliava per andare in bagno. Quando tornava si sedeva per un ora prima di ricominciare a dormire. Poi tra le tre e le quattro si svegliava e andava in cucina a tagliare le verdure. Questi viaggi notturni diventarono una sorta di rituale sia per Bagavan sia per gli attendenti.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 20/06/2021

La via della riduzione

I vestiti di Bagavan consistevano di Kaupinam e Dhoti. Per la maggior parte del tempo indossava soltanto un kaupinam, una striscia di tela che copriva i genitali. Questo era tenuto fermo da un’altra striscia di tela che veniva legata attorno ai fianchi. Occasionalmente quando faceva freddo indossava un Dhoti. I Dhoti sono strisce di tela che di solito si legano intorno alla vita e scendono fino ai piedi. Bagavan preferiva legare il suo in modo da coprirsi il torace fino alle cosce.

Quando arrivò al Tirumanavalai nel 1896 gettò via tutti i suoi vestiti personali inclusi i suoi vestiti. Non indossò più vestiti normali. Bagavan generalmente andava a fare una breve passeggiata circa tre volte al giorno. A volte andava in un’area adiacente allo Sri Ramana Ashram, dove lo raggiungevano dei devoti. Altre volte passeggiava alle pendici di Arunachala. Aveva smesso di fare Giri Pradakshina nel 1926 ma andava ancora occasionalmente a fare una lunga passeggiata. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 19/06/2021

L'indagine sul Sé

Negli anni successivi ebbi molte altre conversazioni spirituali con Bagavan ma il suo messaggio fondamentale non cambiò mai: “Fai indagine sul Sé, smetti di identificarti con il corpo e cerca di essere consapevole del Sé che è la tua vera natura. Prima di queste conversazioni avevo speso parecchio tempo per fare ed elaborare Puja e Anushthanas. In un certo punto Bagavan mi disse.” Non hai più bisogno di fare queste attività. Se pratichi l’indagine sul Sè sarà sufficiente” .

I miei compiti come attendente erano piuttosto semplici e presto imparai che cosa fare. Quando i devoti portavano delle offerte dovevo tenerne un pò come prasad, dovevo anche assicurarmi che gli uomini sedessero da una parte e le donne dall’altra. Quando Bagavan usciva un attendente andava con lui mentre l’altro andava a pulire la sala. Dovevamo pulire le sue vesti. Al mattino presto scaldavamo l’acqua per il bagno e se andava a fare qualche passeggiata uno di noi lo doveva sempre accompagnare. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/06/2021

Chi sono Io?

Il seguente consiglio pratico fu scritto da Bagavan nel 1920. Nella frase, “Sii ciò che sei”, esso incapsula i suoi insegnamenti fondamentali. Tutti i nuovi visitatori venivano incoraggiati a leggere il saggio intitolato “Chi sono io?”

Secondo Bagavan la mente cesserà soltanto per mezzo dell’indagine “Chi sono Io?”

Il pensiero, “Chi sono Io?”, distruggerà per mezzo dell’indagine gli altri pensieri e sarà esso stesso bruciato.

Se sorgono altri pensieri, senza cercare di completarli, uno dovrebbe interrogarsi: “A chi sono sorti pensieri?”, “Cosa importa quanti pensieri sorgono?”, “A chi è sorto questo pensiero?”

Sicuramente tutti risponderanno:”A me”. Se quindi si investiga:”Chi sono Io” allora la mente ritornerà alla sua sorgente e il pensiero che era sorto cesserà anche esso. Praticando in questo modo aumenta la capacità di dimorare nel Sè quindi nella sua sorgente. 

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 17/06/2021

Il Sè 

Sri Ramana affermava che si poteva fermare questo processo privando l’Io di tutte le percezioni con cui si identifica. Sri Ramana insegnava che questo pensiero “Io” è un'entità irreale e che sembra esistere soltanto quando si identifica con altri pensieri. Ha detto che se uno riesce a spezzare l’Io con i pensieri con cui si identifica allora il pensiero “Io” stesso si placherà e alla fine scomparirà. Sri Ramana suggeriva che questo poteva essere fatto aggrappandosi al pensiero “Io”, cioè il sentimento interiore del “IO” e “Io sono”, a esclusione di tutti gli altri pensieri. Come aiuto per favorire questo processo egli raccomandava costantemente di interrogarsi: “Chi sono Io”, “Da dove sorge questo Io?”.

Disse che se si riesce a mantenere l’attenzione su questo sentimento interiore dell’Io e se si possono escludere tutti gli altri pensieri allora il pensiero “Io”comincerà a recedere nel centro cuore. Questo secondo Sri Ramana è quanto un devoto può fare da se stesso.

Quando ciò avviene, la mente e il Sé individuale, che secondo Sri Ramana equivalgono al pensiero “Io”, svaniranno e solo l’Atman o il Sé rimarrà. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 16/06/2021

Lo scopo della vita secondo Sri Ramana

L'insegnamento di Sri Ramana appartiene a una scuola di pensiero chiamata Advaita Vedanta. Ad ogni modo egli diceva che i suoi insegnamenti venivano dalla sua esperienza piuttosto che da qualunque cosa avesse letto o udito. Bagavan e altri insegnanti advaita insegnano che il Sè o Atman è l’unica realtà esistente e che tutti i fenomeni sono apparizioni indivisibili all’interno di essa. Lo scopo ultimo della vita secondo Bagavan è di trascendere l’illusione di essere una persona individuale che funziona attraverso un corpo e una mente, in un mondo di oggetti separati interagenti. Una volta che questo è stato raggiunto si diventa consapevoli di ciò che realmente si è. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/06/2021

Il cammino spirituale

Dopo 10 giorni dal mio arrivo chiesi a Bagavan come fare ad evitare la miseria. Questo fu la prima domanda spirituale che fecci a Bagavan. Bagavan rispose: “Dovesti sempre aggrapparti al Sé. Non dare attenzione al corpo e alla mente. Identificarti con essi è miseria. Tuffati profondamente nel cuore, la sorgente dell’essere e della pace e stabilisciti là. 

Quindi gli chiesi come fare a conseguire la realizazzione del Sè ed egli mi diede una risposta: “Puoi conseguire la realizzazione del Sè se abbandoni l’identificazione con il corpo e mediti sul Sè”

Mentre meditavo su questi commenti Bagavan mi sorprese dicendo: “Ti stavo aspettando. Mi chiedevo quando saresti arrivato.?!?”

Come nuovo arrivato ero troppo timoroso per chiedergli come lo sapesse o da quanto mi stesse aspettando. Ad ogni modo fui colpito a sentirlo parlare così poiche sembrava indicare che era mio desino rimanere con lui. 

Alcuni giorni dopo gli fecci un’altra domanda:”Gli scienziati hanno inventato grandi cose che possono farti viaggiare nel cielo. Perchè non crei e ci dai un aeroplano spirituale con il quale possiamo attraversare rapidamente e facilmente il mare del Samsara?” 

La conoscenza del Sè è l'aeroplano di cui hai bisogno.E' diretto, veloce e facile. Stai già viaggiando molto velocemente verso la realizzazione. E' soltanto a causa della tua mente che sembra non ci sia movimento. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/06/2021

Le domande degli allievi

Come faccio a mettere insieme: accettazione del flusso della vita, conciliazione delle ambizioni personali della vita per essere e avere,  vivere come se le ambizioni fossero già realtà?

 

La risposta del Maestro:

“Vivere nel presente è la chiave, sempre essere nel presente, Normalmente viviamo nel passato o nel futuro, immaginando, continuando a rimanere negli stessi pensieri ossessivi. Quando vivi nel presente disconnetti con il passato e con il futuro, disconnetti dagli oggetti esterni, dal tempo etc. Quando disconnetti allora stai nel presente, quindi sperimenti la pace e riesci ad entrare nel tuo Sé, questo processo si chiama autorealizzazione. 

 

Qual’è la differenza tra comunicare e volere?

La comunicazione c’è sempre, come un impulso che va sempre avanti. Invece il concetto di volere nasce dal desiderio , che è direttamente collegato con il tuo Ego. 

Devi avere una chiarezza sui tuoi doveri, esigenze e sui tuoi doveri. Ricordati che i desideri sono interminabili, uno dopo l’altro senza fine. Finchè abbiamo desideri perdiamo la nostra pace. Quando siamo concentrati sui nostri desideri perdiamo anche la chiarezza sui nostri doveri. Quindi le virtù sono da seguire mentre i vizi sono da evitare.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/06/2021

Le prime domande spirituali di un dicepolo ad un grande Guru

Man mano che i giorni passavano mi convincevo sempre di più che Bagavan fosse il mio Guru. Questo mi diede la spinta di stabilirmi nell’Ashram quindi chiesi al fratello minore di Bagavan se potevo lavorare in Ashram. Lui mi disse che potevo essere utile come attendente di Bagavan. Dopo 10 giorni dal mio arrivo chiesi a Bagavan come fare ad evitare la miseria. Questo fu la prima domanda spirituale che fecci a Bagavan. 

Bagavan rispose: “Dovesti sempre aggrapparti al Sé. Non dare attenzione al corpo e alla mente. Identificarti con essi è miseria. Tuffati profondamente nel cuore, la sorgente dell’essere e della pace e stabilisciti là. 

Quindi gli chiesi come fare a conseguire la realizazzione del Sè ed egli mi diede una risposta: “Puoi conseguire la realizzazione del Sè se abbandoni l’identificazione con il corpo e mediti sul Sè”

Mentre meditavo su questi commenti Bagavan mi sorprese dicendo: “Ti stavo aspettando. Mi chiedevo quando saresti arrivato.?!?”

Come nuovo arrivato ero troppo timoroso per chiedergli come lo sapesse o da quanto mi stesse aspettando. Ad ogni modo fui colpito a sentirlo parlare così poiche sembrava indicare che era mio desino rimanere con lui. 

Alcuni giorni dopo gli fecci un’altra domanda:”Gli scienziati hanno inventato grandi cose che possono farti viaggiare nel cielo. Perchè non crei e ci dai un aeroplano spirituale con il quale possiamo attraversare rapidamente e facilmente il mare del Samsara?” 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/06/2021

Il silenzio è una benedizione

Arrivai verso l’una del pomeriggio. Mentre mi avvicinavo alla sala yoga, parte del sogno che avevo avuto nel villaggio si ripeté nella realtà. Vidi Bagavan che scendeva dalla montagna, attraversava l’ashram e si fermava all’esterno della sala Yoga. Lo vidi lavarsi i piedi con l’acqua del suo kamandala. Poi entrò. Io spruzzai un po di quest'acqua sulla mia testa. Ne bevvi un po, entrai e quindi andai ad incontrarlo. Bagavan era seduto sul suo divano mentre un suo attendente lo chiamò:”Mahadeva Swami”.Gli asciugava i piedi con una tela. Manica Swami uscì alcuni minuti e mi lasciò solo con Bagavan nella sala. Avevo portato con me un pacchettino di uva secca e dei pezzetti di zucchero candito da dargli. Posai il tutto vicino al divano di Bagavan e mi prostrai. Quando mi alzai vidi che Bagavan stava mangiando un po delle mie offerte. Mentre lo stavo osservando mi venne l’immagine che la mia offerta stava entrando direttamente nello stomaco di Shiva. Bagavan mi fissò in silenzio per circa 10-15 minuti. Sentivo una grande sensazione di sollievo fisico e rilassamento mentre Bagavan mi guardava. Provai una meravigliosa freschezza che pervase tutto il mio corpo. Era come immergersi in una fresca pozza di acqua dopo essersi esposti al sole cocente. Chiesi il permesso di rimanere e questo fu prontamente concesso. Mi fu assegnata una piccola capanna e nella prima settimana rimasi lì ospite dell’Ashram. Durante i primi giorni raccoglievo fiori per la Puja dell’Ashram o sedevo semplicemente con Bagavan nella sua sala. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/06/2021

La benedizione dei saggi può arrivare in modi inaspettati 

Seshadri Swami raccolse il mio labdu(dolce sacro), lo bagnò con la saliva e il succo di betel e lo lanciò sulla strada. Cadendo a terra si ruppe e la gente corse per raccogliere i pezzi come prasad, cibo consacrato. Anche io riuscì a raccoglierne e mangiarne un pezzo.

Alcuni abitanti locali sembravano essere arrabbiati con Seshadri Swami. Egli li zittì lanciando delle pietre nella loro direzione. Queste pietre al posto di seguire la loro traiettoria rimbalzarono e danzarono intorno alle loro teste come farfalle. Gli uomini ai quali aveva lanciato le pietre si spaventarono e scapparono via. Chiaramente non volevano avere a che fare con un uomo che possedeva poteri sovrumani del genere. 

Quando tornai di fronte a Seshadri Swami egli incominciò a gridare con toni molto insultanti. “Questo sciocco è venuto da Tirumanavalai. Stupido uomo! Cosa è venuto qui a fare?”

Continuò così per qualche tempo lasciando intendere che venendo da Tirumanavalai stavo sciupando il mio tempo. Pensavo di avere fatto un grande peccato per far sì che un santo mi insultasse in questo modo. Cominciai a piangere perchè pensavo mi avesse maledetto. Alla fine Manica Swami, che era il sovrintendente di Seshadri Swami, venne a consolarmi:”Il tuo viaggio a Tirumanavalai avrà successo. Otterrai tutto ciò per cui sei venuto. Questo è il modo di Seshadri Swami di benedirti. Quando insulta le persone in questo modo in realtà le sta benedicendo. 

Manica Swami allora mi porto in un ristorante di un devoto di Seshadri Swami e gli disse: “Seshadri Swami ha appena benedetto quest'uomo quindi dagli da mangiare gratuitamente”. Non mi sentivo particolarmente affamato ma quando il proprietario insistette mangiai un bel po del suo cibo. Dopo avergli dato soddisfazione mi alzai in piedi e mi diressi ai piedi di Raman Ashram.”

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
 
 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/06/2021

L'incontro di Ramana Maharshi  con Seshadri Swami

Seshadri Swami non rimaneva in nessun logo in particolare ma presto riuscì a localizzarlo. Non fu difficile localizzarlo perchè c’erano circa 50 persone che lo aspettavano fuori.Quando spiaì da una delle finestre vidi che continuava a girare intorno ad una delle colonne. Dopo circa dieci minuti uscì fuori, sedette su una roccia e incrociò le gambe. Avevo portato un dolce per darglielo come dono ma non ne ero sicuro di cosa farne. Seshadri Swami deve avere percepito la mia indecisione quindi indicò con un gesto che avrei dovuto porre il dolce a terra di fronte a lui. Era evidente che aveva masticato della noce di betel per qualche tempo.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/3xtEse21knM

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 09/06/2021

IO SONO LUCE

Sono la luce. Volete abbracciarmi? Siate pronti, la mente nuda, il cuore pieno.

Nasco con la giovinezza Eterna. Nessuno può fermare la mia nascita, crescita e unità. Mi avvio con una forza favolosa. Sostengo la pace profonda e scorgo l’amore infinito. Non c’è buio nella mia presenza, né odio, né dubbio. E’ bellissimo, è chiaro, ho una faccia di gioia infinita, corro a una velocità di trecentomila chilometri al secondo. Che emozione correre in questo modo!

Perchè corro così veloce? Per vincere qualcosa?

No, non è una gara la vita. La vita è luce colorata. Sono bianco all’origine; corro lanciando me stesso e mi coloro: viola della mente, azzurro del cielo, blu del mare, verde della montagna, giallo del fiore, rosso del sangue. Dormo mille anni nel buio, nel nero.

Quando mi sveglio voglio sperimentare la mia potenzialità lungo il mio percorso. Se vedo ostacoli sul sentiero della vita non importa, è una sfida cha fa sorgere in me gioia.

Affronto la sfida con la forza della felicità che è dentro di me. Ho merito da me stesso. Mi sento orgoglioso.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/w6cIwgJ7UwY

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/06/2021

La grandezza di Ramana Maharshi

Seshadri Swami, come Ramana Maharshi giuse ad Arunachala in gioventù e vi rimase fino alla morte. Iniziò i suoi vagabondaggi attorno alla città di Tiruvannamalai, generalmente si comportava in modo così eccentrico che molte persone pensavano fosse pazzo. Comunque si riscatò di fronte alla popolazione locale dimostrando diversi poteri sovrumani. A volte usavo i suoi poteri per cure miracolose ma era più incline ad esibirlo in modo eccentrico, per esempio si esibiva in vandalismi nei negozi di Tiruvannamalai , come forma di benedizione.  I proprietari accoglievano di buon grado il suo atteggiamento distruttivo perché avevano scoperto, per esperienza, che il danno sarebbe stato ripagato più che abbondantemente nelle settimane successive, da un ampio aumento dei profitti o per mezzo dei prestiti ripagati dopo lungo tempo. Quando Ramana Maharshi arrivò a Tiruvannamalai . Nel 1886 Seshadri Swami fu una delle prime persone a riconoscerene la grandezza. Cercò di proteggere Bagavan e fece spesso riferimento a lui come a suo fratello più giovane. Bagavan aveva grande stima di Seshadri Swami. Dopo che Annamalai Swami gli raccontò il suo incontro con Seshadri Swami commentò: “Non c’è un solo posto in questa città che non sia stato visitato da Seshadri Swami, ma non è mai stato afferrato da Maya, l’illusione cosmica.  Seshadri Swami morì nel 1929, alcuni mesi dopo l’arrivo di Annamalai Swami. 

Il suo Samadhi che ancora attira grandi folle è a circa 400 metri dallo Sri Ramana Ashram. Seshadri Swami non rimaneva in nessun logo in particolare ma presto riuscì a localizzarlo. Non fu difficile localizzarlo perchè c’erano circa 50 persone che lo aspettavano fuori.Quando spiaì da una delle finestre vidi che continuava a girare intorno ad una delle colonne. Dopo circa dieci minuti uscì fuori, sedette su una roccia e incrociò le gambe. Avevo portato un dolce per darglielo come dono ma non ne ero sicuro di cosa farne. Seshadri Swami deve avere percepito la mia indecisione quindi indicò con un gesto che avrei dovuto porre il dolce a terra di fronte a lui. Era evidente che aveva masticato della noce di betel per qualche tempo.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/yyAz-mocdgc

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 07/06/2021

La visione nel sogno di Ramana Maharishi

Quella notte in sogno vidi Ramana Maharshi che camminava dalle pendici inferiori di Arunachala.Sulla soglia della porta si lavò i piedi con l’acqua che aveva nel suo kamandulu, recipiente per l’acqua.

Mi avvicinai, mi prostrai ed entrai in una specie di catalessi, a causa dello shock del suo darshan. Mentre giacevo a terra con la bocca aperta Bagavan mi versò dell'acqua nella bocca. Ricordo che ripetevo :”Maha Deva, Maha Deva”. uno dei nomi di Shiva. Bhagavan mi fissò per alcuni secondi prima di tornare in sala. Quando mi svegliai il mattino successivo decisi che sarei andato immediatamente da Bagavan e avrei avuto il Darshan. Dopo avere informato i miei genitori che avrei lasciato il villaggio, andai a salutare le persone del villaggio. Parecchi di loro iniziarono a piangere perchè avevano il forte sospetto che non sarei tornato, infatti così fu. Alcuni devoti sapendo che non avevo denaro raccolsero dei fondi e me li diedero come regalo d'addio. Avevo deciso di camminare per le 25 miglia che mi separavano da una vicina città chiamata Ullunderpertai, perchè avevo sentito che là c’era un treno diretto per Tituvannamalai, la città in cui viveva Ramana Maharshi. Tuttavia prima di iniziare il viaggio un convoglio di 12 carri tirati da buoi attraversò il villaggio.I devoti del villaggio parlarono con uno dei conduttori e così mi procurarono un passaggio. Il viaggio durò tutta la notte ma ero troppo eccitato per dormire. Passai l’intera notte seduto sul caro a pensare a Bagavan. 

A Ullunderpertai condivisi il mio cibo con i conduttori prima di salire sul treno. Inizialmente avevo pensato di andare lì direttamente ma quando uno dei passeggeri mi informò che lo ShankaraCharya era accampato vicino ad una delle città lì vicino, decisi di vedere prima lui per avere la benedizione. Scesi a Tirukoilur, 15 miglia a sud di Tirukoilur e mi recai a Pudupalayam, il villaggio dove risiedeva lo Shankaracharya. Mi inchinai al suo cospetto e gli dissi che avevo avuto il suo Darshan a Vepur. Lo shankaracharya mi fissò per alcuni secondi poi con un sorriso di riconoscimento disse:”Sì, mi ricordo di te!”

“Sono in cammino per vedere Ramana Bagavan”, gli dissi .”Per favore dammi la tua benedizione”. 

Lo shankaracharya sembrò molto compiaciuto a questa notizia. “Molto bene!”, esclamò.

 Poi si rivolse ad uno dei suoi attendenti e gli chiese di darmi del cibo. Dopo che ebbi finito di mangiare lo shankaracharya mise della vibhuti(cenere consacrata) su un piatto ponendovi il suo palmo per benedirla. Poi sullo stesso piatto mise noce di cocco e undici monete d’argento presentandomi il tutto. Presi il denaro, la vibhuti e la noce di cocco prima di restituirgli il piatto. Sentendo che ora avevo ottenuto la benedizione che avevo cercato, mi prostrai, lasciai il villaggio e continuai il mio viaggio per Tiruvannamalai.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/C8qH4rG4Dxc

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 06/06/2021

Consapevolezza di alta qualità

Non è mai troppo tardi per averla, incominciate adesso l’allenamento adatto. E’ evidente che la conoscenza dell’Ayurveda sta crescendo molto nella cultura occidentale. L’uomo sta andando avanti verso la conspevolezza, però dobbiamo stare attenti di non cadere nella conspevolezza superficiale bensì dare sempre un’attenzione di qualità superiore. 

La consapevolezza è una grande ricchezza ma noi perdiamo questa ricchezza facendo le cose superficialmente. 

Ci sono tanti bravi scienziati che analizzano un argomento parcellizzando per dividerlo in parti sempre più piccoli. Questa scienza si fa utilizzando macchine sempre più soffisticati. Ma qui manca la consapevolezza vera quindi questa scienza è vita materiale. 

La cosa migliore sarebbe quella di comprendere tutto nella pura coscienza che annulla qualsiasi impedimento. Questa è conspevolezza vera di alta qualità.

Io dico sempre ai miei allievi di Abyangam di toccare se stessi e gli altri con una consapevolezza di alta qualità. Praticate l’allenamento per migliorare se stessi e l’autodisciplina. Inoltre chiedo ai miei allievi di praticare tutti i giorni Pranayama per mantenere un equilibrio psico-fisico.  

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/VKss3ZSbM3I

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 05/06/2021

Nasco con la giovinezza Eterna.

Sono la luce. Volete abbracciarmi? Siate pronti, la mente nuda, il cuore pieno.

Nessuno può fermare la mia nascita, crescita e unità. Mi avvio con una forza favolosa. Sostengo la pace profonda e scorgo l’amore infinito. Non c’è buio nella mia presenza, né odio, né dubbio.

È bellissimo, è chiaro, ho una faccia di gioia infinita, corro a una velocità di trecentomila chilometri al secondo. Che emozione correre in questo modo!

Perché corro così veloce? Per vincere qualcosa? No ma per perdermi.

No, non è una gara la vita. La vita è luce colorata. Sono bianco all’origine; corro lanciando me stesso e mi coloro: viola della mente, azzurro del cielo, blu del mare, verde della montagna, giallo del fiore, rosso del sangue. Dormo mille anni nel buio, nel nero.

Quando mi sveglio voglio sperimentare la mia potenzialità lungo il mio percorso. Se vedo ostacoli sul sentiero della vita non importa, è una sfida che fa sorgere gioia in me.

Affronto la sfida con la forza della felicità che è dentro di me. Ho merito da me stesso. Mi sento orgoglioso.

Se non c’è difficoltà come vinco la sfida?

Se non c’è il problema come applico la mia abilità? Se non ci sono ostacoli come mi innalzo?

Se la vita è uguale, come raccontare tutte le mie belle, meravigliose, coraggiose, avventure?

Ho voglia di sfidare giungle, scavare la terra, saltare muri, scalare la roccia. Voglio avere esperienze emozionanti!

La mia crescita è lanciata a tre miliardi di chilometri al secondo; non vedo più nessun limite né ostacoli, né me stesso.

La vita non è misera, non tengo mai una faccia da funerale.

Niente è sbagliato nella mia luce.

Nulla conosco nella mia velocità.

Tutto è verità nella mia luminosità.

Tutto è già fatto nella mia origine.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/RPgzR_ZMsXs

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 04/06/2021

Torna a casa

Nel silenzio sto meditando

Sento il suono del nulla

Alzo gli occhi , sto meditando

Attraverso un lungo cammino buio

La terra dice: Guarda il cielo

Chiudo gli occhi, sto meditando

Sento la voce del vuoto:

Torno a casa.

I sogni svaniscono

L'anima resta cosciente

I piedi fermi sulla terra

Sorge la stella della speranza

C'è il cielo, c'è la luce

Gli occhi sorridono

Nè nuvole nè buio

Il cerchio ruota

E' la purezza

Il Nulla

 

Il Maestro

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/9t_MMvDip7s

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 03/06/2021

IL COMPLEANNO

Natale-patria-originario

Ricordare quella nobile mamma........che origina

Madre e Padre sono il nostro inizio......

Meglio ricordare, dedicare e ringraziare

Ai genitori il giorno del compleanno.

 

Questa mattina ricordavo la mia mamma

Sentivo uno stato di tristezza ma pieno di felicità

Immaginavo e le chiedevo di benedirmi

Sentivo la voce nel mio cuore “Summa iru”

La voce della mia mamma

Che significa “stai fermo”

 

Ogni giorno accade il compleanno per tante persone

Circa 20 milioni di persone festeggiano o celebrano il compleanno

Alcuni organizzano, consumano, festeggiano, si divertono,

Il compleanno è comune per tutti,

Uomo e donna, adulti e bambini, sani e malati, ricchi e poveri,

Alcuni neanche ricordano il giorno del compleanno,

Alcuni aspettano tanti regali,

Mangiano, bevono e si divertono

Alcuni cercano viaggi e vacanze,

Altri ancora non possono smettere di lavorare,

Alcuni vogliono solitudine e il silenzio

Decidono di eseguire un rito

Celebrano in silenzio

Rispettano

e ricordano qualcosa di nobile

Dedicano il giorno del compleanno

Ai genitori......

Alla mamma che mi ha fatto nascere “nudo”

Il sole mi abbraccia con I raggi della vita

La vita mi abbraccia con piccole felicità

Quando quella grande felicità mi abbraccia

Io, il piccolo, non ci sono più,

La piccola goccia di pioggia

Unisce con il grande oceano,

Mia mamma dice “Summa Iru”

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/Q4zGHLWBbTg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananada”- Satsang durante la Puja del 01/06/2021

QUAL'E LA NATURA DELL'ASSOLUTO?

Un filosofo è un'aspirante dell'Assoluto. Così anche uno Yogi. Tuttavia il loro approccio è diverso. Un filosofo cresce con una razionalità logica e vuole concepire intellettualmente la natura dell'Assoluto.

Lo Yogi cresce lungo la via dell'autodisciplina e vuole realizzare l'Assoluto spiritualmente. La comprensione filosofica non può andare oltre i principi dell'intelletto ma la disciplina dello Yogi si può sperimentare oltre l'intelletto. Un aspirante dell'assoluto non soddisferà mai la sua teoria. La sete della filosofia dell'Assoluto crea la sua storia sulla base di guerre intellettuali tra le diverse scuole di pensiero.

L'autodisciplina di uno yogi rimane come un mistero perché la sua realizzazione va oltre l'intelletto. L'assoluto è l'anima dell'Universo ossia l'anima di ogni essere vivente. Lo Yogi trascende la sua anima individuale verso l'anima Cosmica nello stato di Samadhi.

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/FEMJHH32tO0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 30/05/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

 https://youtu.be/v0Wd2l4XLZE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 29/05/2021

Porta buona energia al mondo

Ogni pensiero è un’onda, torna sempre nella compassione del mare. Mandiamo le onde verso gli altri, manteniamo la pace, la tranquillità e la gioia verso gli altri.Percepiamo tutte le persone che hanno sofferto nel passato e mandiamo loro questa onda di amore e pace. Pensiamo e speriamo che quelli che hanno sofferto possano trovare la pace, e doniamo la pace a quelli che hanno fatto soffrire gli altri. Immaginiamo e continuiamo a mandare onde di pace e amore affinché il loro cuore e mente possano cambiare. Mandiamo un'onda di pace a quelli che vogliono fare del male agli altri. 

L’onda è come una vibrazione, un'energia che si connette con l'energia universale. Se siamo pace allora trasmettiamo la pace. Se siamo arrabbiati allora trasmettiamo al mondo rabbia. Se siamo amore allora trasmettiamo pensieri amorevoli. Quindi se vogliamo fare del bene al mondo allora devo prendere la decisione di essere pace, amore, gioia.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/n8S1y6buLhg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 28/05/2021

Non dimenticare mail il bene 

Per migliorare la tua vita ricorda la ricchezza, la bellezza e il risultato donato dallo splendore di Dio. Ricordati di apprezzare i doni che ricevi di continuo. Ricorda di non dimenticare mai ciò che di buono hai ricevuto. Ricorda di rispettare tutto ciò che ricevi anche se piccolo. Ricorda di percepire che oggi è il giorno migliore. Ricorda di vedere i saggi intorno a te. Ricorda di cogliere la possibilità attorno a te. Ricorda di vedere il tuo sguardo capace di vedere le meraviglie del momento. Ricordati di dimenticare qualcuno che ti ha fatto male. Ricordati di provare la soddisfazione e la gioia. Ricorda che ogni tua decisione sia presa insieme con la mente e con il cuore. Ricordati di non dimenticarti di sorridere. Ricorda, ti prego, non aspettare domani!

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/Vb_mpJM1h5k

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 27/05/2021

Troviamo la soddisfazione attraverso la compassione

Il cuore deve essere pieno e la testa deve essere chiara, cioè vuota. Normalmente quando le persone sono tristi e depresse mangiano dolci, mangiano per trovare un appagamento mentale. Invece potrebbero trovare la soddisfazione attraverso la compassione. Per avere compassione l’anima deve essere pura, come anche la mente. Ma è necessario prima purificare il corpo, che è il livello sul quale possiamo più facilmente agire. Mentre sui livelli più sottili facciamo più fatica ad agire e controllare. I livelli più sottili possono essere: la mente, l’energia, l’anima. 

Quindi come purificare il corpo?

Consideriamo il corpo come un’articolazione, così come io mondo e l’universo vengono considerati un articolazione. Il corpo è articolato in vari elementi grossolani e sottili: gli organi, le cellule, gli atomi, tutto insieme è un articolazione. Se sentiamo la pesantezza vuol dire che siamo a livello grossolano. Quindi dobbiamo liberare prima di tutto i canali intestinali e percepire una sensazione di leggerezza, cioè percepire l’articolazione sottile.

Attraverso la pratica Pancha Karma prima purifichiamo il corpo( cioè il sangue, muscoli, ossa ) per poi arrivare all’energia, la mente e persino l’anima e il Karma. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/tMH3qkjS2i0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 26/05/2021

Nutritevi di compassione per essere altruisti

Quando si è soddisfatti si ha il cuore pieno di gioia e non hanno importanza le cose che possono succedere. Bisogna essere soddisfatti indipendentemente dall’ambiente esterno, rispettare, accettare e apprezzare con tolleranza gli errori e il comportamento degli altri. Se siamo soddisfatti e contenti qualsiasi problema si risolve facilmente. Solo se c’è rispetto si prova soddisfazione. Il rispetto si basa sulle qualità di amore e compassione. Se nutriamo compassione è più facile rispettare gli altri e non dare peso ai torti che ci vengono inflitti, senza notare sempre errori e difetti. Se rispettiamo l’altra persona è più facile avere soddisfazione e di conseguenza siamo gioiosi e contenti. Questo è il nostro scopo temporale. Nutritevi di compassione per essere altruisti.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/JdSAGMPM5ws

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 25/05/2021

Credete con certezza immutabile

Siate sempre soddisfatti. Seguite stimoli elevati. Riducete sempre le vostre esigenze. Agite con contentezza e offrite il risultato a Dio. Distaccate l’esperienza e tenete sempre una buona memoria. Approfondite la ricerca interiore, chiaritevi senza dubbi. credete con certezza immutabile. 

La mente è un meraviglioso strumento che si può usare in modo corretto, scorretto e abusandone. La via degli scienziati corre come un fiume e apre la via della conoscenza. ma aumenta continuamente le esigenze dell’uomo, senza riuscire a fermarsi, sempre in nome della comodità. 

Invece la ricerca spirituale approfondisce la ricerca della permanenza e impermanenza. La ricerca scientifica è un cammino esteriore per capire le utilità della comodità. La pratica spirituale(Sadhana) apre il canale e ti porta fino in fondo ad esso, finché non si raggiunge la chiarezza. Il mio augurio per voi è che abbiate la certezza immutabile lungo tutto il cammino della vita.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/EM2r43QBCVw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 24/05/2021

Il presente è l'unica certezza che abbiamo

Tutto ciò che è accaduto va bene, basta accettarlo. Quello che sta accadendo adesso va bene, apprezzalo. Quello che accadrà sarà meraviglioso, basata avere lo scopo del dovere, perché e come andiamo avanti. Non è necessario preoccuparsi per il passato e il futuro: il passato è storia e il futuro è un mistero.

Il presente è invece l'unica certezza. La cosa importante è non viverlo di corsa. Secondo me, camminiamo troppo veloce senza sapere dove andiamo. Comprendere correttamente lo scopo della vita significa essere in equilibrio. Chi cammina lento va lontano perché non perde l'equilibrio.

“ Dyana balam, gnana balam”, la meditazione dà la forza e l'equilibrio che fermano la velocità.

La vita è un continuo movimento. Tutto deve essere fatto come un dovere verso Dio, verso gli altri, il mondo. Ogni volta che faccio una cosa devo domandarmi: “Perché faccio questo?”

Poi dobbiamo chiederci: “Come devo fare questa cosa?”

Dobbiamo fare le cose con lentezza, concentrazione, con amore, come un servizio. Il questo modo la meditazione accadde facilmente, la mente si calma.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/zGIOK5F5-O0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 23/05/2021

Il Messaggio del Maestro

Essere in armonia è imparare ad adattarsi alla vita.L'adattamento è la chiave dell’armonia. Sapersi adattare significa saper accettare e contemplare le reazioni dell’altro con serenità e tranquillità. Quindi essere in armonia è impare ad adattarsi alla vita. Così andiamo verso il nostro scopo finale. Cosa serve per avere questa capacità di adattamento?

 Assenza di ego, assenza di ignoranza!

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/M3h5GJ8_qXw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 22/05/2021

La via della riduzione

Attualmente viviamo in un'era caratterizzata dalla velocità. La vita è piena di stimoli inferiori e stimoli inevitabili. Ogni stimolo non fa altro che aumentare la velocità dei nostri ritmi di vita. La velocità richiede un aumento del bisogno di utilità. Ogni utilità produce un’altra utilità. Un giorno, parlando con i miei allievi, spiegavo il fatto che viviamo in un’epoca caratterizzata dalla velocità ma è necessario ed è nostro dovere rallentare. Questa velocità è un incidente che riusciremo a rallentare. Un allievo mi ha chiesto: “Quando rallenteremo?”

Dopo la tua morte: “La morte dell’Io”

La velocità fa accadere incidenti, disagi, sofferenza. Il nostro ego, il nostro “IO”, è responsabile della velocità. 

Nella vita spirituale invece bisogna imparare a rallentare e ridurre. La via della riduzione è spiritualità. E prima o poi rallentando riusciremo anche a fermarci: fermando il corpo, mente, emozioni, pensieri. Solo rimane l’anima pura. Non connettendo con il mondo esterno con Ego allora l’anima connette con Dio, con l’Assoluto. 

Non ti dimenticare di rallentare e ridurre!

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/XXzJV8zr_d0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 21/05/2021

La liberazione è uno stato

Lo scopo finale della nostra attività spirituale è di disoccuparci, cioè liberarci. Che cosa si intende con la parola “liberazione”?

Facciamo un esempio pratico. In Italia viaggio tanto in treno. A volte andando in treno cerco un posto a sedere. Chiedo se il posto è libero. Se gli altri passeggeri dicono di sì e non vedo niente allora vuol dire che è disponibile per essere occupato. Se invece vedo qualcosa significa che è già occupato(può essere un libro o qualcosa d’altro sul sedile). Quindi non è necessario crearsi intellettualmente un’idea di liberazione. In un certo senso vuol liberazione vuol dire nulla, ma nulla vuol dire anche uguale a pieno. Se tu vedi il pieno non vedi il vuoto. Tu non vedi il vuoto vuol dire che è pieno. Zero è uguale ad un’altro zero. Il pieno lo diciamo anche zero. Il nulla lo diciamo zero.

Moksha vuol dire libertà cioè essere in tutte le possibilità. 

Una persona deve essere libera per potere entrare nella libertà. La libertà è uno stato dove non si connette con l’esterno, né con il corpo né con la mente. Quando non connettiamo con l’esterno il Sé rimane in se stesso senza nessuna connessione, in uno stato profondo. Non è necessario sentire questa sensazione 24 ore al giorno ma bastano anche solo 5 minuti, perchè questo tempo ti dà la possibilità di rinnovare tutto. Questo avviene durante la pratica di meditazione, quindi nello stato di profondità e non nella superficialità.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/-v7Ptj492lg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 19/05/2021

I principi e i doveri

Ogni volta che facciamo una pratica dobbiamo ricordare che essa si basa su un principio, il quale a sua volta deriva da una filosofia. Ne consegue quindi che i principi, la filosofia e la pratica sono interconnesse. Per eseguire efficacemente una pratica dobbiamo conoscerne i principi e la filosofia alla quale essa fa riferimento. Solo così essa è perfetta e completa altrimenti si corre il rischio di commettere degli errori. In qualsiasi disciplina se ci prefiggiamo uno scopo per raggiungerlo seguiamo un principio che è sempre importante conoscere e comprendere. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/B9VVM7smCBI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 18/05/2021

I doveri sacri

Il Maestro ci salutò dicendoci che stava partendo per L’India. Il lunedì mattina successivo rientrando nel centro Joythinat lo trovai sorridente come sempre davanti alla sua scrivania. Mi chiesi se per caso non fossi in presenza di una fantasma. Maestro non dovresti essere in India? Non sei partito?

Il Maestro sorridendo rispose: “Sono già ritornato”

Il discepolo chiese: “Maestro come mai sei già di ritorno dopo soltanto un giorno?. Hai volato ore e ore per raggiungere l’India e sei rimasto lì solo per poche ore. Perchè non hai approfittato della tua permanenza nella terra della saggezza?”

Il Maestro rispose:” Camminiamo in pellegrinaggio per ore e giorni e rimaniamo di fronte all’altare solo pochi minuti. Pochi secondi bastano per capire concetti spirituali più elevati. Una macchina fotografica, in un secondo, capisce una visione. Voglio aggiungere un’altra cosa: “Desidero il bene per tutti. C’è la mia presenza dove c’è nè bisogno. Seguo il dovere che è la mia via. I doveri non mi affaticano perchè li faccio con piacere. Se pensassi soltanto al mio bene forse sarei rimasto più a lungo e avrei goduto dell’India. Se avessi pensato solo al bene della mia famiglia ci sarei rimasto ancora di più e avrei soddisfatto tutti i loro desideri. Ma io voglio il bene di tutti. Non sono capace di spingere solo in una determinata direzione. Completato il mio dovere là giù sono subito ritornato per pubblicare questo giornalino.

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/Fze3uZ1Bmc0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 17/05/2021

Lo Yoga è una disciplina per tutti

Lo Yoga è adatto a tutte le persone che vivono nel mondo, non solo ad una particolare categoria di persone o a chi vuol vivere in isolamento e solitudine dal mondo. La meditazione, che è il cuore dello Yoga, non è né una fuga dalla realtà né una fuga dal tempo.

 La meditazione è qualcosa che accadde. Per ottenere questa condizione, corpo e mente si devono unire in una situazione adatta a far si che ciò accada. Per imparare la meditazione occorre essere perseveranti, tenaci, tolleranti, pazienti, osservatori e adottare e seguire costantemente e regolarmente una o più tecniche meditative. 

La meditazione non è una fuga dal mondo ma una via per realizzare se stessi. Meditare non è una perdita di tempo ma arricchisce e aiuta a capire meglio se stessi, gli altri e l’Universo. Provare per credere!

La qualità della vita deve essere sempre migliorata.Ogni giorno, ogni periodo, ogni epoca devo migliorare partendo da un livello basso, strutturale, per arrivare ad un livello alto. Infatti non dobbiamo rimanere attaccati all’esperienza del corpo. Quando prendiamo un’esperienza superiore, come quella mentale, dobbiamo distaccarci dalla realtà del corpo. Così lentamente raggiungiamo la coscienza dell’anima. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/OfqdnjpmcG0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 16/05/2021 

Lo Stress

Si tratta di un disturbo di origine psico-somatico, rappresenta la mancanza della forza per affrontare le difficoltà e i problemi, indebolimento generale dell’organismo, senso di stanchezza e difficoltà nell’affrontare i cambiamenti della vita. Sotto stress possono apparire vari sintomi sgradevoli e anormali: Vata dosha non è in equilibrio, impegni non voluti o prolungati, dolori, vita sotto pressione, malattie croniche, cibi pesanti, cattiva digestione e stanchezza, dolori passati ci crollano addosso durante il riposo, troppi rumori e preoccupazione, regime di vita irregolare, non equilibrato,

Nel cibo devono essere predominanti le qualità della terra e l’acqua per ristabilire il tessuto Maja Dhatu. Evita i cibi amari e pungenti e aumenta i gusti dolci. Consumare Brahmi Gruta e Kichari. Prima di andare a dormire mangiare una banana matura cosparsa con polvere di cumino. 

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/_0dc0qvA3n8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 15/05/2021

Non è importante cosa ma è importante come lo facciamo.

Se accendiamo una luce nella notte ha significato. Se invece la accendiamo nel giorno non è una cosa valida. Quindi vi chiedo: “Cos’è importante? Il sole o la luna?”

So che voi risponderete certamente il sole ma io vi dico: “NO, la luna è più importante perchè il sole c’è nel giorno quando già abbiamo la luce ma la luna ci dà la luce al buio, quando abbiamo più bisogno di luce”

Questa è una storia per pensare oltre la legge. Non è importante cosa ma come.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/obRja0znAJ4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 14/05/2021

La ricerca interiore

La ricerca interiore deve durare tutta la vita con tutta la collettività, per raggiungere uno stato esteriore che comunica interiormente, non attraverso quel potere sciocco, quel IO interiore che di solito gli uomini utilizzano. 

Se l'obiettivo della collettività è raggiungere la pace tra i popoli e tra noi stessi, la via da seguire è la via del Dharma, cioè del proprio dovere. Agire per aprire una ricerca interiore profonda e duratura. Pregate per chi ha sofferto nel passato di violenze ingiuste, meditate ogni giorno per quei uomini che sfortunatamente confondono la pace con la violenza. 

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/x2p_XZ5X5dc 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 13/05/2021

Possiamo

Vorrei sentirti senza rattristarmi,

Vorrei stimarti senza valutarti,

Vorrei aiutarti senza criticarti,

Vorrei vederti senza litigarci, 

Vorrei darti senza aspettarsi,

Vorrei amarti senza attaccamento.

Se ricevo lo stesso da te allora possiamo incontrarci presto.

Sorrido o piango dipende da me,

Condividiamo come così siamo!

Vorrei accompagnarti senza vincolarti,

Vorrei comunicarti senza comandarti

Vorrei informarti senza lamentarti,

Vorrei emozionarti senza offenderti,

Vorrei occuparmi di te senza obbligarti,

Se ricevo lo stesso da te allora possiamo incontrarci presto.

Sorrido o piango dipende da me,

Condividiamo così come siamo! 

 

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/h_D1J1FhGgE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 12/05/2021

Non si può combattere la violenza con la violenza

Nella missione ci sarà una ricerca interiore che verrà affrontata come una guerra vera e propria, dentro il nostro io. La guerra è come una malattia: produce dolore e malattia. La violenza è sinonimo di Ego sciocco. La guerra e qualunque forma di violenza provocano sofferenza. Non è possibile fermarla con un’altra violenza. L’unica via è quella di seguire il proprio dovere, che nella cultura indiana si chiama Dharma. Seguire il proprio Dharma è una missione nella vita. In questo cammino bisogna guardare dentro di sé e riuscire a capire se stessi. 

Qual’è il mio ruolo nella vita? Perchè io sono qui? Cosa devo portare avanti come una missione?

Deve essere curata attraverso una prevenzione che deve essere coltivata giorno dopo giorno. Ogni malattia ha la sua causa. E’ bene prevenirla e curarla. I saggi cercano di trovare le cause che hanno sviluppato la malattia e superarle. Non è possibile eliminare una violenza attraverso un’altra violenza. Prevenire la violenza di alcuni uomini significare eliminare la violenza attraverso la cura dell’Io. 

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/VT0u0vpspdQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 11/05/2021

La meditazione

Ci sono vari modi per meditare. Vi darò 5 chiavi per meditare. 

La prima chiave è seguire la tua propria logica, natura e capacità di praticare. 

La seconda chiave è stare comodo, medita a modo tuo, basta che tu stia comodo e che tu sia presente. 

La terza chiave è sentire il silenzio, ascolta o guarda, silenzio o musica,freddo o caldo, lavoro o studio, riposo o movimento, basta sentire il silenzio nella tua logica. 

La quarta chiave è avere un’intenzione sincera. Basta connettere la meditazione con la tua intenzione. Puoi fortificare la tua meditazione attraverso la tua intenzione.

La quinta chiave è non provare a pensare a che cosa vuoi meditare. Non bloccare i pensieri che vengono naturalmente. Non bloccare il flusso della mente, lascia accadere.  

Rimani seduto comodamente, segui la tua intenzione. Ascolta il silenzio senza volere niente. 

Non bloccare i pensieri, unisci la mente dove vuoi tu.

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/RswaGj0E6Ds 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 10/05/2021

La pace per tutti

La pace è diritto di ogni uomo, non è un’opzione. Non è permessa la violenza per stabilire la pace. Bisogna unire i popoli con fraternità. Nessuno vince nella guerra, si muore per niente. Parlare della pace non è uno slogan. La pace è il grido del mio cuore. Sento l’amore senza nessun confine, con buona volontà si ritrova la pace. È’ necessaria un’educazione vera. C’è pace nella coscienza pura. 

Nella nostra vita siamo abituati a connettere continuamente con oggetti, situazioni, persone. Quando restiamo attaccati a queste cose allora la pace sparisce. Quando ci liberiamo da questi attaccamenti allora la pace arriva in modo naturale 

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/yM1myavUb8A

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 09/05/2021

Ogni giorno prendiamo un voto con noi stessi

Abbraccio la pace, una ricchezza infinita. Senza forma cammino per dare agli altri. Non c’è uno senza l'altro. Uno sparisce quando l’altro resta. I loro compiti sono difficili, nella presenza di lei lui resta in silenzio. Lei scopare alla presenza di lui. Lui tramonta e lei sorge. Lei declina e lui cresce. La pace è il diritto dell’umanità. Non la si può avere con violenza. Non bastano né parole né accordi. 

 

Nel nostro Ashram ogni giorno utilizziamo tre tipologie di polveri da mettere sulla testa. Al mattino presto, dopo essersi lavati e purificati, come prima cosa applichiamo la polvere bianca e prendiamo un voto con noi stessi di avere solo pensieri puri. Poi applichiamo la polvere gialla e promettiamo a noi stessi di essere saggi. Poi, per ultimo, mettiamo la polvere rossa e promettiamo a noi stessi di non sentirci mai stanchi di servire Dio, praticare e cercare la Verità. 

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/iBSz4k7UMlQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 08/05/2021

Essere qualcuno o essere nessuno 

Ho una salute creativa oltre le condizioni. La mia proprietà è tenere niente e tenere TUTTO. Lascio accadere qualunque cosa con assenza di impedimenti. Il mio potere è essere aperto per tutti senza nessun coinvolgimento. 

Per te stesso impara ad essere nessuno ma verso il mondo impara ad essere qualcuno. Il nostro buon comportamento, buone qualità portano qualcosa agli altri. Nella diversità noi siamo qualcuno e nessuno, siamo la pace, la tranquillità. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/Od3xNH6QvjY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 07/05/2021

Il Maestro 

Il Maestro è Brahma, il Maestro è Vishnu, il Maestro è il Sommo Maheswara, Shiva. Il Maestro è il Sommo Brahmana. 

Al Maestro che sana l'infermità dell’ignoranza, che salva la vita a chi è ciecco, io mi prostro.

Al Maestro cui natura propria risplende quale gemma del Vedanta, io mi prostro.

Al Maestro che è il Sole, che con la sua luce dischiude la luce del loto del Vedanta, io mi prostro. 

A lui, il Maestro che è il Sommo Atman, Atman perenne, l’Atman in quiete assoluta che sente al di là dello spazio puro non soggetto a condizionamenti, al di là della manifestazioni più sottili, a lui mi prostro. 

A lui, il Maestro, saldo nella conoscenza e potere del Brahma che porta la collana della conoscenza che conferisce la liberazione e la somma gratitudine, mi prostro. 

A lui, il Maestro che accendendo nel discepolo la fiamma e la bellezza dell’Atman trasforma in cenere l’immenso ammasso di legname che è il Karma, accumulate in vite senza numero, io mi inchino.

Non vi è una vera realtà al di là del Maestro, non vi è purificazione superiore, dietro il Maestro. Non vi è alcunché al di sopra dell’esperienza dell’Assoluto. A questo Maestro io mi prostro. Il mio Dio è il Dio dell’Universo. E il mio Maestro è il Maestro dell’Universo. Il mio Atman è l’Atman dell’Universo e a questo Maestro io mi prostro. Egli non ha principio. Il Maestro è la realtà ultima cui nulla è superiore, a questo Maestro io mi prostro. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/H_xrABEz-28 

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 06/05/2021

Regime di vita

Praticare Yoga, meditazione e regolarmente fare una doccia fredda tutti i giorni. Ricevere regolarmente il massaggio ayurvedico almeno due volte al mese, uno in luna calante e uno in luna crescente. Evitare sforzi, preoccupazioni, eccitanti. Prima di coricarsi praticare Yoga nidra. Eseguire Yoga e tecnica NYM regolarmente. Svegliarsi al mattino presto. Lavarsi e  poi trattare i 5 sensi usando gli oli ayurvedici appropriati. Bere un bicchiere di acqua bollente o niragada ogni mattina. Applicare gli oli appropriati su testa, piedi e corpo. Quindi fare una doccia. Dedicarsi alle regolari pratiche spirituali per almeno mezz’ora. Un’ora dopo il risveglio fare una colazione leggera e iniziare ad eseguire i propri doveri. Pranzare regolarmente sempre a mezzogiorno mangiando il cibo con buona soddisfazione. Cenare con cibi leggeri insieme alla propria famiglia. Andare a letto presto meglio prima delle ore 22.00. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/XuSEtBqGflg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 05/05/2021

Il digiuno è come una rinascita 

Il digiuno è una grande preparazione. Quando all’inizio del suo ministero, il Signore Gesù digiunò per quaranta giorni, egli seguì una prassi che era comune nel mondo antico. Si pensava che il digiuno potesse favorire il passaggio da un vecchio modo di vivere ad uno nuovo, come mezzo di preparazione fisiologica sia per un cambiamento radicale  di dieta, sia per un cambiamento di un intero sistema di vita. Niente può superare un digiuno. Possiamo affermare che il digiuno è una grande preparazione al rinnovamento per una vita valida e piena di significato. Dopo un digiuno si è diversi e abbiamo salito un gradino, varcato una soglia e siamo pronti per percorrere una nuova tappa del nostro cammino. 

 
Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/8Ch4LlNN1-8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 04/05/2021

Il digiuno e la disciplina del silenzio

Il digiuno è di per sé un riposo: fisiologico di tutto l’apparato digestivo. L’organismo non riceverà più l’energia dal cibo quindi userà quelle di riserva. Se vengono sprecate per attività inutili ne restano meno per il lavoro di pulizia e rigenerazione. Il riposo fisico, più o meno totale, a seconda delle forze del digiunatore e della durata del digiuno, è essenziale per ottenere rapidi benefici. Conserva la tua energia, sia fisica che mentale, sin dall’inizio. 

Il riposo emozionale consiste nell’evitare di parlare troppo, di ascoltare a lungo tv, radio etc. I nervi sono sensibilissimi, ci si eccita, ci si stanca, si rischia di non dormire. Le energie utilizzate per il lavoro mentale vengono sottratte alle energie di riparazione dell’organismo. Meglio fantasticare, osservare gli spettacoli naturali, leggere brevemente testi che alzano lo spirito ma non comportano sforzo mentale. 

Anche nell’Ashram è meglio praticare la disciplina, digiunare, parlare poco, ascoltare tanto, pregare e meditare molto. Stare in un Ashram è un'opportunità. Quindi fate ogni attività come un rito sacro.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/pWURx4CAtac

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 03/05/2021

La stabilità e la concentrazione

Il digiuno offre la magnifica possibilità di trovare la pace interiore. In uno mondo di frenesia i momenti di raccoglimento vengono spesso considerati un grande dono. Chi ha la possibilità di stare solo e percepire i processi interiori capirà che basta poco per essere soddisfatti e completamente lucidi. E’ il momento ideale per riprendere e praticare attività che favoriscono la concentrazione. Per esempio semplici lavori manuali come il ricamo, punto croce e la produzione di ceramiche.

Se ci muoviamo con il corpo o la mente cerchiamo comunque di creare la stabilità della concentrazione. Dobbiamo costruire uno stile della vita sulla base della stabilità e concentrazione. Dove esistono queste due qualità lì non c’è lo stress, né lamentella, né insoddisfazione. Ricerchiamo la stabilità e la concentrazione fisica, sensoriale, mentale ed energetica che ci portano verso una coscienza pura, la pace e la beatitudine. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/G5er-1hvMc4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 02/05/2021

La meditazione non è una fuga dalla realtà ma un tuffo nella beatitudine, Ananda.

Non è una fuga dal mondo ma una via per realizzare se stessi. Meditare non è una perdita di tempo ma arricchisce e aiuta a capire meglio se stessi, gli altri e l’Universo. Provare per credere!

Lo Yoga non è per chi vive negli eccessi e chi trova soddisfazione nel denaro, propria bellezza e successo. Chi si avvicina allo yoga deve sapere che ogni eccesso , ogni egocentrismo ed essere pieni di se devono essere eliminate per raggiungere uno stato di gioioso equilibrio. 

La qualità della vita deve essere sempre migliorata.Ogni giorno, ogni periodo, ogni epoca devo migliorare partendo da un livello basso, strutturale, per arrivare ad un livello alto. Infatti non dobbiamo rimanere attaccati all’esperienza del corpo. Quando prendiamo un’esperienza superiore, come quella mentale, dobbiamo distaccarci dalla realtà del corpo. Così lentamente raggiungiamo la coscienza dell’anima. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/ECS4DF_eSts

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 01/05/2021

La coscienza

Si può sperimentare uno stato dove si sente una grande gioia, una beatitudine che nessuna soddisfazione materiale può dare. E’ una sensazione difficile da descrivere perché non è né sensoriale né mentale. Solo chi l’ha sperimentata può capire. Quando si torna alla realtà dei sensi si vedono le cose con occhi diversi e si affrontano meglio i problemi quotidiani.

Abbiamo vari livelli di coscienza: quando ci muoviamo e lavoriamo abbiamo una coscienza di un certo tipo, quando ci rilassiamo o immaginiamo utilizziamo un altro tipo di coscienza, a volte restiamo anche senza coscienza per esempio quando dormiamo profondamente. Tuttavia tu puoi sperimentare qualsiasi stato con coscienza. In questa esperienza di coscienza sparisci a livello strutturale e mentale. Si sperimenta solo la pace e la pienezza. Tutto si ferma e qualsiasi accadimento viene vissuto allo stesso modo. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/4lUiNoRDULw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 30/04/2021

Lo Yoga è per tutti

Lo Yoga è adatto a tutte le persone che vivono nel mondo, non solo ad una particolare categoria di persone o a chi vuol vivere in isolamento e solitudine dal mondo. La meditazione, che è il cuore dello Yoga, non è né una fuga dalla realtà né una fuga dal tempo.

 La meditazione è qualcosa che accadde. Per ottenere questa condizione, corpo e mente si devono unire in una situazione adatta a far si che ciò accada. Per imparare la meditazione occorre essere perseveranti, tenaci, tolleranti, pazienti, osservatori e adottare e seguire costantemente e regolarmente una o più tecniche meditative. 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/VQEiYjv_7PY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 28/04/2021

Percepire solo una parte non significa percepire tutto l'insieme

Cinque cecchi andarono dal Maestro Sasso Morbido nella speranza di ricevere la luce. Il Maestro allora mandò i ciechi alla ricerca di un elefante gigante. Durante il loro peregrinare, il primo toccò una zampa e disse: “Secondo me l‘elefante è un masso”. Il secondo si appoggiò alla gamba e disse: “Ti sbagli, l’elefante è come una colonna”. Il terzo incrociò la proboscide e disse: “Secondo me è un grande serpente”. Il quarto sfiorò un grande orecchio e disse:” Secondo me è una grande tenda”. Infine il quinto tocco il tronco e disse: “Ma siete tutti matti, come fate a non capire che è come una grande collina?”.

Lungo il viaggio di ritorno non riuscivano ad accordare le loro opinioni e litigavano continuamente. Quando arrivarono dal Maestro ognuno di loro raccontò ciò che aveva scoperto sull’elefante, denigrando la definizione degli altri. Alla fine il Maestro si pronunciò: “Nessuno di voi ha torto, né ragione. Ognuno era legato alla sua singola percezione. Essendo ciechi non avete capito che la percezione dell’insieme era un elefante. “

 

Quindi bisogna sempre avere il coraggio di non negare ciò che si vede ma bisogna anche sforzarsi di guardare sempre al di là delle apparenze per avere una visione profonda di ciò che ci circonda.

Lo Yoga porterà, alla persona che ne fa esperienza ,maggiore controllo, concentrazione, conoscenza, consapevolezza e coscienza. Quindi la pratica costante sarà un mezzo di miglioramento che porterà più gioia, chiarezza e soddisfazione nella vita. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/uUCjorZ2uN8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 27/04/2021

Lo Yoga è uno stile di vita

Un giornalista intervista un medico famoso e domanda: 

“Come mai sei così bravo a diagnosticare le malattie? Qualcuno della tua famiglia ha fatto il tuo mestiere?”

“Si, mio nonno era famoso perché diagnosticava la malattia soltanto analizzando il regime di vita dei suoi pazienti e li curava dando consigli da seguire nella vita quotidiana. Poi, mio padre sapeva diagnosticare una malattia dai presintomi e curava attraverso l’alimentazione e rimedi culinari. Io ho intrapreso la carica di mio padre e curo i pazienti con medicine favolose e sono molto bravo ad usare i macchinari più tecnologici per diagnosticare le malattie croniche. A volte riesco capire la malattia che ha causato la morte. “

La morale:

Anche se pratichi Yoga ma mangi male allora questa pratica non funzionerà. Se lo stile della vita non è adatto alla pratica Yoga allora ti ammalerai comunque. 

 

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/cvdiZAUEU5U

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 26/04/2021

Adatta la tua vita e svuota la mente.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/Y8HvlMZoCOo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 25/04/2021

Lo Yoga serve per migliorare la propria vita

Ogni individuo è unico, importante ed irripetibile. Purtroppo nella confusione di questo mondo non siamo più in grado di capire chi siamo e qual'è il nostro scopo in questa vita. Lo Yoga ci viene in aiuto sostenendoci a correggere le opinioni sbagliate su noi stessi e gli altri.

Come identifichiamo noi stessi? Come riconosciamo noi stessi?

Per avere una buona qualità della vita bisogna darsi delle risposte a queste domande.

Maya significa illusione, la non realtà, la non verità.

Cos'è Maya e che cos'è la Verità?

Maya continuamente si muove e dietro il Maya c'è la Verità.

La Verità può essere compresa oppure no, può essere anche interpretata, mal compresa.

Maya è la continua mutazione dei fatti, come le immagini che scorrono su uno schermo. La meditazione ci sostiene nella comprensione delle due realtà. Nella meditazione non c'è cambiamento e mutamento quindi c'è la Verità.

Solo attraverso l'apprezzamento si elimina Maya e si entra nella Verità.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/ceFJeqoBIQ8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 24/04/2021

Chi è più grande: il Maestro o l'allievo?

L'allievo chiede al Maestro: “Chi è più grande? Il Maestro o l'allievo?”

La risposta dell'allievo è indubbiamente “Il Maestro” ma il Maestro lo nega. In verità non è così: l'allievo è più grande.

“Ma com'è possibile?”, chiede l'allievo.

Il Maestro risponde:”Si, il Maestro dà tante informazioni e così riempie la testa degli allievi. Così la testa diventa piena ma pesante. Invece la testa deve essere leggera. Il ruolo della testa non è riempirsi ma togliere, alleggerire, ridurre, alleviare tutto incluso pensieri e sentimenti. Infatti la parola “alleviare” ha il significato di togliere, ridurre finché si raggiunge l'illuminazione.

Se siamo allievi e facciamo la meditazione, riduciamo la nostra pesantezza, alleggeriamo la testa e alleviamo i nostri pensieri e sentimenti.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/yAMXzWc0LDU

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 23/04/2021

La consapevolezza è una grande ricchezza!

Ma noi perdiamo questa ricchezza facendo le cose superficialmente. Ci sono grandi scienziati che studiano bene qualunque argomento e lo approfondiscono parzializzandolo nelle più piccole parti. Questa scienza usa macchinari sempre più sofisticati ma che mancano di consapevolezza vera. Quindi questa scienza è chiamata vita materiale.

D'altra parte se unifichiamo invece di parzializzare, si comprende ogni argomento dell'esistenza. Lo si comprende nella pura coscienza che annulla anche qualunque impedimento, così essa sarà di alta qualità.

Dico a tutti i miei allievi di toccare se stessi e il prossimo sempre cercando di avere una consapevolezza di alta qualità, non superficiale. Praticate per migliorare se stessi e auto-disciplinatevi. Inoltre praticate tutti i giorni la respirazione pranayama per mantenere l'equilibrio psico-fisico.

Nella consapevolezza si uniscono l'energia del corpo, della mente, dell'anima.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione!

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/ZyDha8SDObg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 22/04/2021

L'intelligenza artificiale crea comodità ma toglie la libertà 

È vero: le macchine super intelligenti sono ottimi e sofisticati prodotti creati dall’uomo, in futuro non si dovrà nemmeno battere sulla testiera per scrivere, basterà parlare o ancora solamente basterà pensare, affinchè l’intelligenza del computer possa scrivere i nostri pensieri. Gli aerei potranno volare senza che alcun uomo li piloti. I computer funzioneranno come la televisione e viceversa, quindi ognuno potrà tenerne in tasca uno sempre pronto. Il cieco vedrà, lo storpio correrà, il criminale non si potrà nascondere, andremo in vacanza su di un pianeta artificiale ma ognuno di noi perderà la sua vita personale.

L’uomo può pensare due o più volte prima di fare qualcosa e può anche cambiare idea, queste macchine super intelligenti, invece, non pensano mai, fanno e basta, senza poter cambiare il programma che le guida.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/zYOfVlzDFTc

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 21/04/2021

Serve davvero una crescita veloce?

Il successo della ricerca genetica e l’uso dell’energia nucleare devono essere un allarme per la vita serena. L’aumento delle materie artificiali nelle medicine, nel cibo, nell’acqua, è un pericolo per l’equilibrio della salute. Le macchine super intelligenti nei settori dei trasporti, delle comunicazioni, dell’informazione, sono una minaccia per la pace; conquistare l’ambiente spaziale ed esplorare altre galassie porta all’uomo la solitudine e lo allontana ancor più dalla verità.

In futuro si produrrà il sole artificialmente, quindi il buio sparirà per sempre  e con esso anche l’equilibrio dell’uomo. Comunque il problema resta: il sole artificiale non aiuta a risolvere il vero problema dell’uomo, perché il sole e la luce devono nascere all’interno di ognuno. Ogni individuo deve essere come un sole da cui la luce splende in ogni direzione. L’uomo vuole viaggiare molto veloce, ma immagina che la terra ruoti su se stessa alla velocità di mille chilometri!

Che cosa accade? Serve davvero una crescita veloce? Bisogna sapere dove stiamo andando. La velocità allontanerà soltanto la nostra meta, aumentando la distanza tra noi ed essa. Più il progresso aumenterà e più, con esso, aumenteranno anche i bisogni.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/SJ0lQw36pgk

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 20/04/2021

I progressi degli scienziati sono troppo veloci

Gli scienziati producono macchine super intelligenti e sempre più piccole. Il computer diventerà come un abito: sempre accessibile, comodo e facile da tenere e da usare e per farlo funzionare basterà il calore del corpo. La tecnologia raffinata del computer è la base per tutto il progresso: tecnologia genetica, energia, materia artificiale, trasporto, comunicazione, informazione, ambiente spaziale, esplorazione delle altre galassie, medicine, cibo, acqua. Tutto questo per facilitare la nostra vita, non per liberare l’anima. Che ne è stato della ricerca condotta da Gesù e Buddha, mirata a liberare ogni individuo dal suo peso e dalla sofferenza del Karma? Loro hanno rinunciato alle comodità ed alla facilità...

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/rex_PpzlUzA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 19/04/2021

Il presente è l'unica certezza che abbiamo.

Tutto ciò che è accaduto va bene, basta accettarlo. Quello che sta accadendo adesso va bene, apprezzalo. Quello che accadrà sarà meraviglioso, basata avere lo scopo del dovere, perché e come andiamo avanti. Non è necessario preoccuparsi per il passato e il futuro: il passato è storia e il futuro è un mistero.

Il presente è invece l'unica certezza. La cosa importante è non viverlo di corsa. Secondo me, camminiamo troppo veloce senza sapere dove andiamo. Comprendere correttamente lo scopo della vita significa essere in equilibrio. Chi cammina lento va lontano perché non perde l'equilibrio.

“ Dyana balam, gnana balam”, la meditazione dà la forza e l'equilibrio che fermano la velocità.

La vita è un continuo movimento. Tutto deve essere fatto come un dovere verso Dio, verso gli altri, il mondo. Ogni volta che faccio una cosa devo domandarmi: “Perché faccio questo?”

Poi dobbiamo chiederci: “Come devo fare questa cosa?”

Dobbiamo fare le cose con lentezza, concentrazione, con amore, come un servizio. Il questo modo la meditazione accadde facilmente, la mente si calma.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/N4ZZJxLqpq4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 18/04/2021

SONO LA LUCE

Nasco con la giovinezza Eterna. Sono la luce. Volete abbracciarmi? Siate pronti, la mente nuda, il cuore pieno.

Nessuno può fermare la mia nascita, crescita e unità. Mi avvio con una forza favolosa. Sostengo la pace profonda e scorgo l’amore infinito. Non c’è buio nella mia presenza, né odio, né dubbio.

È bellissimo, è chiaro, ho una faccia di gioia infinita, corro a una velocità di trecentomila chilometri al secondo. Che emozione correre in questo modo!

Perché corro così veloce? Per vincere qualcosa? No ma per perdermi.

No, non è una gara la vita. La vita è luce colorata. Sono bianco all’origine; corro lanciando me stesso e mi coloro: viola della mente, azzurro del cielo, blu del mare, verde della montagna, giallo del fiore, rosso del sangue. Dormo mille anni nel buio, nel nero.

Quando mi sveglio voglio sperimentare la mia potenzialità lungo il mio percorso. Se vedo ostacoli sul sentiero della vita non importa, è una sfida che fa sorgere gioia in me.

Affronto la sfida con la forza della felicità che è dentro di me. Ho merito da me stesso. Mi sento orgoglioso.

Se non c’è difficoltà come vinco la sfida?

Se non c’è il problema come applico la mia abilità? Se non ci sono ostacoli come mi innalzo?

Se la vita è uguale, come raccontare tutte le mie belle, meravigliose, coraggiose, avventure?

Ho voglia di sfidare giungle, scavare la terra, saltare muri, scalare la roccia. Voglio avere esperienze emozionanti!

La mia crescita è lanciata a tre miliardi di chilometri al secondo; non vedo più nessun limite né ostacoli, né me stesso.

La vita non è misera, non tengo mai una faccia da funerale.

Niente è sbagliato nella mia luce.

Nulla conosco nella mia velocità.

Tutto è verità nella mia luminosità.

Tutto è già fatto nella mia origine.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/s9SUpDqnydk

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 17/04/2021

La preparazione prima di praticare Yoga

Prima della pratica Yoga bisogna avere lo stomaco vuoto, perché è dannoso praticare senza avere digerito completamente. Meglio evitare gli alcolici in quanto l'alcool altera il tessuto nervoso. Vanno evitati stimolanti quali thè, caffè etc. Occorre avere la mente libera e sgombra da preoccupazioni. Bisogna essere calmi. Lo Yoga non è solo un metodo di rilassamento ma un miglioramento, un'elevazione superiore.

Calma la mente e rilassa il corpo, calma la mente, restiamo in pace!

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/X2ov-vzdveE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 16/04/2021

Gli stati di Raja Yoga sono otto.

Yama è l'auto purificazione, morale universale, seguire la giusta disciplina verso gli altri secondo i cinque principi: non-violenza, sincerità, non rubare, la non dipendenza dagli altri e la castità.

L'auto-fortificazione è Nyama che vuol dire seguire la giusta autodisciplina verso noi stessi attraverso la purificazione, la contentezza, l'accettazione e la tolleranza della sofferenza.

Lo studio dei testi spirituali vuol dire adorazione verso Dio, adorazione dei genitori e del Maestro.

Asana vuol dire raggiungere la stabilità del corpo.

Pranayama vuol dire controllare e disciplinare il respiro e le emozioni.

Pratiahara vuol dire ritirare e dominare i sensi.

Dharana è la pratica di concentrazione e Dyana è canalizzare la mente e annullare i pensieri cioè Meditare.

Samadhi è sperimentare il silenzio.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/GEwqSMhY1ww

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 15/04/2021

La passione si può trasformare in compassione

Per vivere meglio occorre possedere una grande passione e contentezza nella vita. La vita è sempre nuova, bella e meravigliosa. Se non la apprezziamo portando a termine il nostro ruolo e il nostro compito, la vita diventa misera. Tutte queste meravigliose cose possono avvenire solo nel presente e chi possiede la passione, con il tempo può trascendere la passione e trasformarla in compassione, amore, silenzio puro. Invece chi vive lottando, difendendo il proprio Ego, desideri, avidità, ignoranza etc allunga il numero di vite e soffre per nulla. E possibile contare i desideri nella vita ma non è affatto facile capire quante vite dia ogni desiderio. Si possono contare i semi di una mela ma non si possono contare le mele che nasceranno con un seme.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/XZ34KlmTK_M

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 14/04/2021

Uno è un Tutto e Tutto è in Uno.

La vita è un flusso come un fiume che mai si ferma ma è sempre in movimento rinovandosi continuamente. La vita è semplicemente un ciclo che cambia continuamente, attimo dopo attimo. Ciò che va è destinato a ritornare. Ora noi non siamo più quelli di ieri, siamo già cambiati, nel corpo, nell'energia e nella mente. L'intelligenza cambia con ogni pensiero, anche le memorie vanno e vengono. Ogni respiro mandiamo via milioni di atomi e ne riprendiamo di nuovi. Nel giro di poche ore la struttura della nostra cellula si riforma. Ogni giorno cambiamo il sangue necessario per il nostro corpo. I nervi, il grasso, le ossa, tutto ciò che abbiamo oggi non è lo stesso di quello che avevamo l'anno scorso. La vita è un bellissimo mutamento, così come l'alternarsi dell'alba e del tramonto.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione, una protezione e una nutrizione.

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/8eX5Tno6fmQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 13/04/2021

La vita come il mare

La vita di ogni individuo è come l'onda del mare che sempre ritorna ad esso ma ogni volta che lo fa si rinnova. Le onde sono una parte del mare ed essere onda è il suo ruolo. Nella vita del mare siamo come le onde testimoniando il nostro ruolo e sperimentando la coscienza di essere mare. Siamo le onde e siamo il mare.

L'onda che arriva sulla spiaggia annulla sé stessa e abbraccia la terra!

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/oJHFT12-yn4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 12/04/2021

LoYoga è qualcosa di nuovo

Anche se lo si fa tutti i giorni è sempre nuovo. Ogni raggio di sole è nuovo, un'alba non torna mai una seconda volta. Ogni giorno è sempre nuovo e diverso. Questa è una lezione e fate in modo che sia sempre una prima lezione. Nel nostro tempo, praticare lo yoga è sempre più una necessità. Ogni individuo dovrebbe praticare yoga per vivere e volere bene agli altri e a sé stesso.

Lo stato dovrebbe insegnare la scienza dello yoga per avere buoni cittadini. L'autorità sanitaria dovrebbe consigliare lo yoga per prevenire e ridurre i disturbi più comuni. L'introduzione dello Yoga nella scuola migliora l'educazione, l'armonia e concentrazione degli alunni. Portare lo Yoga nelle aziende e nelle fabbriche permetterebbe di ridurre lo stress.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/IuveEhcrZsQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 11/04/2021

Vivi ogni esperienza come se fosse sempre la prima

Lo yoga si trasmette attraverso i Maestri. Il sentiero dello Yoga sembra facile ma è difficile da attraversare. Non è necessario che noi sappiamo qualcosa ma è importante sapere dove noi siamo.

Incontriamo sempre dei problemi quando cerchiamo di superare le nostre difficoltà perché cerchiamo sempre di imitare gli altri. È meglio non imitare!

Noi inganniamo noi stessi pensando che gli altri sono migliori di noi, cercando di diventare gli altri.

Immaginando che essi siano migliori di noi ci creiamo dei problemi e difficoltà. Tutto quello che dobbiamo fare è essere consapevoli, così la felicità accadde. La consapevolezza non si riceve dall'insegnamento, dal condizionamento di qualcun altro. Settemplice affrontiamo senza desiderare.

Solo dalla prima esperienza deriva l'opportunità di essere come si è veramente. Questa è la prima lezione ed è anche l'ultima. Dopo l'inizio deve esserci la fine e dopo la fine deve esserci l'inizio. Ogni fine ed ogni inizio deve essere sempre come una prima esperienza. La prima lezione non è mai paragonabile. Essa sola ci può dare l'esperienza reale.

Ogni azione deve essere fatta come un'azione nuova che sempre rimane come la prima esperienza che porta sempre la gioia. Non ci annoiamo se facciamo sempre ogni azione come la prima esperienza, senza collegare con il passato e senza immaginare il futuro. Solamente apprezziamo il presente e partecipiamo pienamente al presente.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione quindi proteggiamoli e ringraziamoli.

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/9MaljxFyQl8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 10/04/2021

NON CERCATE LO YOGA, LO YOGA TROVERA' VOI

Quando ero giovane e decisi di andare via da casa, i primi giorni di questa esperienza furono per me come una prima lezione. Essi mi offrirono la prima esperienza di essere semplice.

Io non stavo cercando niente ma mi è servito del tempo per capire che si stava trattando dell'esperienza del non cercare.

A poco a poco stavo cadendo nel desiderabile, nella ricerca intellettuale. Dopo i primi giorni di questa esperienza, la mia mente iniziò a fare un gioco con me. Mi sono interessato allo Yoga e mi sono gettato completamente nello yoga, non per fare l'insegnante o l'allievo ma per Yoga come pratica.

Mi ero fatto un'idea della pratica dello yoga e mi aspettavo qualcosa. Sempre mi aspettavo qualcosa in più. Più studiavo più mi facevo delle opinioni circa lo yoga. Più la mia conoscenza cresceva più trovavo delle difficoltà. Dopo non molto tempo mi resi conto che stavo andando dalla parte delle difficoltà non dalla parte dello yoga. Sentivo solamente difficoltà e pesi. Tutte le mie intense e dure pratiche non mi aiutavano: lunghi digiuni, lunghe meditazioni, lunghi pellegrinaggi. Tutti i guru e Maestri mi davano solo la pesantezza ma niente mi dava la pace. Fortunatamente dopo 8 anni venne il tempo per fermare tutto: non più opinioni, non più aspettative e non più difese. Tornavo indietro al primo giorno, allo Yoga facile e abile. Decisi solo di sedermi e guardare negli occhi il mio maestro, ascoltando me stesso. Non c'era più né lui né io.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/ca3C5NjD9TE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 09/04/2021

Rinunicare al proprio Io è il più grande distacco

Stare in silenzio è la più grande saggezza,

La più grande ricchezza è essere soddisfati,

Purificare l'anima è la più grande purezza,

Controllare la mente è la più grande volontà,

Conoscere nulla è la più grande conoscenza,

Rinunciare al proprio IO è il più grande distacco.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione, una protezione e una nutrizione.

https://youtu.be/z-yR68JVbtU

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 08/04/2021

LA COSTITUZIONE VATA

Disturbi

Quando vata è disturbato si può avvertire dolore, rigidità, crampi, disturbi articolari, muscolari o tendinei( i cosiddetti reumatismi), produzione di tossine, sudore, costipazione e diarrea,disordini nervosi, dolore alla schiena, disordini mestruali, tensioni ,depressioni, stress, magrezza, problemi di cuore e dei polmoni, tutte le malattie psicosomatiche, disturbi alla gola e al capo, singhiozzo, asma, digestione difficile, malattie della vescica e dell'ano. I disturbi di vata causano la disidratazione e l'inaridimento del binomio corpo-mente .

Alimenti

Il dolce, l'aspro e il salato sono i gusti più adatti al tipo Vata. Non sono adatti quelli pungenti, astringenti ed amari. I cibi indicati per le costituzioni Vata sono quelli oleosi, caldi e ben cotti, umidi e ben conditi con dell'olio. Sono invece da evitare i cibi freddi.

Il tipo vata non dovrebbe mangiare troppo spesso gli stessi alimenti. Per lui è meglio variare con frequenza. Dalla sua dieta andrebbe eliminato il cibo secco .

Verdura: quella cotta è più adatta di quella cruda; sono indicate: patate, patate dolci, rape, cipolle, carote, asparagi, bietole, broccoli, finocchi ,cavoli rossi,peperoni, sedano, fagiolini.

I cereali vanno cucinati a lungo e correttamente con olio, burro o ghi per ammorbidirli.

Il pane: non deve essere lievitato perché questo sviluppa gas.

Frutta: sia per la frutta che per la verdura i gusti astringenti vanno eliminati. La frutta secca non è indicata. Sono particolarmente consigliati l'albicocca e il mango.

Carne: in generale è appropriata ma bisogna evitare quelli pesanti( maiale, manzo) e i molluschi. Sono indicati: pollo, tacchino, uova e pesce magro.

Alla carne e al pesce è bene aggiungere le spezie per favorire la digestione.

Uova: non vanno mangiate sode ma si possono assumere in tutti gli altri modi

In generale i vari tipi di frutta secca non sono appropriati perché troppo secchi, ma sono meglio tollerate se mangiati bagnati, ammorbiditi senza la loro buccia.

I latticini sono tutti appropriati.

Spezie consigliate: aglio, zenzero,cumino,curcuma, pepe, cardamomo, cannella, chiodi di garofano e odori aromatici caldi.

Vizi: il caffè, lo zucchero, il tabacco, la droga, gli alcolici, la birra vanno evitati. Il vino è tollerato in quantità molto moderate, diluito con acqua per ammorbidire le sue proprietà disidratante.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/jiNAIaal4sA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 07/04/2021

LA FILOSOFIA SIGNIFICA AMARE LA SAPIENZA

I grandi saggi dell'India hanno lasciato una grande prosperità al mondo: la filosofia. In Occidente la filosofia è vista come un insieme dei pensieri intellettuali mentre in India la filosofia è la vita stessa, coinvolta insieme alla religione, cultura e le attività della vita quotidiana. Insegna a pensare e a vivere bene.

La scienza moderna insegna i sistemi migliori per utilizzare gli oggetti del mondo, per la comodità e lo sviluppo dell'uomo. Gli antichi saggi invece pensavano che c'era qualcosa che agiva dietro tutto il mondo e si ponevano domande come:
Chi sono IO?
Chi è l'uomo?
Cos'è l'anima?
Cos'è il mondo?
Tutto questo da dove viene?
Dove e come finisce il mondo?

Hanno anche capito come rispondere a queste domande e quali strumenti utilizzare.

I sensi e l'intelletto sono affidabili?Quando ci possono essere utili questi strumenti?

Tutti dobbiamo avere una chiarezza sul senso della nostra vita e sulla strada da percorrere. Percorrendo questa strada utilizzeremo l'intelletto, i sensi, le emozioni. Tuttavia ad un certo punto sorgerà solo la necessità di meditare, perdere tutte le qualità per mantenere la pace e la beatitudine.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/UrBMzTnOmhw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 
 
“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 06/04/2021
 
SONO PUREZZA SENZA TESTA NÉ COPERTA
(CIOÈ SENZA EGO E SENZA IGNORANZA)
 
Sono nato dal Nulla, oggi mi chiamo purezza. Attendo mentre il tempo scorre, voglio liberarmi, non mi stancherò. 
Ecco, lo faccio; con la compassione tolgo questa grande coperta nera che si chiama odio.
C'è ancora una grande coperta! È bellissima, è di seta di colore rosso e si chiama desiderio. Con fatica tolgo anche questa ma scopro di averne ancora tante. Una dopo l'altra continuo a toglierle, mai però finiscono. 
Allora negando i miei desideri scelgo di seguire solo i miei doveri con piacere. 
Così scopro di non avere più nessuna coperta rossa che mi copre. 
Oh, ho addosso una coperta verde e pesante che si chiama attaccamento. Con facilità riesco a toglierla grazie al distacco.
Ma ecco, compare la coperta gialla! È la rabbia!La butto via con la mia tranquillità.
Non è finita, ancora coperte!Questa è sporca di colore blu scuro, si chiama dubbio. Velocemente la sfilo grazie alla mia stabilità. 
 È la volta della coperta leggera, di colore viola, che si chiama ignoranza. Scompare con la saggezza. 
Adesso mi sembra di essere coperto di bianco: SONO IO! Senza la testa e nessuna coperta. 
Infine tolgo me stesso: LA PUREZZA
 
Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 https://youtu.be/zNarl3KyVHI
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 05/04/2021

Gesù, il grande modello.

Egli spiegò la vera natura di Dio, dell'uomo e del mondo in cui viviamo. Insegnò alla gente di cambiare il modo di vedere le cose. Disse loro che se avessero cambiato il loro punto di vista sulla vita, dall'aspetto materialistico a quello spirituale, avrebbero capito che il mondo in cui vivevano era il mondo del Signore.

La teologia di Gesù crede nella paternità del Padre e nella fratellanza degli uomini. Nel Divino ci sono tre persone(la Trinità del Cristianesimo): Padre, Figlio e Spirito Santo.

Tutti gli uomini sono fratelli, poiché sono membri della famiglia di Dio.

Se l'insegnamento di Cristo venisse applicato non ci sarebbero guerre. Questa è la sostanza del Sermone della Montagna:

“Beati i poveri di spirito perché a loro appartiene il Regno dei Cielo. Beati gli afflitti perché saranno consolati. Beati i miti perché erediteranno la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perché saranno saziati. Beati i misericordiosi perché ritroveranno misericordia. Beati i Puri di Cuore perché vedranno Dio. Beati gli operatori di Pace perché saranno chiamati figli di Dio.”

Per vivere nella beatitudine bisogna perdere il nostro Io dove nasce l'ignoranza. Stiamo in silenzio per sentire la beatitudine. Il Silenzio distrugge l'Ego e l'Io.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/jwpEWh5sIuE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 04/04/2021

NEL GIORNO DI PASQUA UNA PARTE LASCIALA ANDARE E UNA PARTE FALLA RINASCERE.

La vita di Gesù mostra un eroismo silenzioso eppure supremo davanti all'opposizione, persecuzione e incomprensione. Fu anche un esempio di come un ricercatore spirituale rifiuta la tentazioni. Molto prima del dramma visibile della crocifissione Gesù aveva già crocifisso se stesso annullando il Sè inferiore e conducendo una vita divina.

Gesù era Dio in persona, le scritture ce lo ricordano continuamente. Allora perché ha dovuto affrontare così tante sofferenze?

Non avrebbe potuto travolgere i suoi nemici con un semplice esercizio di volontà divina?

Si, ma essendo la suprema incarnazione dell'Amore ma desiderava che la sua stessa vita diventasse un esempio da emulare. Per questo si comportò come un essere umano qualsiasi. Facendo ciò ha dimostrato pienamente con la sua vita, breve ma piena di eventi, gli insegnamenti che diede sulla Montagna.

Se avessimo la possibilità di chiedere a Gesù: “Perché hai sofferto?”

Lui risponderebbe: “Niente”

Questa è una parola che dovremmo ripetere come un mantra perché nasce nella profondità della mente. Quando ci chiediamo: “Perché sto vivendo questa difficoltà, problema?”

Dovresti rispondere con la parola “niente” che vuol dire che non è importante, non esiste davvero.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione Il Maestro

https://youtu.be/z91RjVOenw4
Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 03/04/2021

Come l'uomo così il cielo

Quando si tocca il polso di tipo Vata lo si percepisce con facilità: è freddo, liscio, leggero, veloce e irregolare come un serpente. La frequenza del polso supera gli 80 battiti al minuto ed è percepibile, in modo particolare, mediante il dito indice. Le sedi di Vata sono: la cavità cranica in relazione al sistema nervoso, la cavità della gola in connessione con le corde vocali e l'inspirazione, la cavità toracica in riferimento al battito cardiaco, la circolazione e l'espirazione, la cavità addominale in riferimento al trasporto e assorbimento dei cibi e la cavità pelvica in relazione all'espulsione delle feci, gas, urina, sperma, del feto e sangue mestruale.

All'interno del corpo Vata si occupa del movimento, del capo, braccia, gambe, delle mani, piedi e i movimenti di chiusura ed apertura degli occhi, il trasporto dei fluidi, del sangue e del sudore. L'eccesso di Vata è immagazzinata sotto forma di gas nel colon e si manifesta in disfunzioni a carico dell'intestino grasso, nella regione pelvica ed anche nelle articolazioni, ossa e pelle.

La medicina Ayurvedica correge l'eccesso di Vata con il clistere, la tisana Niragada, il massaggio e la dieta. La dominanza di Vata si verifica particolarmente durante la stagione fredda e secca e nell'arco della giornata tra le 14.00 e le 18.00 e di notte tra le 2.00 e le 6.00.

Come il cielo così Vayu, come Vayu così il fuoco, come il fuoco così l'acqua, come l'acqua così la terra, come la terra così l'uomo, come l'uomo così il cielo.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/QZBqcUZN9lw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 02/04/2021

Vata viaggia verso il passato e futuro e perde di vista il presente

Nel campo emozionale Vata governa l'espressione della paura, del coraggio, ansia, contentezza, del nervosismo, calma, dolore e piacere, del rilassamento e l'attenzione. Le persone di tipo vata sono timorose, preoccupate ed ansiose. Vata è intelligente, piacevole e saggia. Ama il caldo e i cambiamenti. Parla molto e ha la voce esterna con note basse. Dorme poco e male, sogna molto, mangia male. Si lamenta tanto, capisce subito e dimentica in fretta. E molto sensibile, difficile da soddisfare, ama fare l'amore con persone diverse e diverse tecniche, reagisce in fretta.

Talvolta ama la solitudine, talvolta ama circondarsi di gente. Fa amicizia ma di breve durata. Vive con distacco. E dinamica con la mente e il corpo. E poco concentrata, porta raramente a termine i suoi progetti. Per questa tipologia di individuo il denaro significa spendere. Ricerca lo sviluppo spirituale.

Vata viaggia facilmente verso passato e futuro e così perde il presente. Ha aspettative verso il futuro e preoccupazione verso il passato. Vata deve imparare ad apprezzare pienamente il presente. Vivendo pienamente nel presente allora il passato ed il futuro si uniscono nel presente.

Ogni momento del passato, ogni momento del futuro diventa ogni momento del presente così Vata finalmente si ferma e non si muove più.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/gdTuo2J-_-Y

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 01/04/2021

Il cacciatore a mani vuote

Le molecole Vata sono leggere e mobili e si spostano in tutte le direzioni espandendosi in maniera veloce per tutto il corpo. Ma l'azione di Vata è come il vento cioè intermittente. Vata è fredda in natura. A causa della sua natura minuta non può essere visualizzata in alcuna forma del corpo ma la sua presenza può essere provata dalle sue azioni.

Nel campo mentale Vata governa la coscienza. Le persone di tipo Vata spendono grandi energie con la mente, sono grandi pensatori, hanno molta immaginazione, grandi viaggiatori, idealisti, teorici e filosofici. Prediligono sempre le cose nuove ma accettano anche quelle vecchie purché vengano presentate in modi differenti.

C'era una volta un cacciatore, costituzione Vata, che prese un coniglio. Il coniglio disse al cacciatore:

“Se mi liberi io ti darò un ottimo consiglio”

Il cacciatore perse per un attimo la sua stabilità e spinto dalla curiosità rilasciò il coniglio.

Il coniglio disse:

“Chiudi gli occhi e ascolta. Tu sei un uomo che non è capace di apprezzare quello che già ha in mano.”

Immediatamente il coniglio scappò e il cacciatore rimase preoccupato. Il cacciatore tornò a casa a mani vuote!

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/fbnU_Zg847o

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 31/03/2021

Vata crea così come distrugge 

La donna Vata ha mestruazioni irregolari. Il ciclo tende a durare più di un mese. Ha il sangue denso, scuro con grumi. Soffre di crampi e forti dolori che si possono alleviare applicando impacchi caldi di crusca di riso.

Ama molto l'attività sessuale ma più da un punto di vista mentale che fisico. Ha desideri sessuali diversi. Quando ha un interesse si lascia travolgere intensamente. Il tipo Vata tende a disperdere l'energia potenziale perché non è in grado di immagazzinarla come il tipo Kapa.

Dorme poco e male, le riesce difficile addormentarsi. Durante il sonno tende a svegliarsi ripetutamente. La qualità del sonno varia a causa delle irregolarità. Una volta dorme molto profondamente, talvolta soffre d'insonnia. Digrigna i denti quando dorme e si sente nervoso dopo essersi alzato. Il massaggio alla schiena aiuta in caso d'insonnia. Sogna molto ma dimentica tutto. I suoi sogni sono movimentati e attivi. Sogna di volare o la guerra, tutte situazioni in movimento.

Il tipo vata possiede un ottimo udito, parla tanto e velocemente, con voce bassa ed esterna, con chiunque e di tutto, cose importanti oppure no, solo per il gusto di parlare. Quando le persone di tipo vata si incontrano possono parlare ore e ore senza stancarsi. Il tipo vata è caratterizzato da una debole forza fisica ma ama l'eccesso d'attività. Per lui più è e meglio, quindi dopo si sente stanco, nervoso ed affamato.

Camminiamo insieme e proteggiamo l'un l'altro con amore e pace. Il cielo e la terra sono una protezione ed una nutrizione quindi proteggiamoli.

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/fbnU_Zg847o

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 30/03/2021

Dio è il totale di TUTTO, l'energia divina.

L'uomo è una piccola parte di Dio ma l'uomo ha bisogno della totalità.
L'energia umana si deve unire con l'energia divina.
L'uomo possiede l'energia divina dentro di sé.
L'uomo può essere trasformato come un pezzo di ferro quando strofinandolo diventa una carica magnetica.
La mente si occupa di soddisfare pensieri e desideri a seconda della qualità del subconscio.
Quando recitiamo i mantra con fede questi vengono trasformati e registrati nel subconscio.
Così, l'uomo si prepara ad innalzarsi verso le qualità divine. Recitare i mantra è uno strumento per arrestare il flusso dei pensieri della mente. Il suono del mantra si trasforma in energia divina e si deposita nel subconscio. Ė importante scegliere il mantra corretto secondo il bisogno di ciascuno e recitarlo con devozione e sincerità.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

https://youtu.be/AfcFc2TBG90

Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 29/03/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

 https://youtu.be/TLtnZqU_McM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 28/03/2021

La costituzione Vata

I capelli ed i baffi sono secchi, ruvidi, ricci ed ondulati, si spezzano facilmente, sono “scuri”, opachi e lunghi. Le unghie sono irregolari, si spezzano senza sforzo, sono ruvide e di colore “scuro”. Gli occhi sono piccoli, secchi, incavati, profondi, senza luminosità, “scuri” o “grigi” come gli occhi degli elefanti. La bocca, le labbra, la lingua e i denti non sono ben armonizzati a causa delle irregolarità di Vata. Le labbra sono secche e screpolate, grandi o piccole, lunghe e strette. I denti sono irregolari, grandi e piccoli e molto sensibili al freddo, ai gusti dolci ed aspri. La lingua è sottile, tendente al grigio o al rosa, nelle persone sane è particolarmente sensibile ai gusti astringenti e amari. Quando le tossine si accumulano sulla lingua dove si forma uno strato di colore grigio-rosa.

Il tipo Vata ha un appetito variabile e si nutre in maniera irregolare: un giorno ha molta fame e altri giorni non si sente di mangiare. Normalmente sembra avere un grande appetito, desidera trovare tanti diversi piatti sulla tavola ma dopo avere mangiato un po non è interessato a continuare. Non gradisce il digiuno, perché non risparmia energia come il tipo Kapa. Le persone di tipo Vata sono grandi mangiatori “con gli occhi”.

Il tipo Vata presenta una digestione ed un'evacuazione irregolare e controproducente. Soffrirà sempre di costipazione, crampi e flatulenza. Per aiutarsi deve mangiare regolarmente e, quando costipato, è necessario che assuma un forte lassativo.

Nell'ayurveda i capelli rappresentano il nostro cervello quindi bisogna prestare particolare attenzione alla loro cura. Si può curare la mente curando i capelli applicando oli specifici ayurvedici sulla testa. In questo modo proteggiamo la mente

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

https://youtu.be/bTet_J8fmV8
Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 27/03/2021

EVITATE I PERICOLI E DIVENTATE NULLA

Il tipo Vata presenta una struttura fisica anormale. Le ossa possono essere piccole o grandi, le giunture spesso sono rumorose e leggere. Troppo alto, magro o basso, flessibile o rigido. Ha le spalle e il bacino stretto, le braccia e le gambe troppo lunghe o corte. Cammina in modo irregolare e veloce. Molte strutture scheletriche anormali, come la scoliosi, sono conseguenze di Vata.

Gli organi sessuali sono piccoli e ampi, scuri, secchi: il pube è incurvato verso l'esterno come il dorso della tartaruga.

La pelle tende alla formazione di rughe ed è secca, ruvida e fredda: può presentarsi in alcune zone morbida e oleosa secondo le variabili qualità di Vata. Il colore della cute è definibile come “scuro” non nel senso della carnagione, ma come riflesso sul corpo delle preoccupazioni della mente: questo concetto si applica anche a capelli, occhi, baffi e unghie. Vata tollera il calore e assorbe poca energia dal sole.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace.

La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

https://youtu.be/bChyhAqjt8Y

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 26/03/2021

Vata muove tutto.... ma voi provate vivere un giorno senza fare niente......

Vata governa il sistema nervoso centrale, il cuore, i polmoni, il colon e controlla movimenti vitali come la circolazione, la respirazione, la riproduzione e l'evacuazione delle impurità e delle secrezioni. È responsabile di tutti i movimenti di contrazione ed espansione del corpo, del trasporto da un punto all'altro dell'organismo delle forme di Pita e Kapa, del sistema nervoso e del funzionamento dei cinque sensi. Tutti i movimenti biologici dipendono da Vata, che è responsabile anche della crescita e della morte.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace.

La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

https://youtu.be/z9w5yV_lsQ0


Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 25/03/2021

La forza sottile è in silenzio......

I sensi dell'Udito e del Tatto, assieme con i loro organi, originano da Vata.

Quest'ultimo Dosha controlla i movimenti delle molecole, le cellule ed anche il corpo, ed è così responsabile dell'organizzazione di tutti i tessuti.

Inoltre, unendo le molecole di Kapa e le cellule, aiuta la formazione e la rigenerazione dei tessuti.

Vata conferisce forma e struttura all'embrione.

Vata esercita un effetto disidratante sul corpo e sui dosha Kapa e Pita.

Stimolando il movimento e l'attività, Vata aumenta il catabolismo dell'organismo.

Controllando la velocità dell'azione, Vata controlla i processi metabolici del corpo.

Tra i tre Dosha, Vata ne è il coordinatore, e controlla anche i movimenti e le azioni di Pita e Kapa, tenendo sotto controllo tutti i tessuti ed i prodotti di rifiuto del corpo.

Vata è responsabile dell'origine, del mantenimento e della distruzione della vita: la forza, l'integrità e la vita stessa dipendono da Vata.

Il sistema nervoso è in relazione con le funzioni di Vata. Vata controlla le azioni del lobo prefrontale, la corteccia motoria ed il midollo spinale, ed è responsabile della coordinazione dei movimenti.

Vata presiede alla conduzione di tutti gli impulsi motori e mantiene l'efficienza degli organi di senso.

Vata controlla il linguaggio e le aree ad esso preposte. Controlla anche l'apparato respiratorio e i movimenti connessi alla respirazione. La sua attività si realizza in relazione alla mente e l'intelletto: è il controllore dei processi mentali e sovrintendente al normale lavoro intellettuale.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione

Il Maestro

https://youtu.be/4WpOIO9GAMo

Aom Shanti Shanti Shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 24/03/2021

LO SPAZIO NON AGISCE

"Che cos'è la costituzione Vata?", dal libro Curarsi con l'Ayurveda di Swami Joythimayananda

Vata domina Pita e Kapa, come il vento domina il movimento delle nuvole. Vata è responsabile di ogni trasformazione: nascita, crescita e morte. La sua azione è il movimento. Vata ha origine dal Prana e corrisponde al corpo causale che non si può sentire, vedere e toccare.
I suoi elementi sono etere e aria. L'etere è inerte e lo spazio è vuoto e permette all'aria di muoversi liberamente. Mentre l'aria si muove continuamente lo spazio non agisce.  Gli elementi e l'aria sono in accordo tra loro. Il suo Kosha(involucro) è Ananda(beatitudine) e Manas(mente)
Caratteristiche di Vata sono: fluidità, instabilità, movimento, espansione, leggerezza, mancanza di sapore, odore e calore. La sua origine è il Prana. Il suo potere è il movimento.
Nella cultura vedica Vata viene associato alla divinità chiamata Vayu, che rappresenta la forza del vento.

Camminiamo insieme verso la Verità con amore e pace. La terra e il cielo sono una benedizione e una nutrizione, rispetiamoli!

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/BwOV3ciG2uE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 23/03/2021

Camminiamo dal corpo verso l'anima

Ogni azione ha la sua causa, ogni cosa ha la sua origine. Se il tuo scopo è mirato verso la tua origine allora non troverai più disaggio, vedrai il bene nel male, non farai male agli altri e neanche a te stesso. Comprenderai che le cose seguono il loro corso.

Se non hai uno scopo mirato all'origine allora sicuramente sorgeranno dubbi e difficoltà, per questo è importante avere una visione profonda e ampia.

Se non si ha uno scopo chiaro non si sa bene neanche cosa fare. Tuttavia si possono fare le cose in modo giusto se si mette in pratica le regola di non fare male agli altri e a sé stessi.

La nostra origine è il vuoto. Il nostro corpo ha delle qualità che, con il tempo, devo riuscire a sciogliere nello spazio, nella verità, nella pace, nella beatitudine. Per fare questo bisogna avere una buona conoscenza e comprensione, attenendosi prima di tutto al principio di non fare male agli altri e a sé stessi. Tutto questo ci porta ad avere una buona coscienza, sviluppando un sorriso di beatitudine,pace e verità. Questa coscienza apre la strada verso la vastità dove si trova la nostra origine.

UNO in TUTTO senza qualità, cioè il raggiungimento dello stato di YOGA.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/eXG1fpZp6-0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 22/03/2021

COME BRUCIARE IL KARMA?

Ogni azione ha la sua causa, ogni cosa ha la sua origine. Se il tuo scopo è mirato verso la tua origine allora non troverai più disaggio, vedrai il bene nel male, non farai male agli altri e neanche a te stesso. Comprenderai che le cose seguono il loro corso.

Se non hai uno scopo mirato all'origine allora sicuramente sorgeranno dubbi e difficoltà, per questo è importante avere una visione profonda e ampia.

Se non si ha uno scopo chiaro non si sa bene neanche cosa fare. Tuttavia si possono fare le cose in modo giusto se si mette in pratica le regola di non fare male agli altri e a sé stessi.

Inoltre, è importante avere una guida spirituale e seguirla costantemente con sincerità e lealtà. È importante educare lo spirito per trascendere le qualità della mente, dal basso verso l'alto, dal pesante al leggero.

La mente ha cinque qualità. Una mente distratta cioè i pensieri nascono senza una relazione. Poi abbiamo la mente confusa che non riconosce molte cose. La mente instabile fa fatica a fissare le idee. La mente concentrata agisce concretamente e con decisione. E poi c'è la mente controllata che ha il perfetto controllo dei pensieri verso l'Assoluto, come i Saggi.

La mente è uno strumento che va utilizzato saggiamente. Come la candela che dà la luce, dopo avere dato la luce alla fine si esaurisce, allo stesso modo la mente deve darci la luce. E dopo averci dato la luce alla fine deve anche sparire come una candela. La mente che porta luce brucia e fa sparire il Karma.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/-fr737Ud2Zo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 21/03/2021

PRIMAVERA È VOGLIA DI VIVERE

Vivere nel presente significa vivere in una dimensione dove non esistono più le regole della vita reale: non c'è ieri né domani. Nella realtà la vita fluisce nel tempo. La legge del tempo è nascere, crescere, invecchiare e morire. Se viviamo al cento per cento nel presente la vita sarà piena. Se vivrete nel passato o nel futuro allora perderete la vitalità spezzando la vita in tre parti e in tre tempi diversi.

I pensieri del passato sono una ripetizione del vissuto mentre i pensieri del futuro sono un sogno. Le illusioni del tempo rubano la vitalità essenziale per vivere nel presente. Vivere nel tempo reale significa ESSERE per manifestarsi. Lo scopo della vita spirituale è vivere ma non manifestare, quindi vivere senza il tempo. Vivere nel presente dà la percezione dell'Assoluto.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/Cvl83D_755I

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 20/03/2021

UN VASO DI FIORI DIVERSI MA UNITI

Sono tornato. C'è una grande pace dentro di me. Io non cerco la verità e neanche me stesso. Io sono come sono e voglio essere come sono. La mia presenza è amore, pace, intelligenza, forza....

Sto sempre vicino a voi. Vi guiderò nella pratica spirituale e nella crescita personale. Vi indicherò le vie per uscire dalle difficoltà che incontrerete. La mia intenzione è quella di unire voi con me. Il mio impegno è la vostra volontà.

Lo so, siete diversi. Ognuno di voi fa le cose nel modo migliore e non per essere migliore di un altro. La diversità diventa bellezza ammirabile quando unisce. Come un vaso con tanti diversi fiori. Accettate le diversità, collaborate con il cuore e provate divertimento; sentirete serena pienezza. Liberate il cuore dall'odio, dalla rabbia, dalla gelosia e dal possesso......

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/KY1bp3lebUE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 19/02/2021

LE REGOLE NON CI DEVONO SPAVENTARE

Vorrei fare qualche raccomandazione riguardo a ciò che non deve essere fatto prima della pratica Yoga. Prima di tutto è necessario avere lo stomaco vuoto perché è dannoso praticare senza avere digerito completamente. Poi vanno assolutamente evitati gli alcolici perché l'alcol altera il tessuto nervoso. Qualche volta mi è capitato di vedere i miei allievi che, dopo avere finito di lavorare, prima della lezione yoga, si fermavano a prendere un appetitivo. Ma questo non è un comportamento consigliabile. Evitate anche bevande stimolanti quali caffè o tè. È importante avere la mente libera da preoccupazioni.

Se ci capita di essere agitati oppure in preda alla rabbia è necessario calmarci prima di iniziare la pratica. Lo yoga non deve essere inteso come un metodo di rilassamento e il nostro scopo di praticanti non deve essere solo quello di rilassarci. Il nostro vero scopo deve essere quello di progredire, di andare avanti.

Nella pratica spirituale abbiamo tante regole, pratichiamo la disciplina e il controllo. Senza regole non possiamo fare progresso, Se desideriamo vivere una vita ideale, con uno scopo supremo, elevato, in pace allora dobbiamo avere delle regole da seguire. Tutte le regole vanno applicate nella pratica Yoga ma anche nella vita quotidiana, in ogni situazione, momento.

Camminiamo insieme verso la verità e le regole.

Il Maestro

Aom shanti shanti shanti

https://youtu.be/sv-SqvPTILo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/03/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/dpAwc6q6Hi8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 17/03/2021

COSA FACCIAMO PER ESSERE IN PACE?

Lo Yoga ha una parte importante nello sviluppo della consapevolezza del proprio corpo. Ciò si ottiene, in un primo momento, attraverso un rilassamento profondo. Questa prima fase può essere intesa come un rilasciare o disfare ogni tensione muscolare cercando di diventare presenti anche alle tensioni inconsce del corpo. Queste tensioni nascono, il più delle volte, da un vissuto psicologico legato all'infanzia e, a volte, anche alla vita intrauterina oppure al DNA, legato all'ereditarietà. Secondo il linguaggio propriamente yogico anche le asana portano al rilassamento e la consapevolezza del corpo e anche imparando a respirare correttamente attraverso pranayama, cioè il controllo e l'espansione del respiro.

Tutto ciò porterà a controllare e padroneggiare le energie sottili.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/6axI5xbv1CY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

  La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 16/03/2021

 
COME TRASFORAMARE LA PAUSA PRANZO 
 
Solitamente usiamo la pausa pranzo per mangiare, chiacchierare oppure bere un caffè. 
Perché qualche volta non provate a fare come me?
Spesso nell'ora dell'intervallo mi metto a leggere un libro. Fare digiuni ogni tanto fa bene. Lego qualche pagina e poi mi lascio andare verso il vuoto mentale. Questa pratica mi dà una carica energetica meglio di qualsiasi pranzo. 
Non sono necessari particolari studi per arrivare allo stato di vuoto mentale. Si può iniziare fissando una parola oppure concentrarsi sul respiro. Poi, lasciarsi andare completamente rilassati aperti a tutto quello che succede. Si possono avere esperienze difficilmente descrivibili, molto diverse ma, sempre e comunque, positive. Cinque o dieci minuti in questo stato rigenerano le nostre cellule come una notte di sonno. 
Questo è solo un esempio. Basta usare un po di fantasia. Se ci abituiamo tutti i giorni a fare qualcosa, ben presto, non saremo noi a scegliere lo Yoga ma sarà lo Yoga a prenderci diventando parte della nostra vita. 
 
Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti

 https://youtu.be/0JARYW9w5S8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 15/03/2021

PERCHÉ ESISTE LA SOFFERENZA?

La risposta sta in chi soffre. Basta capire la legge della causa e dell'effetto. La sofferenza è una reazione dell'azione. La ferita della vita è già stata causata. Può essere successo adesso o anni fa. Oppure anche durante una vita precedente, si chiama Karma. Capire questo aiuta a tollerare la sofferenza. La sofferenza rappresenta la verità che sempre persiste.

Non è molto utile capire la causa della sofferenza. Si possono trovare le cause ma essa ci sarà ancora. È importante, invece, capire la realtà della sofferenza: ogni azione ha la sua reazione.

In passato ho compito azioni il cui risultato si vede adesso. E ciò è giusto. Ora pratico la tolleranza e di fare le cose corrette e belle.

Penserò alle cose belle e farò le cose con tranquillità e distacco. Solo il distacco potrà allontanare l'effetto del Karma. L'egoismo duplicherà la pesantezza del karma. Le azioni altruistiche, invece, la ridurranno.

Lascia che siano gli altri a pensare per te. Tu invece pensa al bene degli altri!

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/BZcInYD5VE4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 14/03/202

 

TUTTO È NUOVO!

Dobbiamo riuscire a vedere ogni nostra azione come una cosa nuova. Questo è il nostro compito: trovare ciò che è nuovo. E per trovare il nuovo, cosa dobbiamo fare?

Dobbiamo distruggere.

E cosa dobbiamo distruggere?

Il nostro ego, l'ignoranza, l'avidità, i desideri. Se distruggiamo troviamo il nuovo perché è attraverso la distruzione che nasce il nuovo.

E come possiamo cambiare mentalità?

Perdendo noi stessi, l'egoismo, l'individualismo. Se perdiamo noi stessi, distruggiamo e rinasciamo nuovi.

La verità è un po dura da raggiungere a volte!

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/kc7ccgzw_wI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 13/03/2021

VOLETE VIVERE MEGLIO?

Il momento presente è come il nostro piatto dove ci può essere pane o pasta, dolce o salato, tutto o niente. Se pensate o guardate il piatto degli altri, il vostro non avrà più gusto.

Chiedersi: perché a me un piatto di pane e a lui un piatto di dolce?

La risposta è che ognuno ha il suo Karma. Il mio piatto è sempre e comunque buono perché io riesco ad apprezzarlo.

La buona qualità della vita dipende da come si vive non da cosa si ha. Meno si ha meglio si vive. Poche cose si gustano di più. Per non soffrire è meglio avere niente.

Se vivrete sempre al momento vedrete sempre la novità e l'apprezzerete con ironia. Anche nelle cose che ripetono sempre uguali c'è il nuovo. Bisogna cercarlo e trovarlo. Così, si mantiene serenità e salute.

Meno è meglio! Nella via spirituale meno abbiamo più cresciamo. La crescita dipende dalla riduzione. Alla fine si arriva a Uno come Tutto e si raggiunge la pace. Quindi impariamo ad apprezzare la riduzione, sempre guardare solo sé stessi e non fare paragoni con gli altri.

Ognuno ha il suo compito, suo posto e luogo. Ognuno ha il suo karma ma piano piano tutti debbiamo andare verso la via della riduzione. Dobbiamo sviluppare la coscienza della via della riduzione che porta la pace, la gioia, la felicità e la stabilità.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/L_pa0nGmY00

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-durante la Puja del 12/03/2021
COME RITROVARE L'IRONIA
 
È lunedì sera e dopo una lunga giornata sto ancora lavorando al mio computer. Arriva una telefonata.  La voce che parla è triste.  Ascolto: noia, solitudine, stanchezza e stress. Manca l'ironia.  
 
Come ritrovarla?
Vedendo in ogni difficoltà la novità. Affrontando le difficoltà senza il peso della responsabilità.  Prendendo i problemi con ironia. La novità è bella, completa  e pura. L'onda del mare torna sempre al mare. Il giorno torna ancora con un nuovo giorno.  La novità è in ogni momento.
 
Camminiamo insieme verso la Verità!
 
Il Maestro 
 
Aom Shanti Shanti Shanti
https://youtu.be/JQREIfgTKRg
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 
“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 11/03/2021
 
SONO PUREZZA SENZA TESTA NÉ COPERTA
(CIOÈ SENZA EGO E SENZA IGNORANZA)
 
Sono nato dal Nulla, oggi mi chiamo purezza. Attendo mentre il tempo scorre, voglio liberarmi, non mi stancherò. 
Ecco, lo faccio; con la compassione tolgo questa grande coperta nera che si chiama odio.
C'è ancora una grande coperta! È bellissima, è di seta di colore rosso e si chiama desiderio. Con fatica tolgo anche questa ma scopro di averne ancora tante. Una dopo l'altra continuo a toglierle, mai però finiscono. 
Allora negando i miei desideri scelgo di seguire solo i miei doveri con piacere. 
Così scopro di non avere più nessuna coperta rossa che mi copre. 
Oh, ho addosso una coperta verde e pesante che si chiama attaccamento. Con facilità riesco a toglierla grazie al distacco.
Ma ecco, compare la coperta gialla! È la rabbia!La butto via con la mia tranquillità.
Non è finita, ancora coperte!Questa è sporca di colore blu scuro, si chiama dubbio. Velocemente la sfilo grazie alla mia stabilità. 
 È la volta della coperta leggera, di colore viola, che si chiama ignoranza. Scompare con la saggezza. 
Adesso mi sembra di essere coperto di bianco: SONO IO! Senza la testa e nessuna coperta. 
Infine tolgo me stesso: LA PUREZZA
 
Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
https://youtu.be/MMQwH-O_qaQ
 
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 10/03/2021

INSEGNAMI A MEDITARE

C'era una volta un allievo che chiese al Maestro di insegnargli a meditare. Il Maestro rispose:”Aspetta”.
L'allievo aspettò un'ora poi disse al Maestro che aveva un impegno quindi doveva andare via. Il Maestro rispose: “Torna senza impegni”.
L'allievo tornò un altro giorno e chiese al Maestro di nuovo di insegnargli a meditare. Il Maestro gli chiese di nuovo di aspettare. L'allievo aspettò tutto il giorno quindi andò dal Maestro a dirgli che doveva tornare a casa. Il Maestro rispose: “Vieni un altro giorno senza impegni”.
L'allievo tornò con fiori e frutta per il Maestro e nuovamente chiese di imparare a meditare. Il Maestro rispose come al solito. L'allievo aiutò il Maestro nei piccoli lavori domestici. Ma lui non gli insegnò niente. Dopo una settimana dovette lasciare la casa del Maestro, che nel vederlo andare via gli disse di tornare senza impegni.
L'allievo tornò con regali e non chiese nulla. Osservò il Maestro durante i giorni, imparò dal suo esempio, partecipò ai lavori quotidiani durante la giornata. Il Maestro lo vide seduto in silenzio, gli andò vicino e gli chiese:”Possiamo iniziare la lezione?”
L'allievo non rispose perché stava già meditando. Allora il Maestro gli disse che la lezione era finita.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/NKkTGNV6SFs

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 09/03/2021

 TORNA A CASA

Nel silenzio sto meditando,
Sento il suono del nulla,
Alzo gli occhi e sto meditando.
Il cielo dice: resta sulla terra!
Abbasso gli occhi: sto meditando.
Attraverso un lungo cammino buio.
La terra dice: guarda il cielo!
Chiudo gli occhi: sto meditando
Sento la voce del vuoto: torna a casa!
I sogni svaniscono, l'anima resta cosciente, i piedi fermi sulla terra.
Sorge la stella della speranza. C'è il cielo, c'è la luce
Gli occhi sorridono, né nuvole, né buio
Il cerchio ruota
È la purezza, il Nulla.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/_AOcaCjspMg

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda" - Satsang del 08/03/2021

PERCHE' FACCIAMO UN SALUTO?

Con le mani giunte vicino al cuore salutiamo gli amici e significa che salutiamo con il cuore e amore(soprattutto i due pollici devono toccare il cuore). Il cuore è considerato la sede dell'anima.
Con le mani giunte sulla fronte salutiamo il Maestro, vuol dire che salutiamo con rispetto e chiarezza. È simbolo anche dell'illuminazione.
Con le mani giunte sopra la testa salutiamo Dio,significa che ci arrendiamo completamente.
All'inizio di ogni attività con le mani giunte e protese in avanti, salutiamo la Terra chiedendole il permesso per le nostre azioni. Giunti alla fine di ogni attività salutiamo e ringraziamo Madre Terra.

Il cielo simboleggia Dio, la canale è il Maestro che manteniamo nel cuore.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore, rispetto e pace!

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/hNH-MCPgS_k

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 07/03/2021

LA FILOSOFIA SIGNIFICA AMARE LA SAPIENZA.

I grandi saggi dell'India hanno lasciato una grande prosperità al mondo: la filosofia. In Occidente la filosofia è vista come un insieme dei pensieri intellettuali mentre in India la filosofia è la vita stessa, coinvolta insieme alla religione, cultura e le attività della vita quotidiana. Insegna a pensare e a vivere bene.

La scienza moderna insegna i sistemi migliori per utilizzare gli oggetti del mondo, per la comodità e lo sviluppo dell'uomo. Gli antichi saggi invece pensavano che c'era qualcosa che agiva dietro tutto il mondo e si ponevano domande come:
Chi sono IO?
Chi è l'uomo?
Cos'è l'anima?
Cos'è il mondo?
Tutto questo da dove viene?
Dove e come finisce il mondo?

Hanno anche capito come rispondere a queste domande e quali strumenti utilizzare.

I sensi e l'intelletto sono affidabili?Quando ci possono essere utili questi strumenti?

Tutti dobbiamo avere una chiarezza sul senso della nostra vita e sulla strada da percorrere. Percorrendo questa strada utilizzeremo l'intelletto, i sensi, le emozioni. Tuttavia ad un certo punto sorgerà solo la necessità di meditare, perdere tutte le qualità per mantenere la pace e la beatitudine.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/QrK73WMSd7c

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- durante la Puja del 06/03/2021

COME PREVENIRE LE MALATTIE?

Rispettare il tempo e il luogo, seguire le regole con un giusto ritmo, capire la propria natura e accettarla secondo ogni accadimento. Ogni azione deve essere svolta al momento giusto, nel luogo giusto. Basta osservare la natura, il sole si alza presto al mattino. Molti di noi invece si svegliano tardi anche perché probabilmente vanno tardi a dormire, interrompendo così il flusso naturale dell'universo.

Quante volte usiamo la parola naturale senza riflettere sul suo significato?

Secondo l'Ayurveda ogni persona, oggetto o qualsiasi manifestazione naturale è composta da tre forze chiamate tridosha: Vata, Pita, Kapa. Queste possono essere interpretate come il flusso, l'energia e la struttura che mantiene la vita. Quando queste forze non sono in equilibrio allora sorgono malattie fisiche e disordini mentali.

Dobbiamo organizzare e gestire con saggezza la nostra giornata, rispettando il mondo esterno, la natura, ogni individuo, le nostre esigenze e doveri. Sempre cercare di stabilire l'armonia.

Come il sale si scioglie nell'acqua, perdendo la sua forma allo stesso modo anche noi dobbiamo perdere il nostro Ego e cerchiamo di mantenere solo la nostra vera natura, il nostro vero essere, per potere penetrare il mondo a arrivare a Dio.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/8k6R4jZD6sQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythinayananda”- durante la Puja del 05/03/2021
 
Lo scopo dello Yoga è l'Unità.
 
Lo Yoga è una disciplina che utilizza varie tecniche per permetterci di fare esperienza dell'Io individuale, per potere percepire l'Unità nella diversità. Nello Yoga lo scopo temporale è di stare meglio, fare meglio e insieme trascendere lo stato attuale ed entrare in un'altra dimensione attraverso la meditazione. Lo scopo finale è quello spirituale. 
 
Per avere una vita spirituale devo agire in ogni situazione con Samatva, cioè con equilibrio. Non devo cadere sull'Ego, attaccamento e aspettative. Sempre agire, apprezzare ed essere soddisfati del risultato di ogni azione. QUESTO VUOL DIRE VITA SPIRITUALE!
 
Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace.
 
Il Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
https://youtu.be/lk5baeZPtDo
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythinayananda”- durante la Puja del 04/03/2021

L'EGO E' UN IMPEDIMENTO 

Una volta raggiunto lo stato della felicità siamo pronti a far accadere lo Yoga, perché lo yoga ci unisce con Dio. Per unirmi con Dio devo perdere il mio Io.

Tutta la vita è fatta di accadimenti positivi e negativi ma la sua qualità dipende dalla qualità del Io e del “mio”. IO e Mio vanno insieme. Nella spiritualità, lo scopo principale, è trasformare l'Io e il “mio” in una pura energia, dove resta solo l'anima pura senza Io. All'anima non serve nessun possesso: “mio” non esiste più. Lascia illuminare la tua anima attraverso il processo della perdita del possesso e trasmetti la pace.

Camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/bImtKt0IlB4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythinayananda”- durante la Puja del 03/03/2021

ONDE DEL MARE

Siamo come le onde del mare

La nostra vita è come l'onda del mare che sempre ritorna ad esso ma ogni volta che lo fa si rinnova. L'onda è una parte del mare, essere un'onda è il suo ruolo. Siamo come le onde testimoniando il nostro ruolo con passione e sperimentando la coscienza di essere mare.

Il tempo si muove continuamente, il giorno e la notte tornano sempre. Viviamo nel tempo, muovendo e cambiando ma la nostra anima non si muove mai e resta come un testimone. Ci possiamo identificare con il nostro movimento oppure ci possiamo identificare con il nostra vera natura. Dobbiamo impegnarci a trovare del tempo per sperimentare lo stato della nostra anima pura.

Il Maestro

Camminiamo insieme verso la Verità, proteggendo l'un l'altro con amore e pace.

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/jUn3RM0ujEM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythinayananda”- durante la Puja del 02/03/2021

UNO IN TUTTO E TUTTO IN UNO

Le cose che accadono all'uomo, il microuniverso, sono le stesse cose che accadono nel macrouniverso. Il corpo è un flusso e così anche la vita dell'uomo. Il mondo, l'universo sono energie, un fiume che continuamente si muove e si rinnova. La vita non è nella giornata di ieri e nemmeno nella giornata di domani. La vita deve essere vissuta nel presente, di attimo in attimo. Pensare la vita al passato o al futuro è un'assurdità, che porta via il presente.

Questa è la vera vita ed è un grande regalo. Apprezzare questo dono con passione è il ruolo dell'uomo e il suo dovere, il Dharma.

Siamo fortunati ad avere questa vita con determinati compiti. Capire quali sono i nostri compiti è molto importante. Il dovere individuale viene chiamato Suya Dharma.

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/PLcmOFejiOQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananada durante la Puja del 01/03/2021”

COSA SIGNIFICA LA VITA?

Come bisogna vivere?Cosa serve per vivere meglio?

La vita è un flusso, come il corso di un fiume che mai si ferma ma è sempre in movimento, rinovandosi continuamente. La vita è un ciclo che cambia in ogni momento, varia di attimo in attimo. Ciò che va è destinato a ritornare. Noi, ora, non siamo più quelli di ieri, siamo già cambiati: nel corpo, nell'energia e nella mente.

Tutto non è come prima. L'intelligenza cambia con il pensiero. Così anche le memorie vanno e vengono. Con ogni respiro pendiamo milioni di atomi e ne mandiamo via altrettanti. In giro di poche ore la struttura delle nostre cellule si forma di nuovo.
La vita è un bellissimo mutamento perpetuo come l'alternarsi dell'alba e del tramonto.

Il cambiamento viene e va continuamente ma dobbiamo anche trovare dei momenti per fermare la vita. La vita senza movimento rappresenta uno stato più elevato.

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/Xdq_gyVxt5s

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananada”- Satsang durante la Puja del 28/02/2021

BENVENUTO ALLA MORTE

Benvenuto alla morte che è solo un passo della lunghezza della vita. Affrontare la morte senza paura fa di essa una bellissima esperienza ed apre la via della sperimentazione di ogni possibilità. La paura è una vecchia memoria, un destino causato dall'attaccamento che porta la certezza e impedisce la possibilità della sperimentazione.

Il non attaccamento insegna che il flusso della vita è impermanenza, incertezza ed insicurezza. La paura è una grande barriera che consente di sperimentare tutte le possibilità dell'insicurezza. Quindi dobbiamo andare avanti senza paura affrontando le novità. L'onda della vita è una ciclicità. Ciò che è nato deve sparire per poi riapparire un'altra volta. Essere felici è un nostro dovere quindi mantenete il vostro sorriso di fronte alla vita e alla morte.

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti

https://youtu.be/pJtfiicla-I

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananada”- Satsang durante la Puja del 27/02/2021

QUAL'E LA NATURA DELL'ASSOLUTO?

Un filosofo è un'aspirante dell'Assoluto. Così anche uno Yogi. Tuttavia il loro approccio è diverso. Un filosofo cresce con una razionalità logica e vuole concepire intellettualmente la natura dell'Assoluto.

Lo Yogi cresce lungo la via dell'autodisciplina e vuole realizzare l'Assoluto spiritualmente. La comprensione filosofica non può andare oltre i principi dell'intelletto ma la disciplina dello Yogi si può sperimentare oltre l'intelletto. Un aspirante dell'assoluto non soddisferà mai la sua teoria. La sete della filosofia dell'Assoluto crea la sua storia sulla base di guerre intellettuali tra le diverse scuole di pensiero.

L'autodisciplina di uno yogi rimane come un mistero perché la sua realizzazione va oltre l'intelletto. L'assoluto è l'anima dell'Universo ossia l'anima di ogni essere vivente. Lo Yogi trascende la sua anima individuale verso l'anima Cosmica nello stato di Samadhi.

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/3zJ-bF0n4UM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 26/02/2021

ESSERE IN SILENZIO

Essere in silenzio è una grande saggezza. E una grande ricchezza essere soddisfatto. Purificare l'anima è una grande purezza. Purificare la mente è una grande volontà. Conoscere il nulla è una grande conoscenza. Rinunciare al proprio Io è un grande distacco.

Vogliamo sempre conoscere qualcosa ma se non conosciamo niente vuol dire che stiamo in uno stato di ESSERE. Nell'arco della giornata abbiamo innumerevoli opportunità per conoscere. Ma dobbiamo organizzare alcuni momenti e cercare di non conoscere nulla per raggiungere la pace e il distacco.

Camminiamo insieme verso lo stato di Essere con amore e pace.

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti, Shanti

https://youtu.be/Tw_gTmHE7Y4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 25/02/2021

CANALIZZA LA TUO ENERGIA

Canalizza la tuo energia durante la giornata nella direzione della pace, tranquillità, contentezza, forza e amore. QUESTI SONO I TUOI DOVERI. Il dovere deve essere sempre fatto con piacere, vivendo sempre nel momento presente. Basta riflettere, interessarsi e agire consapevolmente in ogni momento. La vita va vissuta momento per momento e muoversi consapevolmente è una qualità superiore. Agire con interessamento, passione e sapienza, praticare il non attaccamento, non aspettative, non egoismo e non egocentrismo. Se agisci per uno scopo allontanerai la consapevolezza da te. Segui i tuoi doveri ogni giorno e non i tuoi desideri ed egoismo. Agisci per l'azione in sé stessa e non per il risultato

Camminiamo insieme con l'amore e con la pace verso la verità!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/hwxaS9km2nQ

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 24/02/2021

SONO FATTO DELLA TUA STESSA NATURA.

Sono fatto della tua stessa natura. Mi arrendo a te. La mia mente mi inganna e mi distrugge. Guidami in ogni pensiero ed azione. Permettimi di avere una mente calma e pura senza egoismo. Dammi la forza di controllare i miei sensi e la mente agitata.

Tutti vogliamo una mente calma. Quando la mente è calma l'anima è in pace. La nostra mente è come un lago molto profondo. La mente superficiale invece è come le onde del lago con i pensieri che continuamente vanno e vengono. I pensieri si possono muovere in modo armonioso ma anche in modo agitato e confuso. Quando entriamo nella profondità di noi stessi è come entrare nella profondità di un lago dove si trova l'energia potenziale, senza movimento e senza onde. Così, quando entriamo nella nostra profondità rimaniamo come un'energia potenziale e profonda che ci dona la pace. Per avere una mente calma dobbiamo vivere in uno stato dove non c'è niente da fare, basta solo stare.

Oh signore sono la tua natura! Concedimi pace, luce, amore e purezza!

Camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/_6qV8U3DsXk

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joytimayananda”- Satsang durante la Puja del 23/02/2021

I GUSTI E LE EMOZIONI

I gusti e le emozioni hanno una stretta relazione. Emozioni e sentimenti positivi o negativi dipendono dai gusti che assaporiamo. Le emozioni non sono altro che delle energie che vengono dai cibi e le erbe che assumiamo. I fattori psichici, ovvero le nostre emozioni, influiscono notevolmente sul nostro organismo. Infatti,a volte diciamo che una persona è talmente rabbiosa da mangiarsi il fegato oppure si dice “quella persona è morta per il troppo dolore”.

Assumendo il cibo saggiamente possiamo trasformare le emozioni negative in positive, oddio in amore, rabbia in compassione. La paura, il dolore, i dispiaceri, che sono energie fredde, ci causano squilibri interiori e ci fanno cadere in stati patologici. La rabbia, l'oddio, l'invidia sono tutte energie calde che fanno solo del male.
Non è semplice smettere di arrabbiarsi, smettere di invidiare gli altri, di avere paura e provare dolore. Tuttavia, con adeguato impegno nella scelta dei gusti alimentari e dei percorsi spirituali, è possibile iniziare la via della purificazione e dell'amore. Tutto dipende da noi!

Siamo insieme e insieme camminiamo con compassione e amore per tutti gli esseri!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/3g3y78CQV-s

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joytimayananda “- Satsang durante la Puja del 22/02/2021

OSTACOLI NEL TUO CAMMINO

Affronterai molti ostacoli nel tuo cammino. Vivi come una sfida e cerca di comprendere tanto. Non perdere la fiducia in te, abbi la volontà di continuare. Il potere del dovere è molto forte, quindi apprezza la tua vita. Creare la vita è la creatività. È molto bello nascere e crescere ma tutto questo è solo un sogno. Nascono tante belle idee e poi segui un percorso personale per te. Gestisci la giornata con umiltà, preparati ad essere tollerante. Essere disponibile è il tuo compito divino. È tua responsabilità sorridere alle difficoltà. Grazie alle difficoltà che alimentano la forza.

Abbiamo a disposizione una semplice pratica, che non costa niente: IL SORRISO. Per fare questo devo avere una chiara coscienza e usare un sincero sorriso che arriva dall'anima. Bisogna fare uno sforzo e cercare di avere sempre un viso sorridente. Appena iniziamo a sorridere percepiamo la stabilità. Nella stabilità c'è la potenzialità. QUESTA E UNA VERA E PROPRIA SADHANA(pratica spirituale).

Camminiamo insieme sorridendo per tutta la nostra vita.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/p6ZECKiSQmc

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 21/02/2021

DOLCI ANIME,
sentite l'anima immortale che dimora nel vostro cuore. Non mancate mai di percepire la vostra anima gioiosa. Non attaccatevi al corpo e ai sensi che sono una reazione del Maya. Siate vigili perché la vostra mente vi inganna facilmente.

La natura della mente è conoscere in modo corretto e anche in modo sbagliato. La mente può essere chiara e anche disturbata, La mente riesce ad immaginare fuori dalla realtà e a capire la falsità. La mente riesce a dimenticare e anche a memorizzare. La mente può essere come un amico ma anche come un nemico. La mente si può comportare come un servo e anche come un padrone cattivo.

Siate attenti verso la mente. Educate la vostra mente a seguire la via della Virtù. Educate la mente a partecipare in ogni situazione con armonia. Lasciate nascere i pensieri positivi, stabili e puri. Trascendete le vostre emozioni.

Questa è la vostra responsabilità! Aggrappate la purezza che è presente sempre e ovunque.

Camminiamo insieme con la mente pura verso la Verità.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/9EbQ7B-8his

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 20/02/2021

VI HO DATO UNA VANGA

Vi ho dato una vanga, una spada e una lanterna. Scavate con la vanga nella profondità e con impegno per cercare la verità. Abbattete fino in fondo gli ostacoli: pigrizia, noia, dubbio, ignoranza. Usate la spada per sviluppare la volontà, la saggezza e per combattere i dubbi. Usate la chiave per aumentare la purezza del vostro cuore, la devozione e la compassione. Con la lanterna riconoscete la verità in voi stessi e aumentate la compassione. Il Maestro vi dà la sua luce!

Il lavoro verso il risveglio della consapevolezza e coscienza è un lavoro duro, per questo dobbiamo usare la perseveranza. La ricerca deve spingerci a farci delle domanda importanti: “Chi sono io?”, “Perché sono venuto al mondo?”. “Qual'è il mio compito?”

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace!

Il Maestro

Aom Shanti, shanti, shanti

https://youtu.be/OgfzY0lOP54

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la puja del 19/02/2021

Il messaggio del Maestro

SONO VUOTO

Dolci anime,
sono vuoto, umile, puro e sempre disponibili per voi. Tenete la mia presenza con voi. Ci sono e non ci sono. Io vi porto verso il cammino del Dharma, Artha, Kama e Moksha. La via è molto difficile e impegnativa. Venite con la mente vuota a camminare nella via della virtù. IO VI SOSTENGO ma non posso camminare per voi. Voi stessi dovete camminare senza fine. Quando avete sete solo voi stessi potete dissetarvi, un altro non può bere per la tua sete. Solo voi potete fare ogni passo nella via spirituale. NON STANCATEVI! Non frustratevi, non stressatevi e non abbiate mai dubbi nella ricerca della verità. Mantenete la forza e la purezza che è l'unica protezione per voi. Siate soddisfatti con voi stessi, con il mondo e con Dio!

Camminiamo insieme verso la Verità!

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/UiB5qbUwg-s

♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 18/02/2021

OGNI GIORNO DELLA VITA FAI QUALCOSA DI BUONO!
Dobbiamo rallentare la nostra velocità di crescita che è illusione. Guardiamo il mondo con occhi di saggezza, comprensione, compassione, bontà, benevolenza, pazienza e tolleranza. Camminiamo verso la nostra origine e affrontiamo tutti gli accadimenti con armonia e amicizia.

Utilizziamo la potenzialità degli strumenti sottili come amore, purezza, onestà, umiltà e semplicità. Servire per stabilire la pace, rispettare il cibo e non sprecare in nome della ricchezza. Rispettiamo donne, bambini, uomini, piante, animali. Il grande cambiamento arriverà presto e spingerà a curarsi con la medicina tradizione e naturale.
Ricordiamoci di meditare, trasmettere la pace e gioia.

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro
Aom Shanti, shanti, shanti

https://youtu.be/UiB5qbUwg-s

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 17/02/2021

NIDYA E ANIDYA

La parola sanscrita Nidya significa l'Eterno, il Silenzio, l'Assoluto, l'Illimitato, senza tempo, senza inizio né fine, senza principio.
Al contrario Anidya è un mutamento che continua nel tempo, inganna i sensi e la mente, è un'apparenza transitoria in un arco temporale.
La realtà è il dinamismo di un cambiamento che continua nel tempo.

Meno è meglio. Seguiamo la via della riduzione, riduciamo i nostri desideri e cerchiamo di essere Uno senza diversità. Non viviamo come desiderio ma viviamo come Uno senza disturbi con pace. Siamo uniti!

Camminiamo insieme verso la Verità, proteggiamo l'un l'altro con amore e pace!

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/urKJkFQ_XCw

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 16/02/2021

IL CAMBIAMENTO

Vuoi cambiare qualcosa?
Cambia per aprire non per chiudere, cambia per unire non per dividere, cambia per dare non per avere, cambia per essere non per morire. Cambia te stesso non il mondo. Conosci te stesso e resta nella luce. Cambia nulla e rimani nella luce. Se sei la luce non vedi il buio. La vita è un continuo cambiamento. Ogni giorno le cose cambiano e il cambiamento porta la vita. Se non c'è cambiamento anche la vita finisce.
La vita è come un fiume che continua a muoversi in armonia, le due rive che lo accompagnano devono essere il controllo e il distacco. Dove c'è controllo e distacco la vita è sempre armoniosa.

Camminiamo insieme verso la Verità e l'armonia!

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti, Shanti

https://youtu.be/iz8H9v49yeI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 15/02/2021
 
IL CAMBIAMENTO
 
Il cambiamento è un processo naturale. Ogni esistenza si muove con il processo del cambiamento. L'universo e l'uomo vivono attraverso il processo del cambiamento. Niente rimane come un attimo fa. Il processo di mutamento è la vita stessa. Abbiamo la possibilità di utilizzare la nostra coscienza per muoverci ma anche per fermare tutto.
Quindi la vita è un processo illusorio chiamato Maya. Allora dov'è la verità? Chi sono io? Cos'è il mondo? Dio è la verità? Silenzio assoluto o processo di mutamento?
 
Camminiamo insieme verso la Verità!
IL Maestro
 
Aom Shanti Shanti Shanti
 
https://youtu.be/GLOqtb9zoWU
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
 
 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 14/02/2021

LE SANE ABITUDINI

Osservate il silenzio e pregate per chi soffre, parlate con il cuore e lascia nascere l'amore. Il frutto del servizio è la felicità. La felicità porta alla pace e la pace è il vostro scopo eterno. Seminate pensieri puri e fate buone azioni. Eseguite buone azioni e prendete sane abitudini. Svolgete sane abitudini e abbiate un carattere saggio. Siate saggi e annullate il vostro destino.

Camminiamo insieme verso la Verità

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/0dtF_PKIWnY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 13/02/2021

Il cambiamento

Vuoi cambiare qualcosa?
Cambia per aprire non per chiudere, cambia per unire non per dividere, cambia per dare non per avere, cambia per essere non per morire. Cambia te stesso non il mondo. Conosci te stesso e resta nella luce. Cambia nulla e rimani nella luce. Se sei la luce non vedi il buio. La vita è un continuo cambiamento. Ogni giorno le cose cambiano e il cambiamento porta la vita. Se non c'è cambiamento anche la vita finisce.
La vita è come un fiume che continua a muoversi in armonia, le due rive che lo accompagnano devono essere il controllo e il distacco. Dove c'è controllo e distacco la vita è sempre armoniosa.

Camminiamo insieme verso la Verità e l'armonia!

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti, Shanti

https://youtu.be/PhLZ-V-ss5A

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 12/02/2021

COME NUTRIRCI

Mangiare è sempre un rito, nel senso che il nostro corpo è un nostro strumento di vita e dobbiamo prenderci cura di esso. Non dobbiamo nutrirci superficialmente per riempire la pancia. Gli alimenti devono avere un certo gusto che trasmettono amore e vita. Il corpo è un tempio e l'anima che dimora all'interno del corpo fa parte dalla coscienza pura.
Ogni azione che serve a rendere il nostro corpo puro e aiuta la sua crescita e sviluppo è una forma di culto. Il cibo che viene cucinato da qualcuno che non vuole cucinare non sarà cibo sano nonostante gli ingredienti. Non è infatti cibo preparato per l'anima. Non si mangia solo il cibo preparato ma anche l'energia e l'anima del cuoco.

Camminiamo insieme verso la verità

Il Maestro

https://youtu.be/0OBFQnW4uno

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/02/2021

Chi sono io?

E che cos'è questo io?Io sono l'anima, coscienza pura(Nydia) che sempre c'è stata , che c'è nel presente e sempre sarà.
Io sono il puro Sé che non ha confini.
Io non sono un individuo ma sono il Tutto. Come esistiamo?
Esisto con qualità positive o negative
Quando ci sentiamo disturbati anche l'universo è disturbato e viceversa quando siamo in pace trasmettiamo pace all'universo. Se avrò una visione globale sarò al centro dell'esistenza. Come stare in pace?
Meditando,cantare i mantra, praticando Yoga, leggendo i Sacri LibriPerché?
Così mi distacco dal mondo che mi disturba e imparo a sciogliermi completamente nello spazio.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

https://youtu.be/TfDA07Nge2Y

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 10/02/2021

La coscienza è come lo spazio.

Lascia cadere tutto ma non subisce niente in sé. Rimane sempre il vuoto testimoniando ogni accadimento. Tutto esiste nella coscienza:ego, relazioni, razionalità, pensieri, sentimenti, desideri, noia, pesantezza, paura etc. La coscienza non è mai disturbata ma è come lo spazio. Nello spazio c'è sempre tutto ma non è mai disturbato né preoccupato. Resta lì e lascia accadere tutto. Anche la coscienza è così: resta lì e riflette tutto come uno specchio.
La coscienza è senza “Io” e senza relazioni.

Camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti, Shanti

https://youtu.be/lEtwkQtnlw8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 


La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 09/02/2021

L'Ashram Joythinat cresce senza sosta.

Nella creazione dell'Ashram il Maestro ha affrontato tanti problemi, che sono svaniti con il distacco. La difficoltà è il suo miglior strumento.
Ha trovato tanti ostacoli che sparivano con gli occhi della saggezza. Incontrava varie difficoltà che non esistevano perché non conosceva la stanchezza. Esiste solo la potenzialità. Sorrideva quando soffriva, ha lasciato il cuore sempre aperto. Ma niente è uscito e niente è entrato. Sorge solo la luce!Nella nostra vita quotidiana dobbiamo gestire il corpo, la mente, il mondo e la nostra coscienza. I concetti di bene e male non esistono fuori ma solo dentro di noi. Veramente tutto il mondo vive dentro di noi!
Tuttavia noi possiamo comunicare con il mondo e ci dobbiamo impegnare a farlo usando la nostra vera natura cioè con amore puro. pace, serenità e stabilità.

Camminiamo insieme verso la verità, la pace e la stabilità.

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/HFS5a_1SNfU

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 08/02/2021

Basta parlare di crisi del lavoro!

Pensa alla virtù e alla pace. Dà valore all'uomo non al denaro. È vergognoso non pensare alla crisi spirituale.
Basta parlare di crisi di denaro! Non è il denaro che genera la vita. È vergognoso non percepire il valore dell'uomo.
Basta parlare di crisi economica, non sentirti vittima della vita!Le crisi vengono per migliorare un sistema. È vergognoso non sentire la ricerca interiore.
Basta parlare di crisi di mercato!Mettiamo in atto un modo di ricerca. Realizziamo l'amore interiore dell'Umanità. Camminiamo lontano dallo spettro del denaro. I buoni, i santi, i saggi sperimentarono la crisi spirituale ma non persero mai la fede e la fiducia. È nostro diritto e dovere sentire la gioia e la pace. Per stabilire la pace non servono guerra e denaro.
Rispettate il bene dell'uomo non i valori di mercato! Identificate la vostra realtà con la coscienza pura non con il denaro. Siate forti nelle virtù e amate il mondo per stabilire la pace. Finché l'uomo ama il denaro la guerra si ripeterà!

Camminiamo insieme verso la Verità!


Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/7ZbP9DPUzck

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 07/02/2021

Agire senza ego, attaccamento e avidità portano all'azione pura.

Se l'azione è profonda allora determina leggerezza. La meditazione è un'azione pura quindi praticate tre volte al giorno: al mattino, metà giornata e la sera. L'Io deve trascendere verso Dio. Il mondo te ne dà la possibilità. Noi tutti abbiamo la meditazione dentro di noi. Lasciamo sorgere il sole dentro di noi, sentite la leggerezza e gioia. Affrontate ogni azione come un'offerta all'esistenza. Vivete come in meditazione.
Comunicate come un canto e muovetevi come una danza. La leggerezza del cielo e la profondità della terra sono sempre con te.

Camminiamo insieme verso la Verità e la meditazione

Il Maestro

 Aom Shanti

https://youtu.be/LC1hyEKohz0

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 06/02/2021

Dietro ogni azione ci deve essere uno scopo supremo.

Il perché è il più importante. Deve essere chiaro e profondo, non superficiale. La vita è un'azione, un movimento. Senza mutamento non c'è la vita. Facendo azioni accumuliamo esperienze sia nel bene che nel male. Ricordiamoci, però, che etichettare un'azione è comunque un'opinione. Possiamo avere un rapporto saggio con le azioni. Ogni azione deve essere fatta come un'offerta al Brahma.
Ogni azione può essere fatta con il corpo oppure con mente e può riguardare noi stessi o gli altri. Le tre azioni principali sono: purificare, nutrire e riposo.
La cosa importante è agire con coscienza ed essere consapevoli della qualità dei nostri pensieri per potere stabilire una buona qualità della vita.

Camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/WHb0-18MKOI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la Puja del 05/02/2021

Cara la mia anima,


In questo momento sto pensando a te. Voglio farti un regalo eterno, voglio che tu sia felice e in pace. Sono orgoglioso di te, sento la tua mancanza. Sono grato per il sostegno che mi hai dato. Grato per la tua onestà e saggezza. Sono contendo di esserti amico. Penso che tu sia un regalo per me. Voglio abbracciare la tua anima. Ho bisogno della tua energia.
Ma ora è il momento che tu pensi a te. Non piangere più, sorridi con il cuore. Perdona quelli che ti stanno vicino. Tutti siamo tuoi fratelli e sorelle. Esci e diventa divino. Condividi i tuoi sogni con Dio. Fidati di te. Vai avanti saggiamente, apprezzati per ciò che sei. Sappi che qualcuno ti

aspetta!

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/EYGgOa0eGs8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananada”- Satsang durante la Puja del 04/02/2021

La Verità è l'essenza di Atman,

infatti nessuna cosa è più orribile della menzogna. La verità è l'alleanza che abbiamo stretto con Dio. Sia la verità la compagna che al tuo cuore appartiene. Se esistiamo come verità allora ci identifichiamo con la nostra vera natura che è pura. Quando neghiamo la verità stiamo molto lontano dal nostro vero essere. La verità è mancanza di illusione. Quando l'illusione entra dentro di noi allora nasce l'attaccamento alla vita mondana e l'avidità. Questo ci porta lontano dal nostro vero Sé e la verità.
Camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/6f-xJCdCMM8

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananada”- Satsang durante la Puja del 03/02/2021

GLI OCCHI

Anche se utilizziamo in continuazione i nostri occhi raramente prestiamo attenzione nei loro confronti. Cominciamo a farlo solamente quando si presenta qualche problema. Eppure è possibile mantenere una perfetta capacità visiva per tutta la vita seguendo alcuni semplici accorgimenti.
Anche se gli occhi sono considerati i più importanti organi di senso, la gente generalmente gli trascura. Sebbene sfruttiamo in continuazione i nostri occhi, raramente prestiamo attenzione nei loro confronti. L'Ayurveda consiglia di prendersi cura della propria condizione fisica quando si è in uno stato di salute riducendo così le probabilità di contrarre una malattia.

Camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/08iodlWsdZI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

“La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda”- Satsang durante la puja del 02/02/2021

O dolce Amato,

dammi la forza per controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale, concedimi una mente calma, pura e bilanciata.
O Signore dammi la luce, la conoscenza e la purezza. Percepiamo il silenzio, la compassione e l'amore per gli altri esseri, soprattutto per i bisognosi.

Camminiamo insieme verso la compassione.

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/Z3jajL1I60Q

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 01/02/2021

Rinuncia i tuoi bisogni superflui!


I bisogni eccessivi portano via la pace, la stabilità, la luce e la gioia. La Sadhana, la pratica spirituale, significa la riduzione e il distacco che ci riportano verso la Verità. Ogni persona che intraprende la strada spirituale ha come meta il ritorno a casa. Durante questo percorso si devono stabilire quali sono i bisogni fondamentali e quali sono i disagi che possono alterare l'equilibrio fisico e mentale. Eliminiamo i desideri che non corrispondono ai nostri bisogni primari. Il lavoro è da fare su noi stessi non sugli altri. Dobbiamo agire per crescere e con distacco. Impegniamoci con costanza per risalire la scala che ci porta fino al traguardo finale. Più saremo determinati più ci impegneremo nella compressione di noi stessi, quella che trascende la mente e l'intelletto.

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore, pace e gioia!

Il Maestro

 Aom shanti

https://youtu.be/naQwEzfJ-zE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 30/01/2021

Ora andiamo sul sentiero del Risveglio!


Santiago il luogo delle stelle,
Sento la chiamata di Dio.
Il Mondo è il suo giardino,
Dio ha gettato i semi
Noi cresciute piante speciali
Abbiamo fiori preziosi da dare,
Siamo parte della sua grande opera e il suo disegno,
Ora andiamo sul sentiero del risveglio

Camminiamo insieme, proteggiamo l'un l'altro con amore e devozione.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/EnFrGIM_ick

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 31/01/2021

NON PERDERE MAI LA FIDUCIA



“C'era una volta un asino che cadde in un pozzo. Povero asino!
Per fortuna cadde senza ferirsi. Si salvò ma non poté uscire dal pozzo perché troppo buio e profondo. Da prima si agitò, era triste poi tranquillo. Accettò la morte. Non sapeva uscire dal buio del pozzo ma sentì che Dio era al suo fianco.
All'improvviso arrivò il padrone. Egoisticamente pensò che era inutile salvare l'asino perché ormai era vecchio. Pensò che era meglio lasciarlo morire. Prese una palla e iniziò a buttare la terra sopra l'asino. L'asino scuoteva la schiena, facendo cadere la terra ai pedi così da riempire il pozzo a poco a poco. Man mano che il pozzo si riempì l'asino salì sempre più in alto così raggiunse l'uscita del pozzo. Uscì fuori felice!”

Nella vita sempre affrontiamo difficoltà e problemi. Avere fiducia in sé stessi e fede, con distacco, ci aiuta a percorrere il cammino, lasciando andare tutti i blocchi.

Camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/DAfJg3m2Lzc

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 29/01/2021

I PIEDI

Si può rimanere piacevolmente meravigliati e sorpresi dal concetto di sacralità dei piedi in India. Secondo fonti della tradizione la totalità della sacralità è racchiusa nei piedi del Sadguru. Tutte le terminazioni nervose finiscono nelle estremità, i punti vitali di ogni organo e i suoi corpi principali: astrale, mentale e dell'anima. Se tocchiamo i piedi del maestro tocchiamo la sua anima. In questo gesto sono racchiuse l'umiltà e la devozione. Il devoto abbassa la testa e tocca i piedi del Guru per ricevere la benedizione ma anche per dimostrare la sua umiltà e devozione. A sua volta il Guru pone le mani sulla testa del devoto per offrirgli la sua energia e benedizione.

Camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/N1V4rRcHY0Y

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 28/01/2021

L'ILLUMINAZIONE

C'era una volta un grande maestro che insegnava a miglia di persone da tanto tempo. Visto che era vecchio decise che era giunto il momento di lasciare il corpo e illuminarsi. Il giorno della sua illuminazione migliaia di persone si raccolsero vicino a lui. Il Maestro disse a queste persone:
“Ho deciso di portare con me tre persone all'illuminazione, al Paradiso dove non c'è più sofferenza ma la pace, l'amore e la luce. Quindi vengano qui tre persone.”
Un totale silenzio.
Il Maestro disse:
“Nessuno vuole venire con me?”
Tutti si guardarono ma nessuno rispose. Alla fine una persona si alza e dice al Maestro:
“Io vorrei venire con te ma ora non posso perché prima vorrei salutare la mia famiglia. Prima che tu te ne vada dammi ancora un insegnamento per raggiungere l'illuminazione. Proprio in quel preciso momento il Maestro divenne luce e si illuminò”

Camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/I3p9bV4fqQ8

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 


"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 27/01/2021

Perché andiamo da un Maestro?


Per trovare la Luce
Perché devo meditare sulla luce?
La velocità della luce scioglie la materia.
Meditando sulla luce, trasformiamo tutte le nostre identificazioni e diversità.
Cosa dà il Maestro?
Il Maestro dà un insegnamento che è sempre un regalo bianco. Il Maestro dà una vanga per scavare e trovare il tesoro della spiritualità. Poi dà una spada per eliminare tutti i problemi, le difficoltà e i vizi. In seguito dà una chiave per aprire la porta del cuore. Infine dà una torcia per cercare dove sta la verità e la pace.

Camminiamo verso la pace e proteggiamo l'un l'altro con amore.

Il Maestro
Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/GNZuziCZCC4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 26/01/2021

L'ANIMA

Il corpo è sostenuto dall'anima così come l'anima sostiene la mente e l'intelletto. Lo scopo dell'anima è compiere il suo compito con contentezza nel corso della vita. L'anima deve essere stimolata ad apprezzare la vita seguendo il Dharma o il Karma. Mantenete un giusto equilibrio in ogni situazione, affrontando il bene e il male e accettando la ciclicità della vita(Samsara). Se l'anima è in pace e felice dà un buon sostegno alla vita. Ogni individuo(tu ed io) deve prendere in considerazione la possibilità di vivere secondo la propria natura, seguire una disciplina con coscienza trasformandola da regole a non regole cioè nella pace, amore e spiritualità.

Camminiamo insieme verso la Pace!

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/XccptUV72uo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 25/01/2021

L'ARRESA 

“O stolto, che cerchi di portare te stesso sulle spalle!
Mendicante, che vieni a mendicare alla porta della tua casa!
Deponi ogni fardello in queste mani che tutto sanno sopportare,
non voltarti mai indietro a guardare il passato, con rimpianto.
Il desiderio subito spegne la fiamma d'ogni lampada che sfiora.
È empio – non prendere doni dalle sue mani impure .
Accetta soltanto quello ch'è offerto dall'amore”Rabindranath TagoreTutto quello che abbiamo e riceviamo è un dono d'amore ricevuto da Dio, Universo e dal Mondo.

Camminiamo insieme verso la Pace

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/bH0cCdmvt9s

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 24/01/2021

Hai tempo per la tua salute?

Se non trovi il tempo allora il tempo ruberà la tua salute e la tua felicità. Se vuoi fare una buona azione è meglio che inizi a farla ora mentre se si tratta di un'azione negativa oppure di un vizio meglio rimandare sempre.Oggi è il tempo migliore, meglio di ieri e di domani!La pace è la nostra essenza. Più a lungo riusciamo a mantenere la nostra pace più resteremo in salute, fisicamente e mentalmente. Puoi agire, pensare, sentire mantenendo la tua pace attraverso la tua coscienza. Ma tu devi volere raggiungere questo stato di pace

!Camminiamo insieme verso la Pace.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/UX4EmXsHZGI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 23/01/2021

LA VITA

La vita è un gioco che dobbiamo giocare,
La vita è un regalo che dobbiamo apprezzare,
La vita è un brivido che sentiamo sulla pelle,
La vita è un sogno che dobbiamo interpretare,
La vita è un fiume che dobbiamo lasciare scorrere,
La vita è un ballo che dobbiamo ballare,
La vita è una musica che dobbiamo ascoltare,
La vita è un attimo nell'Infinito,
La vita è un amore al quale ti devi dedicare.

Camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/-CSKSvc0Wac

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"- Satsang durante la Puja del 22/01/2021

L'AZIONE COME DOVERE

Quando una persona fa un'azione come un dovere allora nasce la fede.Quando una persona fa un'azione con fede allora la sua energia si unisce con quella dell'Assoluto .Al contrario, seguire il desiderio è controproducente e crea molti problemi e ostacoli.

Camminare con fede è un dovere.

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/rIcIGvLnL54

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 21/01/2021

IL MAESTRO

Quando un Maestro trasmette i suoi insegnamenti pone un seme di sé che si instaura nel cuore del discepolo. Questo seme va coltivato con continuo e regolare impegno, attraverso la fede. La fede ci aiuta a superare gli ostacoli e le difficoltà che si incontrano sul cammino della nostra vita.Se utilizziamo la fede come strumenti interiore e principale allora dubbi, pigrizia e disinteresse non arriveranno mai.

Stiamo insieme e camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom Shanti

https://youtu.be/okp51NL1EQM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 20/01/2021

STAI SEMPRE IN ALLERTA

Anche quando dormi cerca di non dormire troppo profondamente, stai sempre in allerta!

Il tuo cuore vuole che tu sia libero e ti guida nel fantastico mondo dei sogni ma tienilo sempre legato a te attraverso un filo sottile, invisibile e tuttavia indistruttibile.

Se qualche avversità cercherà di portare via il tuo cuore, tu abbraccialo forte e proteggilo a qualunque costo.

Sii sempre consapevoli di agire, parlare e pensare con appagamento, soddisfazione e pace.

Non perdere questa meravigliosa qualità e dai attenzione ad ogni cosa per mantenere la tua stabilità e pace.

Stiamo insieme e proteggiamoci l'un l'altro con amore, gioia e pace.

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/grNBNHwp-KY

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 19/01/2021

Il Maestro vuoto.
Sparito nello spazio
Ritornerà presto.
Il vuoto con pieno e Niente.

Stiamo insieme e proteggiamoci l'un l'altro con amore, gioia e pace.

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 18/01/2021

Come sentire la libertà?

La pienezza e il vuoto hanno una grande disponibilità.
Libertà significa essere niente ma anche tutte le possibilità, il nulla e il pieno.
Nulla è zero ma anche il pienezza è zero.
Abbiamo lo scopo finale di essere vuoto e pieno come lo zero. Essere pieno oppure zero, la cosa importante è essere in pace e percepire la pace in ogni cosa che facciamo.
Noi abbiamo questa grande abilità: affrontare ogni situazione della vita con la pace, sentendoci appagati e soddisfati

Stiamo insieme e proteggiamoci l'un l'altro con amore, gioia e pace.

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/B5Q1F0A6h38

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 17/01/2021

PREGHIERA UNIVERSALE

O Signore! Vorrei vivere in maniera armoniosa con il mondo e attraverso l'azione purificare la mia mente. A volte sono insicuro ed agitato. Sono confuso. Non so cosa fare. Non mi è chiaro cos'è giusto e cos'è sbagliato. Non conosco bene la via della virtù. Non riesco a non cedere ai vizi. Non sono abituato ad ascoltare la chiara voce interiore. Tu mi hai dato una mente particolare con abitudini particolari. Questo mondo è pieno di contraddizioni apparenti, paradossi, confusione, problemi e difficoltà. Questo mondo è strano e pieno di tentazioni.Io non ho la forza di resistere alle tentazioni, alle opinioni altrui, al criticismo, alle oppressioni e agli assalti violenti. Non sono capace di compiacere qualcuno sino in fondo. Sebbene io rimanga quieto e non interferisca con nessuno, i nemici saltano fuori. O dolce Amato!Dammi la forza di controllare i sensi agitati e turbolenti e la mente che vaga continuamente. Stammi sempre vicino e guidami in ogni mia azione. Concedimi buoni pensieri. Dammi purezza mentale. Concedimi una mente calma, pura e bilanciata. O Signore, dammi luce, conoscenza e purezza. Aom. Aom

Preghiera scritta da Swami Sivananda, La pratica del Karma Yoga
(Preghiera inserita nel libro Mantra di Swami Joythimayananda pag 9)

 

https://youtu.be/B5Q1F0A6h38

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 16/01/2021

Abbracciamo lo spazio!

Alza la testa e guarda le stelle, ogni luce è un'anima che ha lasciato la terra. Ora abbraccia il silenzio e lascia andare ogni cosa.Esistiamo come i cinque elementi, quindi ogni giorno nella pratica cerchiamo di sciogliere noi stessi nella terra, nell'acqua, nel fuoco, nell'aria e nello spazio.
Rimaniamo solo come la PACE.

Stiamo insieme e camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/0qV87MGVHZo

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 15/01/2021

SIAMO COME I CINQUE ELEMENTI

Soffiamo amore nello spazio,

germogliamo affetto nell'aria,

sorgiamo gioia nel fuoco,

prendiamo fede nell'acqua,

stabiliamo PACE nella terra.

Siccome siamo come la terra lasciamo crescere tutto dentro di noi. Trasformiamo ogni giorno attraverso la pratica spirituale: yoga, meditazione, recitazione dei mantra, pranayama etc. Così dimostriamo di volere,in modo consapevole, dedicare del tempo alla nostra crescita spirituale.

Ogni azione ha il suo risultato che prima o poi arriverà. Mia mamma diceva sempre: “Fai sempre il bene e un giorno esso ti ritornerà”.

Quindi adesso noi tutti prendiamo l'impegno di pensare bene, sentire bene e agire bene!

Stiamo insieme e proteggiamoci l'un l'altro con amore, gioia e pace.

Il Maestro

Aom Shanti shanti shanti

https://youtu.be/NOuexkKxTQI

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 14/01/2021

SEGUIAMO IL NOSTRO DOVERE

Trasformiamo il difficile cammino nel cammino sacro,

Modifichiamo il male in bene,

Mutiamo la vita materiale in spirituale,

Trasformiamo la sofferenza in speranza,

Abbracciamo tutte le anime che soffrono.

Seguiamo il nostro dovere con pace e tranquillità. Diamo tutta l'attenzione alle nostre azioni e l'Universo deciderà il risultato, realizzare oppure non realizzare. Abbracciamo ogni accadimento come un dovere, IN PACE!

Stiamo insieme, camminiamo insieme verso la verità.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/XDBYmLk-oE4

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 13/01/2021

PARTECIPO CON VOI AL VOSTRO DOLORE

Condivido il mio grande dolore con le mamme che hanno perso i loro bambini,
con i bambini che hanno perso la loro mamma e papà,
con i fratelli e le sorelle che hanno perso la sorella o il fratello,
gli amici che hanno perso gli amici,
tutti quelli che hanno perso la casa,
con tutti quelli che non hanno niente da mangiare,
con tutti quelli che piangono
Il mio grande dolore è con tutti!Nessuno vive solo per sé stesso ma tutti dobbiamo vivere per tutti. Se siamo persone altruistiche accettiamo facilmente sia le cose positive che negative che accadono nell'universo.
Il nostro ruolo è partecipare con buona energia senza critiche e lamentele.

Stiamo insieme, camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/kOHz_gm0cGk

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 12/01/2021

TUTTO ESISTE NELLA COSCIENZA 

Tutto esiste nella coscienza: ego, razionalità, opinioni, desideri, solitudine, gioia, paura...Tutto esiste nella coscienza che non è mai disturbata ma è sempre in pace.La coscienza è come lo spazio, sta ferma, resta e lascia fluire tutto. La coscienza resta lì e riflette tutto:pensieri, tristezza, gioia, tutte le cose vanno e vengono. La Coscienza non si stressa e non si preoccupa.

La coscienza è senza Io, non è un oggetto ma è il Mondo.Se ci concentriamo su quello che facciamo, soprattutto il bene che facciamo agli altri, invece di pensare a quello che fanno gli altri manteniamo la nostra purezza.

Stiamo insieme, camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/2xqtCt7ycUE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 11/01/2021

Chi sono io?

E che cos'è questo io?Io sono l'anima, coscienza pura(Nydia) che sempre c'è stata , che c'è nel presente e sempre sarà.
Io sono il puro Sé che non ha confini.
Io non sono un individuo ma sono il Tutto. Come esistiamo?
Esisto con qualità positive o negative
Quando ci sentiamo disturbati anche l'universo è disturbato e viceversa quando siamo in pace trasmettiamo pace all'universo. Se avrò una visione globale sarò al centro dell'esistenza. Come stare in pace?
Meditando,cantare i mantra, praticando Yoga, leggendo i Sacri LibriPerché?
Così mi distacco dal mondo che mi disturba e imparo a sciogliermi completamente nello spazio.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la Coscienza e la Verità!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/CTEHNVsh_vE

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 10/01/2021

Tutto è Impermanente

!Cerchiamo la felicità in oggetti di piacere impermanenti e quando non troviamo la felicità in un oggetto passiamo ad un altro.Viviamo la vita con desideri che non finiscono mai, infatti la mente si muove con i desideri e non troviamo il tempo per Dio, la Pace e la stabilità.

Nella cultura vedica questo è anche chiamato Avidya, cioè ignoranza e impermanenza.Nella vita sperimentiamo un continuo cambiamento ma noi dobbiamo perseguire il silenzio, la pace e la verità.Possiamo vivere la vita utilizzando 3 tipologie di qualità:
Tamasa guna(come un verme sperimentiamo la miseria e lo scopo della vita è perseguire i piaceri)
Rajasa guna(come la mosca viviamo sia nel bene che nel male, sia nel mondo dei piacere ma anche nella verità)
Sattva Guna(esistiamo come l'ape che lavora e risparmia in modo pulito e ha uno scopo puro).
In questa condizione è più facile stabilire la pace. I problemi vengono ma si affrontano con tranquillità e pace. SE STIAMO IN PACE SIAMO NELLA VERITÀ!

Il Maestro

Aom shanti

https://youtu.be/YGnrAiDHCnM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"- Satsang durante la Puja del 09/01/2021

Atman Vishara(la ricerca del Sé)

Chi sono io?Nella coscienza si trovano tutte le domande e le risposte. Tutto il nostro vissuto passa attraverso la nostra coscienza.La coscienza può essere pura oppure impura(che richiama l'illusione ).Nella vita si gestiscono varie situazioni, utilizziamo l'Ego e l'Intelletto, ma attraverso l'adattamento possiamo affrontare, con la pace e coscienza ogni diversità.La coscienza pura emerge quando non c'è nessuna percezione delle difficoltà, ostacoli o turbolenze della vita quotidiana. Il nostro compito è tornare a casa, la nostra origine, alla nostra pace, tranquillità.Quindi abbiamo una coscienza che ci aiuta ad affrontare la quotidianità ed una coscienza pura che ci ricorda che dobbiamo tornare a casa, alla nostra origine.MAI PERDERE LA COSCIENZA CHE CI RICORDA DI TORNARE A CASA!

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la Coscienza e la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/YGnrAiDHCnM

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda "- Satsang durante la Puja del 08/01/2021

LE COSE NON SEMPRE SONO CIÒ CHE SEMBRANO!

L'azione può essere positiva o negativa ma ad una azione non corrisponde sempre il risultato desiderato in quanto ci sfugge il vero meccanismo della vita.È per questo che ogni azione che facciamo deve essere fatta come un servizio, cioè come un nostro dovere. Così il risultato non avrà nessuna importanza per noi.Invece se facciamo una azione con desiderio allora il risultato sarà una nostra preoccupazione, nascerà attacamento ed inevitabilmente accumuleremo karma. È molto importante avere un rapporto di distacco con il risultato.Facciamo un'analisi sincera ogni giorno e chiediamoci che rapporto abbiamo con il risultato delle nostre azioni. Questo ci aiuterà a maturare e crescere.

Stiamo insieme, camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

Aom shanti

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 07/01/2021

Come ritrovare la felicità?


Per ritrovare la felicità bisogna perdere prima la nostra richezza, l'ego, l'ignoranza, l'attaccamento e l'avidità.L'anima pura è stata persa perché viviamo nel Maya.
Per ritrovarla bisogna perdere alcune cose, meglio ancora trasformarle, attraverso la rinuncia. Rinunciando impariamo il distacco ma prima dobbiamo imparare ad accettare noi stessi e gli altri, stabilendo armonia dentro e fuori di noi. Solo dopo si può raggiungere un vero e proprio distacco.Per fare questo alcune pratiche sono necessarie: yoga, meditazione, cantare mantra ma anche semplicemente diventare consapevoli delle proprie azioni.Anche sviluppare la resistenzza fa parte di un'ottimo processo spirituale.Resistere, non criticare e non ti lamentare!

Stiamo insieme, camminiamo insieme verso la resistenza e la verità.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

youtu.be/wPstoftvIJE

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"- Satsang durante la Puja del 06/01/2021

Quanto tempo dedichiamo alla contemplazione della natura?


La maggior parte del tempo la dedichiamo alla realizzazione dei nostri
bisogni materiali.Diamo importanza alle pratiche spirituali in modo particolare alla meditazione, perché è la richezza che tutti noi abbiamo dentro sin dalla nascita.MEDITARE È UN NOSTRO DOVERE E DIRITTO, la vita ci ruba la meditazione!Con la meditazione perderemo la nostra falsa identificazione.Per ritrovare noi stessi nella meditazione è necessario maturare, cioè rinunciare per ritrovare una nuova cosa dentro di noi.Lo stato di distacco è la maturità che porta la crescita interiore, dove si trova la meditazione.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la meditazione.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/TWhqFEhymIc

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 05/01/2021

LA VITA È TUTTO E NIENTE, PIENO E VUOTO!

La vita non deve essere vissuta con spirito di ottenimento.Sé continuiamo a programmare la nostra vita saremo continuamente delusi sé ciò che è stato stabilito non si realizza. Dobbiamo accettare gli accadimenti che si susseguono nella nostra vita ed imparare ad accettare tutto ciò che arriva con la consapevolezza che tutto è già stabilito, tutto è verità e nulla è sbagliato.

L'assenza di Maya è il vuoto.
Quando fermiamo il movimento rimane la pace e il vuoto.
Invece quando c'è azione, c'è rumore e quindi non c'è la pace e il vuoto sparisce.
Durante la meditazione stiamo come vuoto.

Camminiamo insieme verso la Verità e il Vuoto!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/Tm2eMb8tptA

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 04/01/2021

IL MANTRA OM 

Il suono Om risveglia in noi la consapevolezza del suono primordiale della nascita della materia, il ritorno alla sorgente dalla quale siamo nati.Per potere fare un lungo cammino spirituale occore tenere in salute il corpo a lungo, per questo i ritmi naturali del riposo, alimentazione e lavoro vanno tenuti in equillibrio.L'obbiettivo principale del nostro operare è purificare l'anima attraverso un progressivo cambiamento e trasformazione delle nostre abitudini.Trasformare significa andare verso le qualità supreme:la pace, tranquillità, serenità, beatitudine, devozione. Queste qualità ci collegano alla vita spirituale nella pienezza .

Camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://youtu.be/6nc0JtJ2bck

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"- Satsang durante la Puja del 03/01/2021

Atmika e Laukika

Il nostro vero percorso spirituale inizia quando ci facciamo queste domande:
Chi sono io?
Dove sto?
Cosa sto facendo?
Cosa devo seguire: spirituale oppure mondana?
Quale il mio compito?
Chi è Dio?
Che cos'è che voglio veramente?
Dov'ero prima di nascere e dove andrò dopo la morte?
Qual'è il mio compito qui sulla terra?Non possiamo avere tutte le risposte subito ma dobbiamo impegnarci ogni giorno con pazienza, resistenza, pace e felicità per cercare le risposte. Tutti noi abbiamo due possibilità: scegliere la vita spirituale(Atmika Jivan) oppure la vita mondana(Laukika Jivan)Nella vita mondana ci sono sempre preoccupazioni, siamo sempre di corsa mentre nella vita spirituale tutto scorre continuamente senza ostacoli e preoccupazioni.
Camminiamo insieme nella vita spirituale senza preoccupazioni.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://studio.youtube.com/video/y_ggA2tF8Rc/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"-Satsang durante la Puja del 02/01/2021

QUANDO DIGIUNIAMO SVILUPPIAMO LA DEVOZIONE!

Digiunare per uno scopo spirituale non significa solo non mangiare ma anche allontanare ogni male.Digiunare da cattive azioni è la nostra missione di vita. Digiunare significa distaccarsi dal Maya quindi dalla gelosia, l'odio, paura, falsità, violenza. Come facciamo a distaccarci?
La devozione ci aiuta in questo, attraverso la via della riduzione che ci porta ad un'assenza di disturbi esterni ed interni.La devozione è un'emozione pura, senza aspettative, desideri e attacamento.Cantare i mantra aiuta a sviluppare la devozione quindi troviamoci ogni mattina per sviluppare la nostra devozione.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la devozione.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti Aom

https://studio.youtube.com/video/VMnWUHX5buc/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayananda"- Satsang durante la Puja del 01/01/2021

Sé connetti con la verità diventerai Silenzio, con il sorriso!

Niente è al di sopra della verità e non c'è niente di più condannabile della menzogna.Abbiamo due possibilità: connettere con la verità oppure connettere con Maya, chiamata anche illusione, ignoranza, impermanenza. Quando sperimentiamo difficoltà, problemi, ostacoli vuol dire che non siamo nella verità.Quando stiamo in Silenzio abbiamo la possibilità di sperimentare la verità, decidere di non agire e non riflettere Maya. Siate come il fior di lotto che vive nell'acqua ma non si bagna quindi vivete nel Maya ma non contagiatevi con la sua illusione.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la Verità.

Il Maestro

https://studio.youtube.com/video/S3yQ2LjHbDM/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joytimayanda" - Satsang durante la Puja del 31/12/2020

Amare è un regalo puro quindi imparate ad amare senza aspettativa.

Amare è offrire la pace e il bene.La parola “soffrire” è composta da “So”+”Offrire”- che vuol dire sapere offrire, amare non deve essere una sofferenza ma un'offerta, il miglior regalo è conoscere come ci si dona all'altro.L'universo è la casa di chi ha una visione ampia, compito nostro è sentirci al centro dell'universo
non rimandando il bene a domani.Sé vogliamo donare dobbiamo essere consapevoli che le difficoltà ci sono ed è giusto che sia così perché questo significa che stiamo rinunciando alle nostre comodità. Apprezziamo le difficoltà perché questo significa che ci stiamo donando agli altri.

Siamo insieme, camminiamo insieme e proteggiamo l'un l'altro con amore!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joytimayanda" - Satsang durante la Puja del 30/12/2020

I DESIDERI NON SINCERI PORTANO TUTTE LE DIFFICOLTÀ!

Tutti i problemi e le difficoltà nascono dalla mancanza di comprensione.Per avere una buona comprensione bisogna usare l'intelletto superiore chiamato Mahat, cioè sostanzialmente vedere il bene nel male.Ogni situazione può essere affrontata secondo la propria abilità e capacità oppure uno può anche decidere di distaccarsi completamente da qualsiasi situazione, lasciando scorrere e finalmente lasciando andare ogni cosa.Qualunque sia la decisione presa, cioè affrontare oppure lasciare andare, la cosa importante è sentire la soddisfazione e apprezzamento come frutto della proprie azioni.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://studio.youtube.com/video/zO7MDMPZJdc/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda"- Satsang durante la Puja del 29/12/2020

"Chi sono io?"


Questa domanda ci aiuta distogliere la nostra attenzione dal mondo esterno, che porta frustrazione, rabbia, tristezza e ci porta verso l'interno di noi stessi dove la consapevolezza ci da chiarezza su chi realmente siamo, quali sono le cose che dobbiamo curare come per esempio la nostra anima, mente, energia.... e non dimentichiamo il nostro corpo!Se hai veramente cura del tuo corpo allora la tua anima prenderà una buona esperienza dalla vita.Nella vita si può fare ogni tipo di esperienza ma con una giusta percezione che deve essere profondamente connessa con il nostro Sè.Conosci te stesso e la realtà ultima.
Conoscere il mondo esteriore è una forma di illusione.La vera crisi è sperimentare la mancanza di crescita, l'instabilità e il non avere un rapporto profondo con le persone che ci circondano.È il nostro naturale diritto invece sperimentare la gioia, la pace, l'amore e la soddisfazione.Ma tutto questo è possibile solo sé ogniuno di noi fa un lavoro su sé stesso per imparare ad avere la giusta percezione sulla vita.Siamo insieme ed insieme camminiamo nella profondità di noi stessi alla ricerca della giusta percezione della vita.

Il Maestro

Aom Shanti Shanti Shanti

https://studio.youtube.com/video/1ZAkeaFv3Jc

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda" - Satsang durante la Puja del 28/12/2020

SO HAM - IO SONO

Esistiamo come libertà e perfezione.Possiamo sperimentare la pienezza sotto i nostri piedi, perché lì si trova la terra e alzando gli occhi al cielo scopriremo l'intero universo. Sviluppa la Coscienza per apprezzare nel momento presente tutta la bellezza che c'è : il cielo, la terra, il mare, i monti.Se sviluppi la capacità di restare al centro, lì troverai l'armonia della vita così non cercherai più né il passato né il futuro e resterai immerso solo nel presente.Questo farà sicché tu viva la tua vita come un sacro dovere sempre vedendo la parte buona della vita e tutta la meraviglia che ti circonda.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la Verità!

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti, Shanti

https://studio.youtube.com/video/3rblJCo2QMs/edit
♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda" - Satsang durante la Puja del 27/12/2020

LA RINUNCIA E' LA PIU' GRANDE REALIZAZZIONE!

Nella nostra giornata restiamo focalizzati sugli Nyama(cose da fare) e gli Yama(cose da non fare).
Il dovere di fare oppure di non fare certe cose nasce dalla necessità di vivere nell'oggi e dalla volontà di vivere con soddisfazione e apprezzamento. Per avere emozioni supreme dobbiamo canalizzare i sensi in modo equilibrato . Per padroneggiare la mente è necessario quindi educare i sensi: mangiare poco oppure digiunare, parlare poco oppure per niente, pensare poco oppure non pensare, lavorare tanto oppure impariamo a volte a non fare niente e quindi meditare. Per questo dobbiamo vivere ogni momento nella coscienza del presente, in contemplazione, staccandoci dal passato e non attaccandoci al futuro. IL SORRISO è la chiave che ci connette al presente e la consapevolezza rende ogni momento intenso, unico ed irripetibile.

Il Maestro

Siamo insieme, camminiamo insieme e proteggiamo l'un l'altro con amore!

Aom Shanti, Shanti, Shanti

https://studio.youtube.com/video/kIyl_3e2Sqk/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda" - Satsang durante la Puja del 26/12/2020

È nostra responsabilità costruire solo belle qualità ed eventi positivi nella nostra vita!

La luce che guida la tua salute costruisce le cellule che mantengono la tua gioia, il tuo sorriso, la tua perseveranza, soddisfazione, contemplazione, pazienza, pace ed amore.Ogni giorno affrontiamo nuove situazioni ed è nostro dovere affrontarle con soddisfazione, amore, gratitudine e tranquillità. Per questo è necessario usare la nostra coscienza, con l'obiettivo di raggiungere l'inconscio, creare nuove abitudini positive che ci aiutino ad affrontare la quotidianità con pace e serenità.

Siamo insieme, camminiamo insieme verso la verità!

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti. Shanti

https://studio.youtube.com/video/xl3AiVE4gEo/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

"La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda"- Satsang durante la Puja del 25/12/2020

SORRIDI SEMPRE!

Quatro regole basilari da seguire ed accompagnare:
amate,siate appagati, fate del bene e realizzate il vostro fine.Non stancarti mai di amare il prossimo!
Dai al tuo prossimo la tua buona energia quindi TU per prima sii buono, equilibrato e in pace .Aiutando gli altri vi sentirete appagati, quindi aiutate gli altri sempre di più e in modo onesto.Fate sempre del bene e il bene un giorno vi ritornerà ma soprattutto fai il bene adesso e oggi, anche sé il risultato non sarà riconosciuto oppure il tuo bene dimenticato.Realizzare il proprio fine arricchisce la propria anima, segui questa missione così importante che è il Dharma.

QUINDI GESTISCI BENE IL TUO TEMPO E SORRIDI SEMPRE!

Il Maestro

Aom shanti

https://studio.youtube.com/video/T28BiShp1os/edit

 ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda"- Satsang durante la Puja del 24/12/2020

Liberare l'anima dall'illusione attraverso Tapas!


Tapas significa seguire il proprio dovere nella vita, la pratica spirituale come lo yoga e la meditazione. Tapas libera dalla sofferenza e ci rende tolleranti bruciando così il destino, chiamato Karma.
Siamo come alberi, le radici rappresentano l'accettazione, il tronco rappresenta lo stato di non attacamento e i rami rappresentano la toleranza.
La sofferenza nasce dalla non accettazione. Ma attraverso la rieducazione e la ripetizione nuove abitudini nascono che iniziano a fare parte del nostro subconscio, quindi diventano basi solide e consolidate per la nostra pratica spirituale.

Siamo insieme, camminiamo insieme e proteggiamo l'un l'altro con amore!

Il Maestro

Aom Shanti, Shanti, Shanti!

https://studio.youtube.com/video/ftfNm3oVHb0/edit

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 La saggezza del giorno con Swami Joythimayanda" - Satsang del 23/12/2020

LE BUONE QUALITA' DA SVILUPPARE!

Attraverso le pratiche spirituali, come lo yoga oppure la meditazione, le buone qualità nascoste nel nostro Sé emmergerano e attraverso la perseveranza diventerano un'abitudine.

Le qualità come la determinazione, pazienza, compassione, gratitudine,amore, pace e beatitudine conferiscono stabilità al proprio cammino spirituale.
Ogniuno ha le sue speciali qualità ed è nostro dovere scoprire quali sono per il bene di sé stessi e per gli altri.
Siamo insieme, camminiamo insieme e proteggiamo l'un l'altro con amore!

Il Maestro

Aom Shanti

https://studio.youtube.com/video/hrFn3AWzFqY/edit

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

 

 

 

Swami Joythimayananda

06

Il Maestro Swami Joythimayananda, Acharya (Maestro di Yoga) e Vaidya (Sapiente Ayurvedico)

Calendario dei corsi

Il calendario di corsi, appuntamenti e iniziative dell'Ashram: consultalo spesso e scopri le novità.

Foto Gallery

Le nostre gallerie fotografiche: la vita in Ashram, i convegni, le manifestazioni, le persone...